Mae­stro Ta­ba­rez e la rivoluzione: ades­so si gio­ca

●Tan­ti se­na­to­ri a ca­sa e un Uru­guay fi­nal­men­te pro­po­si­ti­vo: l’ul­ti­ma mos­sa di un lea­der co­rag­gio­so

La Gazzetta dello Sport - - Mondiale Al Via - G.d.f.

Se è ve­ro che le ri­vo­lu­zio­ni le fan­no i ca­pi­po­po­lo ma le pre­pa­ra­no gli in­se­gnan­ti, fi­gu­ria­mo­ci co­sa può fa­re uno che è tut­te e due le co­se. Per­ché Oscar Wa­shing­ton Ta­ba­rez Mae­stro lo è sta­to dav­ve­ro, per 10 an­ni, nel­le scuo­le pub­bli­che del bar­rio del Cer­ro a Mon­te­vi­deo, poi un gior­no sen­tì al­la ra­dio che al Peña­rol cer­ca­va­no tec­ni­ci per le gio­va­ni­li e ri­nun­ciò a qual­che sol­do per in­se­gui­re un so­gno. E an­che ades­so, qua­si 40 an­ni do­po, ha ri­nun­cia­to a qual­co­sa per fa­re la rivoluzione. In­nan­zi­tut­to, a star­se­ne tran­quil­lo: Ta­ba­rez ha 71 an­ni, al­le­na la Ce­le­ste da 12 vin­cen­do pu­re una Co­pa Ame­ri­ca, e con­vi­ve da un po’ con la ma­le­det­ta sin­dro­me di Guil­lain-Bar­ré, una neu­ro­pa­tia che lo co­strin­ge ad al­le­na­re in se­dia a ro­tel­le o con le stam­pel­le. In­som­ma, avreb­be po­tu­to mol­la­re sen­za che nes­su­no gli di­ces­se mez­za pa­ro­la e in­ve­ce è an­co­ra sul pon­te di co­man­do. E poi, e la rivoluzione ve­ra sta qui, ha ri­nun­cia­to a tan­ti se­na­to­ri: Lu­ga­no, Rios, Al­va­ro Pe­rei­ra, Ta­ta Gon­za­lez, lea­der e gen­te di ran­del­lo. Al lo­ro po­sto Ve­ci­no, Tor­rei­ra, Ben­tan­cur, De Ar­ra­scae­ta, Nan­dez: to­sti re­ste­ran­no to­sti, da Godin in su ce l’han­no nel dna, ma si pas­se­rà co­mun­que da un Uru­guay pe­san­te a uno pen­san­te. Mol­to più por­ta­to al­la co­stru­zio­ne e al fra­seg­gio bre­ve ri­spet­to al­la rot­tu­ra e al wre­stling di me­dia­na, con la pal­la che ai due big lì da­van­ti do­vreb­be ar­ri­va­re ben più raf­fi­na­ta ri­spet­to ai lan­cio­ni che usa­va­no pri­ma. I quat­tro co­man­da­men­ti del nuo­vo Uru­guay del Mae­stro so­no: pos­ses­so pal­la, mo­bi­li­tà, ve­lo­ci­tà e pa­zien­za. L’al­tro è pro­prio lui, l’uo­mo che uni­sce co­me non mai il po­ten­ta­to più pic­co­lo e sor­pren­den­te del pal­lo­ne, che per amor di pa­tria e gioco si fa bef­fe pu­re di un ma­le brut­tis­si­mo, un ro­man­ti­co che in­se­gna il co­rag­gio. La Ce­le­ste pen­de dal­le sue lab­bra, e co­me di­ce lui «soñar no es un uto­pia».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.