Da­ni vin­ce il duel­lo Hon­da Va­le al so­li­to die­tro, ma...

1Lo spa­gno­lo non par­ti­va in po­le dal 2015. Marc (2°) ha ri­schia­to co­me un matto, Crut­chlow 3°. Ros­si 7° con una Ya­ma­ha in cri­si. Cre­sce Lo­ren­zo (8°)

La Gazzetta dello Sport - - Motomondiale - Pao­lo Ia­nie­ri IN­VIA­TO A JEREZ (SPA­GNA)

man­da­va­no in sce­na la gran­de ris­sa che avreb­be con­di­zio­na­to il fi­na­le del Mon­dia­le.

BRI­VI­DI Pri­ma aven­do­lo co­me ri­fe­ri­men­to a po­chi me­tri (un de­ci­mo più len­to), poi con pi­sta li­be­ra da­van­ti, Mar­quez ha pro­va­to a cen­tra­re la ter­za po­le di fi­la do­po Ar­gen­ti­na e Sta­ti Uni­ti, pren­den­do­si ri­schi paz­ze­schi, co­me quel­lo tra le cur­ve 11 e 12, il ve­lo­cis­si­mo trat­to con pie­ga a de­stra che por­ta al tor­nan­ti­no fi­na­le: quan­do il po­ste­rio­re è par­ti­to per un at­ti­mo, con un san­gue fred­do im­pres­sio­nan­te Mar­quez ha ri­pre­so il con­trol­lo, riu­scen­do per­si­no a mi­glio­ra­re di un nul­la — 2 mil­le­si­mi! — il suo pre- ce­den­te mi­glior gi­ro, non ab­ba­stan­za per bat­te­re Da­ni. «Quel­lo che ha fat­to è in­cre­di­bi­le, nes­sun al­tro gui­da co­sì al li­mi­te» lo ha ap­plau­di­to An­drea Do­vi­zio­so. «Lì ho avu­to pau­ra e ho per­so con­cen­tra­zio­ne, ma il 2° po­sto mi va be­nis­si­mo», la re­pli­ca di Mar­quez.

YA­MA­HA FA­TI­CA È sta­to il gran fi­na­le di una gior­na­to­na Hon­da com­ple­ta­ta dal 3° po­sto di Cal Crut­chlow, sem­pre più a suo agio nel­le po­si­zio­ni di ver­ti­ce («So­no con­ten­to, an­che se ho per­so tem­po a pro­va­re no­vi­tà per Hon­da» il com­men­to biz­zar­ro dell’in­gle­se di Lu­cio Cec­chi­nel­lo), men­tre ha fa­ti­ca­to la Ya­ma­ha, che qui ha spes­so do­mi­na­to. «La mo­to al po­ste­rio­re sci­vo­la tan­tis­si­mo nel­le cur­ve a si­ni­stra e per ora non sia­mo riu­sci­ti a ri­sol­ve­re il pro­ble­ma, spe­ria­mo che con l’au­men­to del­la tem­pe­ra­tu­ra non peg­gio­ri» ha spie­ga­to Ma­ve­rick Viña­les, 4° e mi­glio­re del­la trup­pa di Iwa­ta, con Jo­hann Zar­co 6° al­le spal­le del­la Su­zu­ki di An­drea Ian­no­ne e da­van­ti a Ros­si, riu­sci­to all’ul­ti­mo ad ar­ti­glia­re il 7° po­sto.

EC­CO LO­REN­ZO Una di­fe­sa com­pli­ca­ta, quel­la del­la lea­der­ship iri­da­ta, per Va­len­ti­no, che su una pi­sta do­ve il sor­pas­so non è tra i più age­vo­li, og­gi al­le 14 do­vrà scat­ta­re al me­glio dal­la ter­za fi­la per re­sta­re ag- gan­cia­to al tre­no dei migliori. E chis­sà se, con lui, ri­sa­li­ran­no an­che le Du­ca­ti: se per Do­vi­zio­so, il cui sa­ba­to è fi­ni­to in Q1 (12° al­le spal­le di Da­ni­lo Pe­truc­ci), la ri­mon­ta si an­nun­cia com­pli­ca­ta, c’è at­te­sa per quel­lo che fa­rà Jor­ge Lo­ren­zo. Su una pi­sta che ama sta gui­dan­do al­la gran­de so­pra i li­mi­ti di una GP17 che fi­nal­men­te ini­zia a sen­ti­re più sua: «La qua­li­fi­ca non ri­spec­chia il mio ve­ro rit­mo — spie­ga sol­le­va­to Jor­ge, 8° —, mol­to vi­ci­no ai pri­mi. Guido flui­do, mi sen­to sem­pre me­glio, con una mo­to che ri­spet­to al­la Ya­ma­ha mi of­fre una mag­gio­re ve­lo­ci­tà di pun­ta e una mi­glio­re stac­ca­ta».

