Ro­nal­do be­ne­di­ce Je­sus: «La mia 9 sul­le spal­le giu­ste»

●Di­pin­ge­va mu­ra­les, og­gi con lui la Se­leçao spe­ra di aver tro­va­to l’ere­de del Fe­no­me­no, vent’an­ni do­po

La Gazzetta dello Sport - - Mondiale Al Via - Mat­teo Dal­la Vi­te INVIATO A SO­CHI (RUS­SIA)

Vent’an­ni do­po l’uni­co Fe­no­me­no ri­co­no­sciu­to, il Bra­si­le ri­ve­de qual­cu­no di se­rio den­tro una ma­glia se­ris­si­ma. La nu­me­ro 9. Og­gi Ga­briel Je­sus e al­lo­ra (dal 1998 al 2006) Ro­nal­do: au­to­riz­za­ti a so­gna­re. Va be­ne: GJ è an­co­ra un bam­bi­no - le­ta­le, ma bam­bi­no - e Ro­nie re­sta il mo­nu­men­to ver­deo­ro, ma il mon­do do Bra­sil an­nu­sa nuo­va­men­te qual­co­sa di buo­no e cre­di­bi­le do­po Zi­n­ho, Luis Fa­bia­no e Fred, cen­tra­van­ti un po’ co­sì del­la Se­leçao de­gli ul­ti­mi an­ni. Sui so­cial gi­ra una foto di Ga­briel Je­sus col ta­glio dei ca­pel­li a mez­za­lu­na, al­la Ro­nie di al­lo­ra; qui, fuo­ri dal cam­po di al­le­na­men­to, c’è un si­gno­re che gi­ra su una sor­ta di ska­te­board elet­tri­co agi­tan­do una gi­gan­to­gra­fia di GJ9. Ma­nia.

MI RIVEDO Man­ca po­co al via con­tro la Sviz­ze­ra. E quel po­chis­si­mo che man­ca por­ta il Bra­si­le a spe­ra­re che gio­chi­no tut­ti e quat­tro insieme, ov­ve­ro Wil­lian, Cou­ti­n­ho, Ney­mar e Ga­briel Je­sus. «Il Pro­fes­so­re (il c.t. Ti­te, ndr) non ci ha det­to an­co­ra nul­la di que­sto» rac­con­ta Pau­li­n­ho, che si do­vrà fa­re un maz­zo co­sì per da­re equi­li­brio. E nel po­ker ver­deo­ro Ga­briel Je­sus sa­rà for­se un gra­di­no sot­to le aspet­ta­ti­ve che ac­com­pa­gna­no Ney­mar, pe­rò è lì, nel cuo­re del­la gen­te. Per­ché è un ba­by-kil­ler, per­ché ap­pe­na può posta un vi­deo del­la mam­ma Ve­ra op­pu­re un al­tro in cui, da te­sti­mo­nial del­la Cro­ce Ros­sa, chie­de che ven­ga­no do­na­ti ve­sti­ti. E’ bam­bi­no ma adul­to: per­ché gio­ca con la for­za di un gran­de, si di­ver­te co­me un ado­le­scen­te e per­ché da quan­do il Fe­no­me­no ha sen­ten­zia­to, beh, il Pre­scel­to è lui. «Quan­do guar­do Ga­briel rivedo il mio pas­sa­to...» ha det­to Ro­nie. E lui: «Mi so­no sem­pre ispi­ra­to a Ro­nal­do». E luce fu.

SCINTILLOSO Ga­briel è quel­lo che po­chi an­ni fa - gi­ra­no foto su foto, de­se­cre­ta­te pro­prio da qual­che set­ti­ma­na di­pin­ge­va mu­ra­les nel­la sua fa­ve­la di San Pao­lo: pic­co­lo e ma­gro­li­no, non che ades­so sia un ener­gu­me­no, pe­rò quel­le foto col sec­chio in ma­no e il pen­nel­lo han­no at­tra­ver­sa­to il mon­do e dimostrato che uno su mil­le ce la fa. Al­tro che re­to­ri­ca. Ga­briel è gran­de ap­pas­sio­na­to di basket, lo vo­le­va l’Inter (che poi si but­tò for­za­ta­men­te su Ga­bi­gol, spa­ri­to), ha stre­ga­to la Pre­mier Lea­gue (20 re­ti e un in­for­tu­nio se­rio) ed è la sin­te­si fan­ta­sio­sa e ri­na­sci­men­ta­le di un nu­me­ro che per an­ni ha avu­to pa­dro­ni biz­zar­ri, ma­ga­ri re­go­la­ri ma mo­no­li­ti­ci (a par­te i gran­dis­si­mi del­la sto­ria ver­deo­ro, ov­vio). Ec­co, lui non è co­sì: è scintilloso, è fan­ta­sia e gio­ca­te, è gol e mo­vi­men­ti, è uno che a so­li 21 an­ni ha già gio­ca­to 17 par­ti­te con la Se­leçao, in­fi­la­to 10 gol e di­stri­bui­to 4 as­si­st. Un fe­no­me­ni­no.

SMS Ie­ri, do­po 20’ di al­le­na­men­to aper­to ai gior­na­li­sti, Ti­te ha chiu­so i bat­ten­ti ma an­che «as­se­con­da­to» la spe­ran­za po­po­la­re: i Fan­ta­sti­ci 4 insieme (Fred ha la­vo­ra­to a par­te), sche­mi su sche­mi e Ga­briel Je­sus che la met­te den­tro di te­sta e di piat­to­ne. Pia­ce GJ9. E tut­ti aspet­ta­no che esul­ti mi­man­do una te­le­fo­na­ta. Il mo­ti­vo? Al­cu­ni an­ni fa - quan­do non era an­co­ra nes­su­no - Ga­briel chia­ma­va una ra­gaz­za che non gli ri­spon­de­va mai. Poi, una vol­ta ar­ri­va­to al Ci­ty, lei ha co­min­cia­to a man­dar­gli sms. Un clas­si­co. Ro­ma­rio gli ha con­si­glia­to di fa­re mol­to ses­so nei mo­men­ti li­be­ri e rus­si: sms a piog­gia. Pri­ma, i gol.

Ga­briel Je­sus, 21 an­ni, è al Man­che­ster Ci­ty dal gen­na­io 2017 GET­TY

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.