Grei­pel fa stri­ke col nu­me­ro sto­ri­co E Ni­ba­li in di­sce­sa pro­vo­ca Quin­ta­na

A Tor­to­lì il te­de­sco vin­ce col dor­sa­le che coin­ci­de con le edi­zio­ni del Gi­ro ed è ma­glia ro­sa. Il si­ci­lia­no si sca­te­na giù da Gen­na Si­la­na. Og­gi l’ul­ti­ma tap­papp sar­da: vo­la­ta a Cagliari g

La Gazzetta dello Sport - - Ciclismo - Pao­lo Ma­ra­bi­ni IN­VIA­TO A TOR­TO­LÌ (OGLIASTRA)

Pri­ma Au­stria, poi Ger­ma­nia. Il Gi­ro par­la an­co­ra te­de­sco. Sor­pre­so il gior­no pri­ma, co­me tut­ti gli al­tri ve­lo­ci­sti, dal col­po di ma­no del car­nea­de Pö­stl­ber­ger, “Go­ril­la” Grei­pel si pren­de tap­pa e primato sul tra­guar­do di Tor­to­lì. Scu­sa­te il ri­tar­do, gli ver­reb­be da di­re. Per­ché ve­ner­dì gli sa­reb­be tan­to pia­ciu­to ba­gna­re il dor­sa­le nu­me­ro 100 con la pri­ma ma­glia ro­sa del Gi­ro 100. Ma poi quel che con­ta è la­scia­re il se­gno: va be­ne an­che il gior­no do­po. E sta­vol­ta l’uo­mo di Ro­stock, ex Ddr, non sba­glia il col­po, per giun­ta dop­pio. Per­ché al­la set­ti­ma vit­to­ria nel­la cor­sa Gaz­zet­ta, a 9 an­ni dal­la pri­ma, ag­giun­ge la pri­ma vol­ta da lea­der, lui che era già sta­to due gior­ni al co­man­do del­la Vuel­ta.

GUER­RA DI NER­VI Vo­la­ta per­fet­ta, nul­la da di­re. Pur non fa­ci­le, co­me tut­te quel­le che ar­ri­va­no all’ini­zio, quan­do il grup­po è a ran­ghi com­ple­ti, i cor­ri­do­ri han­no for­ze fre­sche e le ten­sio­ni so­no al­te an­che fra i big di clas­si­fi­ca. Prova ne è che, nel tor­tuo­so fi­na­le di una tap­pa da ven­to in fac­cia e po­ca pia­nu­ra, Vin­cen­zo Ni­ba­li man­di da­van­ti i suoi giannizzeri ros­so­blù e si lan­ci a tut­ta in di­sce­sa, per evi­ta­re an­go­sce stan­do nel­la pan­cia del grup­po, ma an­che per met­te­re il sa­le sul­la coda ai ri­va­li, pri­mo fra tut­ti l’uo­mo for­te di que­sto Gi­ro, Nai­ro Quin­ta­na, ov­ve­ro il gran­de fa­vo­ri­to per la ma­glia ro­sa diMi­la­no. La pri­ma sca­ra­muc­cia del­la guer­ra di ner­vi che, ine­vi­ta­bil­men­te, fa par­te del cli­ché di un gran­de gi­ro, non scal­fi­sce pe­rò più di tan­to l’im­per­tur­ba­bi­le co­lom­bia­no, scor­ta­to da Ben­na­ti e com­pa­gni, sem­mai co­sta giu­sto 20” di gap al rus­so Za­ka­rin, at­tar­da­to per un pro­ble­ma mec­ca­ni­co. Lo stes­so Squa­lo – e con lui Tho­mas, Quin­ta­na, Ya­tes, Rui Co­sta, Krui­j­swi­jk, Lan­da, Du­mou­lin, Mol­le­ma, fi­nan­che Pol­li­ci­no Poz­zo­vi­vo – sa­rà­poi lì da­van­ti a sprin­ta­re sul tra­guar­do per non cor­re­re ri­schi. In­som­ma, cer­te vo­la­te, do­po tappe esi­gen­ti al­la vo­ce ener­gie, non so­no più un af­fa­re esclusivo del­le ruo­te ve­lo­ci.

