La sfi­da di Mes­si con­tro i vichinghi e le stel­le croa­te

●●iro­ne du­ro per l’Ar­gen­ti­na: Islan­da e Ni­ge­ria han­no col­let­ti­vo e gam­ba, quan­te star per Da­lic

La Gazzetta dello Sport - - Mondiale Al Via - Fa­bio Bian­chi

Leo Mes­si, ul­ti­ma chan­ce per l’uni­co ti­to­lo che gli man­ca? Il grup­po D ha vin­to la pal­ma di grup­po del­la mor­te. In ef­fet­ti è il più dif­fi­ci­le, an­che se l’Al­bi­ce­le­ste e la Croa­zia so­no mol­te span­ne so­pra Islan­da e Ni­ge­ria. Pe­rò tra en­tu­sia­smo dei deb e ta­len­to e fi­si­ci­tà de­gli afri­ca­ni, lo scher­zet­to è die­tro l’an­go­lo.

AR­GEN­TI­NA Sam­pao­li gio­ca coi si­ste­mi. Può far­lo vi­sto il ma­te­ria­le di as­so­lu­ta qua­li­tà che ha a di­spo­si­zio­ne. E che gli ha per­mes­so di la­scia­re a ca­sa Icardi , Pa­sto­re e stel­le va­rie. È Ar­gen­ti­na re­vo­lu­tion: so­lo 8 su­per­sti­ti del­la squa­dra vi­ce­cam­pio­ne del Mon­do in Bra­si­le. Ri­par­te tra le fa­vo­ri­te, non c’è dub­bio. Il dub­bio è , co­me gio­che­rà. An­che per­ché non si è mo­stra­ta mol­to, aven­do can­cel­la­to 2 de­gli ul­ti­mi 3 te­st. Sa­rà 4-2-3-1 o 3-3-3-1 di biel­sa­na me­mo­ria. In fon­do sa­rà Mes­si più al­tri 10. Ague­ro in po­le per il po­sto di cen­tra­van­ti, il Pi­pi­ta un pas­so in­die­tro. Per Dybala la sen­sa­zio­ne è che gio­che­rà so­lo co­me vi­ce Mes­si. Con il k.o. di Ro­me­ro, Caballero di­fen­de­rà la por­ta. Ul­ti­ma ami­che­vo­le: Ar­gen­ti­na-Hai­ti 4-0.

ISLAN­DA Si pre­sen­ta a que­sto pri­mo, sto­ri­co Mon­dia­le con il po­po­lo «sal­da­to» al­la Na­zio­na­le. E pa­zien­za per gli ac­ciac­chi in squa­dra: il c.t. è un den­ti­sta e coi pa­zien­ti ci sa fa­re. Gyl­fi Si­gurds­son (Ever­ton), la stel­la, si è ap­pe­na ri­pre­so da un in­for­tu­nio. Si te­me di più per ca­pi­tan Gun­nars­son, lea­der e sim­bo­lo, che si al­le­na an­co­ra a par­te. In for­ma Jo­hann Gud­munds­son e l’ex juve Ma­gnus­son, fre­sco di fir­ma col Cska. Per i gol ci pen­sa Finn­bo­ga­son: 12 con l’Aug­sburg in Bun­de­sli­ga. Ma il se­gre­to è nel col­let­ti­vo e nell’or­ga­niz­za­zio­ne di­fen­si­va. Ul­ti­me ami­che­vo­li: Islan­da-Nor­ve­gia 2-3; Islan­da-Gha­na 2-2.

CROA­ZIA Ta­len­to da ven­de­re, ab­bon­dan­za dal­la cin­to­la in su. E an­che die­tro non è mes­sa ma­lis­si­mo. Il c.t. Da­lic ha l’im­ba­raz­zo del­la scel­ta da­van­ti, con Man­d­zu­kic, Kra­ma­ric e Ka­li­nic. In­fat­ti nel­le ami­che­vo­li li ha fat­ti ruo­ta­re. E un cen­tro­cam­po che in­vi­dia­no tut­ti: Mo­dric, Pe­ri­sic, Bro­zo­vic, Ra­ki­tic, Ko­va­cic. La Croa­zia può far pau­ra a tut­ti. Il pro­ble­ma è che spes­so si fa pau­ra da so­la, quan­do la fol­lia (cal­ci­sti­ca) pren­de il so­prav­ven­to sul­la qua­li­tà. Nel re­cen­te pas­sa­to è suc­ces­so spes­so. Ul­ti­me ami­che­vo­li: Bra­si­le-Croa­zia 2-0. Croa­zia-Se­ne­gal 2-1

NI­GE­RIA Ri­tro­va l’Al­bi­ce­le­ste do­po 4 an­ni: a Por­to Ale­gre fi­ni 3-2 per i su­da­me­ri­ca­ni, gli afri­ca­ni si fer­ma­ro­no agli ot­ta­vi con­tro la Francia. Dall’ago­sto 2016 in pan­chi­na c’è il te­de­sco Rohr, do­po 5 c.t. ni­ge­ria­ni in 2 an­ni. Ex tec­ni­co del Bor­deaux di Zi­da­ne nel 1996, che nei quarti di coppa Uefa fe­ce fuo­ri il Mi­lan e ar­ri­vò in fi­na­le, poi è sta­to in Ga­bon, Ni­ger e Bur­ki­na, ha det­to: «La gio­ven­tù è una sfi­da per il fu­tu­ro; cer­to la man­can­za di espe­rien­za po­trà co­star­ci er­ro­ri, ma l’en­tu­sia­smo e il vi­go­re atle­ti­co dei miei po­trà bi­lan­cia­re il tut­to». Per­ché le Su­per Aqui­le si so­no mol­to rin­no­va­te: in­tor­no ai «vec­chi» Obi Mi­kel (ex Chel­sea), Mo­ses (ala di Con­te) e al «rus­so» Mu­sa (che par­te dal­la pan­chi­na sta­vol­ta) ec­co i gio­va­ni Ndi­di e Ihea­na­cho del Lei­ce­ster, Iwo­bi (Ar­se­nal) in fa­scia e una di­fe­sa nuo­va. Da non sot­to­va­lu­ta­re. Ul­ti­me ami­che­vo­li: In­ghil­ter­raNi­ge­ria 2-1; Ni­ge­ria-Re­pub­bli­ca-Ce­ca 0-1.

Leo Mes­si, 31 an­ni il 24 giu­gno, è al suo quar­to Mon­dia­le (AFP)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.