Le ri­cet­te del­le non­ne

Per Pao­la la ve­ra sag­gez­za è la di­spo­ni­bi­li­tà al cam­bia­men­to. «La tra­di­zio­ne è un te­so­ro. Per po­ter­la ap­prez­za­re dob­bia­mo pe­rò adat­tar­la al­le esi­gen­ze con­tem­po­ra­nee»

La Cucina Italiana - - Sommario - di LAU­RA FOR­TI, fo­to JA­CO­PO SAL­VI

Non di­men­ti­co, ma modifico

Sia­mo a Tor­bo­le, sul­la ri­va tren­ti­na del la­go di Gar­da. Nel­la piaz­zet­ta, a po­chi pas­si dal­la spiag­gia e dal cen­tro, si tro­va Ca­sa Beu­st, una del­le più an­ti­che e co­no­sciu­te del pae­se. Pao­la Oli­vie­ri, 73 an­ni, abi­ta qui da quan­do si è spo­sa­ta. Og­gi ge­sti­sce con il ma­ri­to un pic­co­lo re­si­den­ce, ma nel­la sua vi­ta ha fat­to mol­ti la­vo­ri, tra cui an­che la ri­sto­ra­tri­ce, nell’al­ber­go dei suo­ce­ri.

«Quan­do mi so­no spo­sa­ta ero del tut­to di­giu­na di cu­ci­na, ma ero in­cu­rio­si­ta da que­sta ar­te. Per for­tu­na le cri­ti­che co­strut­ti­ve di mio ma­ri­to mi han­no sti­mo­la­to a mi­glio­ra­re. Poi so­no ar­ri­va­ti i fi­gli (ne ha due, ndr), e va­rie esi­gen­ze di sa­lu­te. Co­sì ho ini­zia­to a spe­ri­men­ta­re, to­glie­re, adat­ta­re. Ora cu­ci­no so­lo per pia­ce­re, amo sor­pren­de­re i miei ospi­ti con pro­po­ste sem­pre di­ver­se, a vol­te a te­ma, a vol­te spi­ri­to­se o pro­vo­ca­to­rie. Una se­ra ho in­vi­ta­to un ami­co ap­pas­sio­na­to di pa­sta a man­gia­re gli “spa­ghet­ti di zuc­chi­ne”: la sua fac­cia quan­do ha sco­per­to che era so­lo ver­du­ra va­le­va la se­ra­ta. La cu­ci­na è mol­to cam­bia­ta ri­spet­to a qua­rant’an­ni fa, ed è giu­sto ade­guar­si al­le nuo­ve esi­gen­ze: il qua­der­no di ri­cet­te di mia suo­ce­ra ri­ma­ne un’ispi­ra­zio­ne, ma ri­chie­de cor­re­zio­ni. Og­gi stia­mo più at­ten­ti al be­nes­se­re e al­la sa­lu­te. Io, per esem­pio, ho do­vu­to ri­nun­cia­re al­lo zuc­che­ro, ma sic­co­me ado­ro i dol­ci, mi in­ge­gno a cam­bia­re le ri­cet­te tra­di­zio­na­li, per tro­va­re so­lu­zio­ni al­ter­na­ti­ve».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.