UR­TO Lan­cia­to dal tre­no Lot­toSou­dal, rin­for­za­to­si que­st’an- no di un mar­can­to­nio to­sto co­me l’olan­de­se Ho­fland, ul­ti­mo va­go­ne per­fet­to per av­ven­tar­si sui tra­guar­di al­la sua por­ta­ta, il buon Grei­pel det­ta leg­ge sul ret­ti­li­neo di Tor­to­lì, cer­to av­van­tag­gia­to dal toc­co fra Ewan e Ga­vi­ria che met­te fuo­ri gio­co en­tram­bi. Al­la stes­sa stre­gua, il com­pi­to gli si age­vo­la per l’usci­ta di sce­na ai me­no 2 km di Mo­do­lo, col­pi­to da cram­pi e rim­piaz­za­to a quel pun­to nel­la vo­la­ta da Fer­ra­ri, poi bril­lan­te se­con­do. Dal can­to suo, nul­la può l’ex car­pen­tie­re Lu­kas Pö­stl­ber­ger, che pu­re az­zar­da lo sprint, nel­la spe­ran­za di sal­va­re la ma­glia ro­sa gra­zie all’ab­buo­no: se non al­tro, do­po es­ser­si go­du­to il gior­no più ec­ci­tan­te del­la sua gio­va­ne car­rie­ra, si tie­ne quel­la bian­ca di lea­der dei gio­va­ni.

GO­RIL­LA Grei­pel è un gi­gan­te buo­no, pa­ci­fi­co, pro­prio co­me il Go­ril­la, l’ani­ma­le che i te­de­schi gli han­no scel­to co­me nic­k­na­me, da lui gra­di­tis­si­mo. Non at­ti­ra le at­ten­zio­ni fem­mi­ni­li co­me il più gio­va­ne con­na­zio­na­le Mar­cel Kit­tel; non ha nel pal­ma­res clas­si­che pe­san­ti co­me l’al­tra frec­cia teu­to­ni­ca John De­gen­kolb. Ma non se ne cruc­cia. E al­le so­glie dei 35 an­ni, che com­pi­rà il 16 lu­glio al Tour de Fran­ce, e lun­gi dall’aver fis­sa­to il fi­ne car-

rie­ra in tem­pi bre­vi (il suo con­trat­to con la Lot­to-Sou­dal sca­de nel 2018), è ar­ri­va­to a 140 suc­ces­si. E ha già mes­so nel mi­ri­no le 166 per­le di Erik Za­bel, l’uni­co che lo pre­ce­de nel­la clas­si­fi­ca dei te­de­schi plu­ri­vit­to­rio­si di tut­ti i tem­pi. E se è ve­ro che ap­pa­re scon­ta­to il suo ri­ti­ro da que­sto Gi­ro quan­do si en­tre­rà nell’ul­ti­ma set­ti­ma­na di so­le sa­li­te – del re­sto fe­ce co­sì an­che un an­no fa – è an­che ve­ro che da qui a quel gior­no avrà mo­do di ar­ro­ton­da­re ul­te­rior­men­te il suo bot­ti­no.

AL­TRA VO­LA­TA Nien­te di più fa­ci­le che lo fac­cia già og­gi nel­la Tor­to­lì-Cagliari, 148 km qua­si com­ple­ta­men­te pia­neg­gian­ti, che pe­rò cul­mi­ne­ran­no qua­si si­cu­ra­men­te con una vo- la­ta più af­fol­la­ta ri­spet­to a ie­ri: il ven­to, mol­to for­te, sa­rà pe­rò un av­ver­sa­rio in più. E chis­sà che scoc­chi fi­nal­men­te l’ora an­che per l’Ita­lia. Poi si an­drà in Si­ci­lia. E, all’in­do­ma­ni del pri­mo gior­no di ri­po­so, a pro­po­si­to di guer­ra di ner­vi mar­te­dì ci sa­rà il pri­mo ve­ro con­fron­to pro­ban­te fra gli uo­mi­ni che mi­ra­no al­la ro­sa di Mi­la­no, con l’ar­ri­vo sull’Et­na. Non sa­ran­no cer­to i 18 chi­lo­me­tri di sa­li­ta si­no ai 1892 me­tri del Ri­fu­gio Sa­pien­za a dir­ci chi può vin­ce­re il Gi­ro 100. Ma avre­mo già qual­che in­di­zio.

1 1. La vo­la­ta vin­cen­te di An­dré Grei­pel, 34 an­ni, te­de­sco di Ro­stock (ex Ger­ma­nia Orien­ta­le): 7a vit­to­ria al Gi­ro, 140a in car­rie­ra BETTINI 2. Ga­spa­rot­to e Agno­li gui­da­no la Bahrain-Merida di Ni­ba­li, lan­cian­tis­si­ma in di­sce­sa dal Gpm di Gen­na Si­la­na 3.-4. La spal­la­ta tra Ca­leb Ewan (a sin.) e Fer­nan­do Ga­vi­ria, con il pri­mo che per­de il pe­da­le 5. Sar­de­gna da ama­re BETTINI

3 2 4

5

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.