Ma­rot­ta te­me già lo scip­po dell’ivo­ria­no di Ver­cel­li

1L’at­tac­can­te, pri­mo 2000 in cam­pio­na­to, è lo ju­ven­ti­no più gio­va­ne di sem­pre in A. L’a.d. bian­co­ne­ro: «Spe­ro che Ra­io­la non ce lo por­ti via»

La Gazzetta dello Sport - - Serie Aranticipi - Mat­teo Dalla Vite INVIATO A TORINO

Sei­mi­la­cen­to­no­ve gior­ni do­po la sua na­sci­ta a Ver­cel­li e 39 mi­nu­ti do­po l’ini­zio di un se­con­do tem­po che fa­rà a suo mo­do storia, Moi­se Kean fa lo scat­to d’an­zia­ni­tà e com­ple­ta l’al­lu­nag­gio: è il bim­bo re­cord, il più gio­va­ne esor­dien­te della Juve in Se­rie A (ha su­pe­ra­to Bu­so de­but­tan­te a 16 an­ni, 9 me­si, 24 gior­ni il 12 ot­to­bre 1986 in Fio­ren­ti­na-Juve 1-1), il pri­mo clas­se 2000 ad esor­di­re in cam­pio­na­to, 16 an­ni e 8 me­si, ric­cio­li schia­ri­ti, fin­te, con­tro­fin­te, una pal­la per­sa, un an­go­lo gua­da­gna­to e un in­gres­so che vie­ne ac­col­to co­me l’ap­pa­ri­zio­ne di una star, lui che star ancora non è. Pe­rò Moi­se piace per­ché spac­ca, per­ché vie­ne con­si­de­ra­to già... avan­ti pur aven­do fat­to so­lo qual­che pas­so. Piace sì: an­che all’este­ro.

MINO, NON PORTARLO VIA Il ba­by ita­lia­nis­si­mo era sta­to pre­so da Al­le­gri, in pri­ma squa­dra, già da al­cu­ne set­ti­ma­ne. Emo­zio­ni, adre­na­li­na, forza in­co­scien­te da far ve­de­re ai gran­di­cel­li, un pic­co­lo ca­lo fi­sio­lo­gi­co, due con­vo­ca­zio­ni (per Udi­ne­se e Lio­ne) ma un debutto so­lo sfio­ra­to: ec­co il cur­ri­cu­lum (fi­no a ie­ri) di un ra­gaz­zo for­te e for­tu­na­to che aveva pian­ta­to la ban­die­ri­na sul­le pa­gi­ne dei gior­na­li gra­zie ai gol con la Pri­ma­ve­ra pur es­sen­do sot­to-età. Ep­pu­re gol e sem­pre gol, fi­no a quan­do il suo no­me cre­sce, lie­vi­ta e di­ven­ta non più spet­ta­to­re ma at­to­re di una fa­vo­la per mol­ti ma non per tutti: per­ché i 16en­ni o an­che i 15en­ni che nella storia han­no esor­di­to in A non so­no sta­ti po­chi (esem­pi: il re­cord­man Ame­deo Ama­dei pas­san­do poi da Ri­ve­ra, El Shaa­rawy, Cam­pio­ne, Pir­lo). E so­prat­tut­to so­no sta­ti tutti più buo­ni che no. Ed è tal­men­te buo­no Kean – na­to da ge­ni­to­ri di ori­gi­ni ivo­ria­ne – che l’Eu­ro­pa si è mes­sa a vo­ler­lo. Eu­ro-pe­ri­co­lo. «E spe­ria­mo che Ra­io­la – dice l’a.d. Ma­rot­ta – non ce lo por­ti via».

IL DIO DENARO Già, per­ché il no­do-con­trat­to (al mas­si­mo trien­na­le, vi­sto che è mi­no­ren­ne) ri­schia di di­ven­ta­re in­gar­bu­glia­tis­si­mo, e il tut­to do­po che l’esta­te scor­sa c’era sta­to un pic­co­lo at­tri­to fra le par­ti, scin­til­la che og­gi si sa­reb­be so­stan­zial­men­te so­pi­ta in at­te­sa della fir­ma. Kean, se­gui­tis­si­mo dalla ma­dre e coc­co­la­tis­si­mo dalla Ju­ven­tus, ha in Mino Ra­io­la il suo gran­de scu­die­ro. «E spe­ro dav­ve­ro – ri­ba­di­sce Bep­pe Ma­rot­ta a Sport­me­dia­set – che non lo por­ti via: esi­ste sem­pre la cor­ret­tez­za frut­to di tra­spa­ren­za che c’è con lui. Uf­fi­cial­men­te non sap­pia­mo chi è l’agen­te, pen­so che Moi­se ab­bia tan­ti an­ni da­van­ti e che gio­ca­re nella Juve sia mo- ti­vo di or­go­glio: in­som­ma, me­glio di qui do­ve può an­da­re? Se il di­scor­so in­ve­ce è eco­no­mi­co, beh, è diverso: l’agen­te de­ve fa­re ra­gio­na­re l’as­si­sti­to, il dio denaro non de­ve essere fon­da­men­ta­le». In pra­ti­ca c’è la con­fer­ma – tra­mi­te chia­ra al­lu­sio­ne all’aspet­to eco­no­mi­co – che al­tre squa­dre so­no di­spo­ste a fa­re pon­ti d’oro al ra­gaz­zo: Ar­se­nal e Man­che­ster Ci­ty so­prat­tut­to al­let­ta­no il ver­cel­le­se con un in­gag­gio da ca­po­gi­ro, e la Juve cer­ca di ar­ri­va­re al dun­que al più pre­sto (con quel trien­na­le) an­che per questo. Ci­fre? Al mo­men­to non tra­pe­la­no: la ci­fra che con­ta è 16 an­ni, 8 me­si, 19 gior­ni. Fir­ma­to Moi­se Kean.

PEGASO

Moi­se Kean, na­to a Ver­cel­li il 28-2-2000, è cre­sciu­to nella Juve

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.