In­ghil­ter­ra di gio­va­ni Leo­ni, non per mo­do di di­re

La Gazzetta dello Sport - - Mondiale Al Via - Ales­san­dra Bocci IN­VIA­TA A S.PIE­TRO­BUR­GO (RUS­SIA)

C’è la Rus­sia con i suoi con­tra­sti ai bor­di del­la stra­da nel bo­sco che por­ta al cam­po di al­le­na­men­to dell’In­ghil­ter­ra: un con­do­mi­nio nuo­vo, box di la­mie­ra, pa­laz­zo­ni di mat­to­ni un po’ scro­sta­ti, e vil­le, tan­te vil­le, co­me quel­la col bal­co­ne al­to che ha per­mes­so al­la pa­dro­na di ca­sa fo­to­gra­fa­ta dal Sun con un ca­gno­li­no in brac­cio di go­der­si il la­vo­ro dei Leo­ni no­no­stan­te l’al­ta re­cin­zio­ne co­strui­ta per la pri­va­cy tattica. Re­pi­no è as­sai più vi­ci­na al­la Fin­lan­dia che a Mo­sca, tap­pa fi­na­le del Mon­dia­le, ma l’at­mo­sfe­ra è ri­las­sa­ta e il tec­ni­co Sou­th­ga­te fa il pos­si­bi­le per evi­ta­re di in­gi­gan­ti­re le pres­sio­ni che po­treb­be­ro op­pri­me­re le sue star.

LO ZE­RO DI KANE «Send us vic­to­rious», c’è scrit­to sul pull­man blu che li tra­spor­te­rà ogni gior­no, ma la trup­pa è pron­ta a non ca­de­re nel­le so­li­te trap­po­le. «Lo sco­po è gio­ca­re un cal­cio ag­gres­si­vo e co­rag­gio­so, es­se­re for­ti nei mo­men­ti du­ri, re­si­ste­re ne­gli al­ti e bas­si di un lun­go tor­neo sen­za di­ven­ta­re pas­si­vi», ha det­to Har­ry Kane, che vie­ne da una lun­ga sta­gio­ne e 41 gol se­gna­ti con il Tot­te­n­ham. A 24 an­ni, Kane è il ca­pi­ta­no dell’In­ghil­ter­ra, è al suo pri­mo Mon­dia­le e vuo­le to­glier­si di dos­so l’ama­rez­za di Eu­ro 2016, con­clu­so a quo­ta ze­ro gol, nu­me­ro ati­pi­co per un at­tac­can­te del suo li­vel­lo. Kane rac­con­ta che per lui quel­lo ze­ro non è un’os­ses­sio­ne. La ba­to­sta di due an­ni fa in Francia di cer­to lo è per tut­ti e que­sta ge­ne­ra­zio­ne d’oro pro­ve­rà a far­la di­men­ti­ca­re. «Ab­bia­mo po­ca espe­rien­za, ma tan­ta ener­gia», ga­ran­ti­sce per tut­ti il c.t. Sou­th­ga­te.

MO­RA­LE E FI­SI­CO La Pre­mier Lea­gue è pe­san­te e non c’è cal­cia­to­re nel suo grup­po che ab­bia gio­ca­to in cam­pio­na­ti più ri­po­san­ti, pe­rò l’ana­gra­fe a vol­te aiu­ta il fi­si­co ed è an­co­ra dal­la par­te de­gli in­gle­si: era­no i più gio­va­ni all’Eu­ro­peo (non ser­vì mol­to), ades­so ren­do­no sol­tan­to qual­che gior­no al­la Francia, la più ver­de del­le ti­to­la­te. Que­sta In­ghil­ter­ra è ine­sper­ta nei gran­di tor­nei, quel­li che ti co­strin­go­no a sta­re con­cen­tra­to, a vi­ve­re una vi­ta fuo­ri dal mon­do per più di un me­se, ma ha ta­len­to da ven­de­re. A co­min­cia­re da Mar­cus Ra­sh­ford, vent’an­ni, per pro­se­gui­re con De­le Al­li, Ra­he­me Ster­ling, ca­pi­tan Kane e Ru­ben Lof­tus-Check, 22 an­ni, ul­ti­ma sta­gio­ne nel Cry­stal Pa­la­ce, car­tel­li­no del Chel­sea. Il più gio­va­ne del grup­po, Trent Ale­xan­der-Ar­nold, di­fen­so­re, ha 19 an­ni e nes­sun pre­ce­den­te nel­la na­zio­na­le se­nior. Man­ca Ox­la­de-Cham­ber­lain, usci­to di sce­na per in­for­tu­nio, ma la qua­li­tà è l’uni­ca co­sa che non man­ca. L’In­ghil­ter­ra ha fat­to sul se­rio nel rin­no­var­si e for­se an­che per que­sto la gen­te non pen­sa più di tan­to di poter an­da­re mol­to avan­ti in que­sto Mon­dia­le, no­no­stan­te lo stre­pi­to­so cam­mi­no di qua­li­fi­ca­zio­ne. Era sta­to stre­pi­to­so an­che quel­lo del grup­po Hodg­son e i ra­gaz­zi ter­ri­bi­li han­no la me­mo­ria lun­ga: la missione pos­si­bi­le sta­vol­ta è quel­la di non bru­ciar­si. E’ già sta­to fat­to trop­pe vol­te.

>So­lo la Francia è più «ver­de» fra le fa­vo­ri­te. Il c.t. Sou­th­ga­te: «Ab­bia­mo po­ca espe­rien­za, ma tan­ta ener­gia»

De­le Al­li, 22 an­ni e Har­ry Kane, 24 an­ni AP

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.