Si­sto, da ri­fu­gia­to a stel­la da­ne­se con dan­za tri­ba­le

●Ar­ri­vò pic­co­lo dal Sud Su­dan, nel 2014 per l’Under 21 e il pas­sa­por­to la fa­mi­glia... bal­lò in con­fe­ren­za

La Gazzetta dello Sport - - Mondiale Al Via - G.d.f.

Im­ma­gi­na­te la sce­na: in con­fe­ren­za stam­pa fan­no ir­ru­zio­ne un uo­mo e una don­na di co­lo­re con la pel­le di­pin­ta di bian­co che bal­la­no e can­ta­no una dan­za stra­na, lei con un gon­nel­li­no e lui a tor­so nu­do e con due ma­ni­ci di sco­pa bran­di­ti co­me lan­ce. E l’in­ter­vi­sta­to fe­li­ce, per­ché ve­de che lo so­no an­che mam­ma e pa­pà. L’in­ter­vi­sta­to era Pio­ne Si­sto, la se­de era quel­la del­la fe­der­cal­cio da­ne­se nel 2014 e il mo­ti­vo era la sua pri­ma con­vo­ca­zio­ne in na­zio­na­le U21 vi­sto che gli ave­va­no ap­pe­na da­to il pas­sa­por­to, co­sa che inor­go­gli­va a tal pun­to la fa­mi­glia da or­ga­niz­zar­gli il lo­ro ri­to pro­pi­zia­to­rio. Per­ché l’astro na­scen­te del cal­cio da­ne­se in Da­ni­mar­ca ci vi­ve­va già da 19 an­ni: la fa­mi­glia Si­sto scap­pò dal­la guerra ci­vi­le in Sud Su­dan nel 1995, Pio­ne nac­que nel tra­git­to a Kam­pa­la in Ugan­da, due me­si do­po ar­ri­va­ro­no in Da­ni­mar­ca e fu­ro­no ac­col­ti con lo sta­tus di ri­fu­gia­ti. «Se mi chie­de­te di do­ve so­no – dis­se – ri­spon­do Sud Su­dan. Ma in me c’è una gran­de “da­ne­si­tà”», ri­spo­se qual­che me­se fa, nel pie­no di una car­rie­ra in asce­sa ver­ti­ca­le. Per­ché Si­sto già pri­ma di di­ven­ta­re da­ne­se era con­si­de­ra­to un pic­co­lo fe­no­me­no, esplo­se nel Mid­t­jyl­land, fe­ce pu­re un pro­vi­no al­la Juve, uscì dall’ano­ni­ma­to nel 2016 do­po un par­ti­to­ne con­tro lo Uni­ted di Van Gaal – era­no an­da­ti tut­ti a ve­de­re De­pay, al­la fi­ne il no­me in ci­ma ai tac­cui­ni era il suo – e da due an­ni gio­ca be­nis­si­mo nel­la Li­ga al Cel­ta. Ester­no d’at­tac­co ve­lo­cis­si­mo e dal­la gran fa­ci­li­tà di ti­ro, pia­ce a tut­ti per­ché al ta­len­to uni­sce an­che un’eti­ca la­vo­ra­ti­va non usua­le per uno abi­tua­to fin da pic­co­lo a es­se­re la stel­li­na del­la squa­dra. Ai suoi gar­ret­ti e ai lam­pi di ge­nio di Erik­sen so­no ap­pe­se le spe­ran­ze dei da­ne­si. E un po’ di tut­ti i ri­fu­gia­ti, di cui è di­ve­nu­to una ban­die­ra: un pa­io di an­ni fa con la ri­vi­sta da­ne­se Ek­stra Bla­det lan­ciò l’ha­sh­tag #En­gan­gVa­rJe­gF­lygt­ning (una vol­ta ero ri­fu­gia­to) che fu trend to­pic. La sua sto­ria, in­som­ma, è bel ba­glio­re di luce per chi ve­de so­lo buio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.