Istin­to di Go­ril­la «Ho fiu­ta­to l’aria È per mam­ma ma­la­ta: ti amo»

1La de­di­ca di Grei­pel: «È a ca­sa con la Sla ma com­bat­te co­me tut­ta la fa­mi­glia»

La Gazzetta dello Sport - - Ciclismo - Ci­ro Sco­gna­mi­glio IN­VIA­TO A TOR­TO­LÌ

Sen­ti­te que­sta: An­dré Grei­pel si è mes­so nel­la scia di Ed­dy Merc­kx e Ber­nard Hi­nault. Quel­lo che all’ap­pa­ren­za è fan­ta­ci­cli­smo in real­tà è so­lo un da­to sta­ti­sti­co, che va spie­ga­to: il Can­ni­ba­le Ed­dy riu­scì a vin­ce­re al­me­no una tap­pa in 14 gran­di gi­ri con­se­cu­ti­vi a cui ave­va par­te­ci­pa­to; il for­mi­da­bi­le Ber­nard si è fer­ma­to a 13. Da ie­ri il 34en­ne del­la Lot­to-Sou­dal è a quo­ta 12 (su 14 in tut­to a cui ha par­te­ci­pa­to): l’ul­ti­ma vol­ta che è ri­ma­sto a sec­co è sta­to al­la Vuel­ta 2007. Die­ci an­ni fa! A Tor­to­lì è ar­ri­va­to l’im­pa­ga­bi­le bo­nus del­la ro­sa con una de­di­ca ve­nu­ta dal cuo­re. «L’ho in­se­gui­ta a lun­go, la ma­glia. È per mia ma­dre, che sta pas­san­do un mo­men­to dif­fi­ci­le (ha la Sla, ndr). È una com­bat­ten­te co­me tut­ti in fa­mi­glia. Mam­ma ti amo».

An­dré, l’an­no scor­so ave­va la­scia­to il Gi­ro in an­ti­ci­po men­tre era in te­sta al­la clas­si­fi­ca a pun­ti. Lo ha rim­pian­to?

«Non era sta­ta una de­ci­sio­ne fa­ci­le, ma ave­vo in te­sta il re­sto del­la sta­gio­ne. Ora non ci pen­so più, è un’al­tra an­na­ta».

Vuol di­re che il suo obiet­ti­vo sta­vol­ta è ar­ri­va­re a Mi­la­no?

«Il mio obiet­ti­vo era vin­ce­re una tap­pa (nell’ul­ti­ma set­ti­ma­na oc­ca­sio­ni non ci so­no, dif­fi­ci­le im­ma­gi­na­re che vo­glia fi­ni­re il Gi­ro, ndr) ».

Si sen­te uno dei più gran­di ve­lo­ci­sti per i gran­di gi­ri?

«Mi sen­to un buon cor­ri­do­re, tut­to qui».

Si aspet­ta­va che la tap­pa fi­nis­se in vo­la­ta?

«Sin­ce­ra­men­te, no. Il per­cor­so non era sem­pli­ce e sia­mo sta­ti ol­tre sei ore in bi­ci per­ché ave­va­mo il ven­to in fac­cia. È sta­to pu­re un van­tag­gio, vi­sto che ha fre­na­to gli at­tac­chi».

Ewan ha per­so il pe­da­le, al­tri­men­ti avreb­be po­tu­to vin­ce­re?

«Ero con­cen­tra­to so­lo su di me. Co­mun­que, è mol­to ve­lo­ce e quin­di cer­to che sì».

La vo­la­ta co­me è sta­ta?

«Non clas­si­ca. Io ho fiu­ta­to l’aria, se­gui­vo l’istin­to. Nes­su­no fre­na­va, co­me ve­ner­dì. È sem­pre co­sì all’ini­zio dei gran­di gi­ri, sia­mo fre­schi. Ma la squa­dra è riu­sci­ta a pi­lo­tar­mi per­fet­ta­men­te. A Ol­bia ave­va­mo per­so un’oc­ca­sio­ne, sa­pe­vo che ci sa­reb­be sta­ta la pos­si­bi­li­tà di ri­scat­tar­si. Ri­spet­to all’an­no scor­so ab­bia­mo ag­giun­to Ho­fland che è mol­to bra­vo. Ca­pi­te­ran­no oc­ca­sio­ni in cui lo aiu­te­rò io, ma di sprint da­van­ti a lot­ta­re per vin­ce­re io spe­ro pro­prio di far­ne an­co­ra tan­ti».

La ma­glia ro­sa che co­sa rap­pre­sen­ta, per lei e per il ci­cli­smo?

«Do­man­da sem­pli­ce: il so­gno da bam­bi­no che si rea­liz­za. So­no fie­ro, or­go­glio­so di in­dos­sar­la e sto pen­san­do a quan­to me la go­drò ver­so Cagliari, a quan­to sia spe­cia­le por­tar­la. Ma­glia ro­sa si­gni­fi­ca sto­ria».

Do­po l’Au­stria in ro­sa, la Ger­ma­nia. Il ci­cli­smo va sem­pre più for­te da quel­le par­ti.

«È un boom. Cre­do che mai co­me di que­sti tem­pi i te­de­schi si di­ver­ta­no a usa­re la bi­ci, e so­no tor­na­ti a se­gui­re mol­to il ci­cli­smo. Al­la par­ten­za del Tour a lu­glio da Dus­sel­dorf bi­so­gne­rà es­ser­ci per ren­der­si con­to dav­ve­ro di quan­ta gen­te ci sa­rà».

La sua pri­ma vit­to­ria in un gran­de gi­ro la ri­cor­da?

«Cer­to, co­me di­men­ti­car­la? Al Gi­ro nel 2008 a Lo­car­no. Que­sta cor­sa è spe­cia­le per me».

BETTINI

An­dré Grei­pel, 34 an­ni, al­la set­ti­ma vit­to­ria di tap­pa al Gi­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.