E Pallotta che fa?

«Il club è estra­neo Per­ciò se si tar­da tornerò a Bo­ston»

La Gazzetta dello Sport - - Calcio - Mas­si­mo Cec­chi­ni Da­vi­de Stop­pi­ni RO­MA

VEN­DE­RE? LO FA­REI SO­LO SE IL PRO­GET­TO SI FERMASSE

JA­MES PALLOTTA PRE­SI­DEN­TE RO­MA ● Il pre­si­den­te: «So­no rat­tri­sta­to, ma mi aspet­to che tut­to va­da avan­ti». L’iter pe­rò tor­na in sa­li­ta

Quan­do il pre­sen­te scon­cer­ta, vie­ne vo­glia di ri­fu­giar­si nel pas­sa­to. «Non giu­di­ca­re gli al­tri fin­ché non ti sei tro­va­to al lo­ro po­sto», re­ci­ta il te­sto ebrai­co «Pir­kei Avot», l’Eti­ca dei Pa­dri. Eb­be­ne, di giu­di­zi (più o me­no stru­men­ta­li) in que­ste ore si po­treb­be­ro riem­pi­re en­ci­clo­pe­die, ma l’on­da lun­ga del­la vi­cen­da sta­dio in­ve­ste in­nan­zi­tut­to la Ro­ma e i suoi ti­fo­si. Per que­sto, ol­tre al­la ma­gi­stra­tu­ra, ciò che con­ta è il pen­sie­ro di Ja­mes Pallotta. Il pre­si­den­te è sta­to il pri­mo mo­to­re del­la vi­cen­da sta­dio e ie­ri era com­pren­si­bil­men­te col­pi­to da­gli svi­lup­pi giu­di­zia­ri. Non è un ca­so che il 28 mag­gio 2017, nel gior­no dell’ad­dio al cal­cio di Totti, aves­se af­fer­ma­to: «Lo sta­dio do­vreb­be es­se­re pron­to nel 2020, al­tri­men­ti avre­te un nuo­vo pro­prie­ta­rio». E ora che suc­ce­de­rà, vi­sto che la so­spen­sio­ne dell’iter pa­re scon­ta­ta?

IL VERTICE Pallotta per ora tie­ne la bar­ra drit­ta, ma giu­sta­men­te vuo­le ca­pi­re la tem­pi­sti­ca. D’al­tron­de, nel­la «new­co» che si oc­cu­pe­rà del nuo­vo im­pian­to e del «bu­si­ness park», non c’è so­lo lui ma an­che al­tri so­ci, fra i qua­li un co­los­so da 44 mi­liar­di di as­set nel mon­do co­me Star­wood. An­che a lo­ro bi­so­gne­rà ri­spon­de­re. «Sia­mo rat­tri­sta­ti e co­ster­na­ti dal­le no­ti­zie e da­gli arresti – ha scrit­to ie­ri il pre­si­den­te do­po aver in­con­tra­to il d.g. Baldissoni e in­qua­dra­to in to­to la vi­cen­da –. Co­me ca­te­go­ri­ca­men­te af­fer­ma­to dal­la Pro­cu­ra, la Ro­ma non c’en­tra nul­la. Inol­tre, con­tra­ria­men­te a quan­to ri­por­ta­to da al­cu­ni, gli arresti non coin­vol­go­no chi si oc­cu­pe­rà del­la co­stru­zio­ne del­lo sta­dio e non han­no nul­la a che ve­de­re con la rea­liz­za­zio­ne del­lo sta­dio e del po­lo di in­trat­te­ni­men­to cir­co­stan­te. Ora ci aspet­tia­mo che il pro­get­to ven­ga por­ta­to avan­ti, sen­za si­gni­fi­ca­ti­vi ri­tar­di».

