Pö­stl­ber­ger, la bel­la fa­vo­la dal ro­sa al bian­co

La Gazzetta dello Sport - - Ciclismo - ci. sco.

Dal ro­sa del lea­der as­so­lu­to al bian­co del mi­glior gio­va­ne, e ciò si­gni­fi­ca che Lu­kas Pö­stl­ber­ger un al­tro «gi­ro» tra po­dio, ma­glia e pre­mia­zio­ne non se lo è ne­ga­to. Nien­te ma­le per chi co­me lui è un de­but­tan­te in una cor­sa di tre set­ti­ma­ne. Un uni­ver­so sco­no­sciu­to. E ie­ri, co­me ha spie­ga­to lui stes­so, non è che si sa­reb­be ac­con­ten­ta­to di una pas­se­rel­la in ro­sa sul tra­guar­do di Tor­to­lì, do­po il suc­ces­so di Ol­bia.

BIAN­CA Lu­kas ri­pen­sa al ret­ti­li­neo fi­na­le: «Vo­le­va­mo ri­pro­va­re qual­co­sa all’ul­ti­mo chi­lo­me­tro — ri­ve­la il 25en­ne del­la Bo­ra-Han­sgro­he, com­pa­gno dell’iri­da­to Pe­ter Sa­gan, pri­mo au­stria­co di sem­pre a vin­ce­re una tap­pa al Gi­ro e a ve­sti­re la ro­sa —. Ero an­che mes­so be­ne, Se­lig mi ave­va la­scia­to per­fet­ta­men­te all’ul­ti­mo chi­lo­me­tro, pe­rò Grei­pel è sta­to pi­lo­ta­to al­la per­fe­zio­ne dai com­pa­gni e io non ave­vo la sua stes­sa ve­lo­ci­tà. Pas­sa­re un gior­no in ro­sa è sta­to ma­gni­fi­co, ora ho la bian­ca (è na­to il 10 gen­na­io 1992 e dun­que rien­tra nel­la spe­cia­le clas­si­fi­ca per so­li 10 gior­ni, ndr) e va be­ne lo stes­so. Cer­che­rò di di­fen­der­la il più a lun­go pos­si­bi­le». La sua fa­vo­la non è fi­ni­ta. E chi pen­sa­va che la squa­dra te­de­sca co­min­cias­se e fi­nis­se con Sa­gan sa­rà co­stret­to a ri­cre­der­si.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.