Ci ha pro­va­to, Marc Mar­quez, a fre­gar­li. Con Va­len­ti­no Ros­si gli è an­da­ta be­ne, con Da­ni Pe­dro­sa no. Fi­na­le in­fuo­ca­to e gio­ca­to sull’astu­zia, quel­lo che ha de­ci­so la qua­li­fi­ca del GP di Spa­gna, gran pro­lo­go del GP nu­me­ro 3000 del­la sto­ria, con Marc a difendere la mo­men­ta­nea po­le da­gli av­ver­sa­ri in ag­gua­to. Con la cles­si­dra del­la qua­li­fi­ca qua­si vuo­ta, Va­len­ti­no dal suo box si è mes­so a mar­ca­re a vi­sta il cam­pio­ne del mon­do, po­ten­zia­le gran trai­no per ri­sa­li­re po­si­zio­ni im­por­tan­ti in gri­glia do­po l’en­ne­si­mo ini­zio di wee­kend tri­bo­la­to; a sua vol­ta, Marc, con un oc­chio guar­da­va Ros­si e con l’al­tro le mos­se del com­pa­gno. Quan­do Mar­quez è usci­to dal ga­ra­ge ed è sa­li­to sul­la RC213V per da­re il via all’ul­ti­mo ten­ta­ti­vo, Ros­si ha fat­to lo stes­so, par­ten­do nel mo­men­to in cui la Hon­da nu­me­ro 93 ve­ni­va ac­ce­sa. Ma pro­prio men­tre la sua Ya­ma­ha pas­sa­va da­van­ti al box Hon­da, Marc con un ghi­gno sot­to il ca­sco ha spen­to la mo­to, la­scian­do Va­le al suo de­sti­no e pre­pa­ran­do­si al­la di­sfi­da in fa­mi­glia. Po­chi istan­ti do­po le due Hon­da so­no usci­te in fi­la, con Mar­quez in­col­la­to agli sca­ri­chi di Da­ni, ral­len­tan­do ogni vol­ta che il com­pa­gno chiu­de­va il gas, ac­ce­le­ran­do quan­do in­ve­ce il «Sa­mu­rai» ri­par­ti­va. «Di si­cu­ro non mi ha re­so la vi­ta fa­ci­le, a me­tà pi­sta mi so­no fer­ma­to, mi so­no gi­ra­to e lui ave­va fat­to lo stes­so. Sa­pe­vo che se aves­si fat­to un gran tem­po le pos­si­bi­li­tà che mi bat­tes­se era­no gran­di, pe­rò ero già se­con­do e stu­fo di con­ti­nui piaz­za­men­ti, co­sì ho ac­cet­ta­to la sfi­da. E l’ho vin­ta» spie­ga con il sor­ri­so Pe­dro­sa, ca­pa­ce di so­pra­van­za­re il com­pa­gno per 49 mil­le­si­mi: non par­ti­va da­van­ti a tut­ti dal GP di Ma­le­sia 2015, poi vin­to men­tre al­le sue spal­le Ros­si e Mar­quez

CHE PAU­RA QUEL­LA DERAPATA NEL VE­LO­CE. HO PER­SO CON­CEN­TRA­ZIO­NE MARC MAR­QUEZ PI­LO­TA HON­DA

LUI MI MARCAVA, MA IO HO TI­RA­TO LO STES­SO E HO VIN­TO LA SFI­DA DA­NIEL PE­DRO­SA PI­LO­TA HON­DA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.