RISARCIMENTI D’al­tron­de, di ri­tar­di ce ne so­no sta­ti già tan­ti, ba­sti pen­sa­re che nel di­cem­bre del 2012 – al mo­men­to del­la fir­ma dell’ac­cor­do tra Pallotta e Par­na­si – l’al­lo­ra Ceo Ita­lo Zan­zi di­ce­va: «Lo sta­dio sa­rà pron­to per il 2016-17». Una chi­me­ra, tant’è che nel mar­zo 2016 Pallotta af­fer­ma­va: «Sta­dio pron­to nel 2021? Piut­to­sto mi spa­ro». Ma ad apri­le scor­so il pre­si­den­te com­men­ta­va ama­ro: «Per il nuo­vo im­pian­to ab­bia­mo già spe­so ol­tre 60 mi­lio­ni». Det­to che la Ro­ma, vi­sta la cor­ret­tez­za nel­la pro­ce­du­ra per lo sta­dio, si aspet­ta che il Co­mu­ne va­da avan­ti, è lo­gi­co che ci sia pre­oc­cu­pa­zio­ne per ri­tar­di, in gra­do di spin­ge­re Pallotta (che og­gi la­sce­rà la Ca­pi­ta­le) a un di­sim­pe­gno. «Ven­de­re? Non l’ho mai det­to. So­lo in ca­so di ri­tar­di, ma non ve­do per­ché deb­ba­no es­ser­ci, vi­sto che la Ro­ma non ha fat­to nien­te di ma­le (in­fat­ti il ti­to­lo ha per­so so­lo 0.57%, ndr). Cer­to, se il pro­get­to si fermasse, al­lo­ra do­vre­te ve­nir­mi a tro­va­re a Bo­ston. Pe­rò non ca­pi­sco per­ché il pro­get­to deb­ba bloc­car­si.. Tut­ti vo­glio­no lo sta­dio. Ogni co­sa do­ve­va es­se­re tra­spa­ren­te, il sindaco Rag­gi ha det­to che sa­reb­be an­da­to tut­to o.k. e co­sì è sta­to. Non do­vrem­mo ave­re pro­ble­mi. Par­na­si? Non l’ho sen­ti­to. Non cre­do che ab­bia il cel­lu­la­re in ga­le­ra». Po­stil­la: se l’iter si fermasse, il club po­treb­be an­che chie­de­re i dan­ni, in­nan­zi­tut­to per rien­tra­re dei 60 mi­lio­ni già spe­si. Una co­sa co­mun­que è cer­ta: un Pia­no B è lo­gi­co che esi­sta, e non da ie­ri. D’al­tron­de, è no­to co­me nei gior­ni più bui, il pre­si­den­te aves­se da­to dei man­da­ti esplo­ra­ti­vi sui mer­ca­ti in­ter­na­zio­na­li per cer­ca­re so­ci o ac­qui­ren­ti, sen­za con­ta­re che a ca­val­lo tra il 2013 e il 2014 – be­ne­det­ta da Uni­cre­dit – la trat­ta­ti­va per l’in­gres­so del ma­gna­te ci­ne­se Chen Feng era sta­ta ad un pas­so dal con­clu­der­si. Det­to che la Ro­ma pia­ce an­che in Ita­lia (Fer­re­ro ne è l’esem­pio) Ades­so i con­ti so­no mi­glio­ra­ti e l’usci­ta dal­le pro­ce­du­re san­zio­na­to­rie del FFP lo di­mo­stra (ve­di più avan­ti). Ma no­no­stan­te i 323 mi­lio­ni di plu­sva­len­ze ge­ne­ra­te tra il 2011 e il 2018 e una chiu­su­ra del pros­si­mo bi­lan­cio con un «ros­so» di 20 mi­lio­ni, al 31 mar­zo l’in­de­bi­ta­men­to fi­nan­zia­rio lor­do am­mon­ta­va a cir­ca 270 mi­lio­ni e nel pro­spet­to fi­nan­zia­rio del­la ri­ca­pi­ta­liz­za­zio­ne di 120 mi­lio­ni la sti­ma del fab­bi­so­gno fi­nan­zia­rio è di 143 mi­lio­ni.

ALISSON & CO Cer­to, sa­reb­be sba­glia­to uni­re mec­ca­ni­ca­men­te la vi­cen­da col mer­ca­to. Cer­to è pe­rò che, se il Real Ma­drid – co­me si di­ce in Spa­gna – au­men­tas­se la pres­sio­ne su Alisson (l’of­fer­ta sa­reb­be in­tor­no ai 55 mi­lio­ni, la ri­chie­sta in­ve­ce di 70) co­sì co­me l’Inter su Naing­go­lan, cer­te trattative po­treb­be­ro svi­lup­par­si. Ce­de­re il club, pe­rò, sa­reb­be tutt’al­tra sto­ria, an­che se l’«ap­peal» del marchio Ro­ma in que­sti an­ni è cre­sciu­to sia in Ci­na che nel Me­dio Orien­te, e la re­cen­te spon­so­riz­za­zio­ne con la Qa­tar Air­ways lo di­mo­stra. Non è un ca­so che tre gior­ni fa al­la »Gaz­zet­ta» Tur­ki Alal­shik, mi­ni­stro del­lo Sport dell’Ara­bia Sau­di­ta ab­bia det­to: «La Ro­ma è sem­pre sta­ta nel mio cuo­re. Mi in­te­res­sa ac­qui­sta­re un club n Eu­ro­pa. Chis­sà che un gior­no...». Im­pres­sio­ni? Pallotta non ha fret­ta, ma il fu­tu­ro è tut­to da scri­ve­re.

>In pas­sa­to c’era­no sta­te for­me d’in­te­res­se da grup­pi este­ri per la pro­prie­tà

Il par­co gio­ca­to­ri è >di gran­de ap­peal Dal Real 55 mi­lio­ni per Alisson, ma la Ro­ma ne vuo­le 70

60

LA SPE­SA i mi­lio­ni che il club gial­lo­ros­so ha già in­ve­sti­to in que­sto pro­get­to. Ipo­te­si ri­chie­sta di dan­ni PRE­SI­DEN­TE RO­MA

COSTRUIREMO LO STA­DIO PER­CHÉ TUT­TI LO VO­GLIO­NO

JA­MES PALLOTTA

IPP

Il sindaco Vir­gi­nia Rag­gi, 39 an­ni, e il pre­si­den­te del­la Ro­ma Ja­mes Pallotta, 60, in Cam­pi­do­glio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.