Di­ce Cor­do­ba «Skri­niar ok Pal­lo­ni pu­li­ti per Icar­di»

«Ma an­che Mau­ro de­ve aiu­ta­re di più i com­pa­gni. Lo slo­vac­co leg­ge il gio­co»

La Gazzetta dello Sport - - Serie A - Ste­fa­no Can­ta­lu­pi

«Se ve­sti ne­raz­zur­ro, non puoi fa­re cal­co­li. De­vi en­tra­re in cam­po con l’idea di vin­ce­re, è la ma­glia che te lo im­po­ne». Ivan Ramiro Cor­do­ba di que­st’In­ter è ri­ma­sto ti­fo­so, do­po 13 sta­gio­ni di bat­ta­glie in cam­po, il Tri­ple­te e un’espe­rien­za da team ma­na­ger nell’era Mo­rat­ti. Vor­reb­be ve­der­la tor­na­re su­bi­to in Champions Lea­gue, «ma ci riu­sci­rà so­lo se pun­te­rà drit­to al­lo scu­det­to, nien­te ali­bi. Se in­se­gui il pri­mo posto ma­ga­ri ar­ri­vi terzo, se in­se­gui il terzo puoi fi­ni­re fuo­ri dai quat­tro. Il di­scor­so è sem­pli­ce».

Ma l’In­ter ha già tut­to ciò che ser­ve per il ti­to­lo?

«La ro­sa è sta­ta pen­sa­ta per una squa­dra che non gio­ca in Eu­ro­pa. Una su­per In­ter avreb­be un quar­to cen­tra­le di al­tis­si­mo li­vel­lo, un vi­ce-Icar­di di pa­ri va­lo­re… ma ri­pe­to, ha l’ob­bli­go di pro­var­ci».

L’as­sen­za dall'Eu­ro­pa può aiu­ta­re in ot­ti­ca cam­pio­na­to?

«Di­pen­de da come si com­por­ta­no i non ti­to­la­ri. Se si de­pri­mo­no è un pro­ble­ma, se rea­gi­sco­no è un van­tag­gio. Ser­vi­rà la ma­no di Lu­cia­no Spal­let­ti».

Il se­gre­to dell'In­ter è la di­fe­sa? È la mi­glio­re del tor­neo con un so­lo gol in­cas­sa­to.

«No, è la fa­se di­fen­si­va. È un con­cet­to mol­to di­ver­so ri­spet­to alla di­fe­sa in sé. Il gran­de ci­clo del Bar­cel­lo­na in­can­ta­va in at­tac­co, ma vin­ce­va con la com­pat­tez­za e l'ag­gres­si­vi­tà in fa­se di re­cu­pe­ro pal­la. Skri­niar, co­mun­que, mi pia­ce. Leg­ge il gio­co in fret­ta».

Do­ve può mi­glio­ra­re an­co­ra l’In­ter?

«De­ve ser­vi­re pal­lo­ni più pu­li­ti a Icar­di e lui de­ve ren­der­si più di­spo­ni­bi­le nel mo­vi­men­to sen­za pal­la. Il suo com­pi­to è fa­re gol, non ha sen­so che cor­ra die­tro a tut­ti, ma ci sono mol­ti mo­di per aiu­ta­re i com­pa­gni».

Sa che tre squa­dre a pun­teg­gio pie­no do­po 4 tur­ni non si ve­de­va­no dal 1960?

«La clas­si­fi­ca sta di­cen­do che Ju­ven­tus, Na­po­li e In­ter hanno qual­co­sa in più de­gli al­tri. E an­che che la for­bi­ce tra gran­di e pic­co­li club si al­lar­ga­ta. Quan­do io gio­ca­vo in Se­rie A, non si ve­de­va tut­to que­sto di­va­rio tec­ni­co e ogni tra­sfer­ta era du­ra».

Con­si­gli co­lom­bia­ni per la Se­rie A?

«Tre no­mi sec­chi: in di­fe­sa Yer­ri Mi­na del Pal­mei­ras e Oscar Mu­ril­lo del Pa­chu­ca, in avan­ti Ed­win Car­do­na, il cen­tro­cam­pi­sta of­fen­si­vo che gio­ca in Ar­gen­ti­na con il Bo­ca Ju­niors».

IVAN RAMIRO COR­DO­BA EX DI­FEN­SO­RE DELL’IN­TER PER EN­TRA­RE IN CHAMPIONS, MI­RA IL PRI­MO POSTO NON IL TERZO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.