Fair play: Ro­ma ok Li­mi­ti all’Inter su li­sta Champions e mer­ca­to in pa­ri­tà

●I ne­raz­zur­ri sot­to set­tle­ment an­che per la pros­si­ma sta­gio­ne, ai gial­lo­ros­si ser­ve una ces­sio­ne Il Psg de­ve ven­de­re e rien­tra­re di 60 mi­lio­ni en­tro fi­ne me­se

La Gazzetta dello Sport - - Serie A - Fa­bio Licari INVIATO A MO­SCA (RUS­SIA)

La Ro­ma è a po­sto. L’Inter an­co­ra no, c’è un al­tro an­no di pat­teg­gia­men­to. E il Psg non è sta­to san­zio­na­to. Ma sa­reb­be me­glio di­re non an­co­ra. Pre­sto per pen­sa­re che l’ab­bia fat­ta fran­ca di nuo­vo: le re­go­le del fair play so­no cambiate, per re­cu­pe­ra­re la si­tua­zio­ne piut­to­sto dif­fi­ci­le in cui si tro­va il club franco-qa­ta­rio­ta ha tem­po fi­no al 30 giu­gno, cioè se­di­ci gior­ni. Al­tri­men­ti sa­ran­no guai se­ri (e im­me­dia­ti). Sa­rà stan­ga­ta. Tra Pa­ri­gi e Do­ha so­no fu­rio­si. Ades­so man­ca sol­tan­to il Mi­lan: sen­ten­za at­te­sa per il 19 giu­gno e at­ten­zio­ne per­ché il nuo­vo fi­nan­zia­men­to dif­fi­cil­men­te ba­ste­rà.

RO­MA OK Chi può dav­ve­ro sor­ri­de­re, per­ché si è chiu­so un ci­clo, è la Ro­ma. Da ie­ri è fuo­ri dal «set­tle­ment» as­sie­me a Kra­sno­dar, Lo­ko­mo­tiv Mo­sca, Mo­na­co e Ze­nit: non c’è più nes­su­na li­mi­ta­zio­ne. Il club gial­lo­ros­so ha i con­ti a po­sto an­che se, di­ver­sa­men­te dal­le al­tre quat­tro pro­mos­se, do­vrà fa­re an­co­ra un pic­co­lo sfor­zo per far qua­dra­re i con­ti: ser­ve una ces­sio­ne. Quel­la di Alisson ga­ran­ti­reb­be tran­quil­li­tà ben ol­tre la pros­si­ma sta­gio­ne, in ogni ca­so la Ro­ma ora non ha più vin­co­li.

INTER, UN AL­TRO AN­NO Per l’Inter il di­scor­so è di­ver­so. Co­me Fe­ner­ba­hçe e Tra­b­zon­spor, i ne­raz­zur­ri – ma si sa­pe­va – non pos­so­no an­co­ra ab­ban­do­na­re il re­gi­me di pat­teg­gia­men­to pre­vi­sto in quat­tro an­ni: ne so­no sta­ti «scon­ta­ti» tre. Gli obiet­ti­vi del 2017-18 so­no sta­ti «par­zial­men­te» rag­giun­ti. E quin­di nel­la pros­si­ma sta­gio­ne – per l’Inter quel­la del ri­tor­no in Champions – pro­se­gui­ran­no le li­mi­ta­zio­ni spor­ti­ve e fi­nan­zia­rie. Tra­dot­to: l’Inter non po­trà in­se­ri­re più di 22 gio­ca­to­ri nel­la Li­sta A e do­vrà fa­re at­ten­zio­ne ai mo­vi­men­ti di mer­ca­to. La bi­lan­cia dei pa­ga­men­ti tra en­tra­te e usci­te do­vrà es­se­re al­la pa­ri: si ter­rà con­to di ac­qui­sti e ven­di­te de­gli ul­ti­mi due an­ni. Se vuo­le com­pra­re qual­cu­no in que­sto mer­ca­to, in­som­ma, la so­cie­tà di Zhang do­vrà o fa­re dei cam­bi nel­la Li­sta Champions (ad esem­pio: se ac­qui­sti e in­se­ri­sci un gio­ca­to­re da 30 mi­lio­ni, ne de­vi esclu­de­re uno che va­le 30 op­pu­re due da 15) o ven­de­re.

PSG A RI­SCHIO Mol­to più com­ples­sa è la si­tua­zio­ne del Pa­ris Saint Ger­main. I tem­pi del­la de­ci­sio­ne so­no sta­ti lun­ghi e in com­mis­sio­ne non è sta­to fa­ci­le rag­giun­ge­re un ac­cor­do. Al mo­men­to il Psg non ha avu­to san­zio­ni. Il mo­ti­vo? Si tie­ne con­to del triennio 2015-17: i pri­mi due an­ni, in­se­ri­ti in un pre­ce­den­te set­tle­ment, non ven­go­no con­si­de­ra­ti, quin­di va­le so­lo l’ul­ti­mo che è in li­nea con il de­fi­cit am­mes­so (sui 25 mi­lio­ni, co­mun­que sot­to i 30). Inol­tre Mbap­pé è sta­to iscrit­to re­go­lar­men­te co­me ac­qui­sto e non co­me pre­sti­to. Pe­rò su­ben­tra­no ora due fat­to­ri che ag­gra­va­no la si­tua­zio­ne. Il pri­mo è la dra­sti­ca ri­du­zio­ne del va­lo­re del­le spon­so­riz­za­zio­ni, giu­di­ca­te non ri­spon­den­ti al mer­ca­to, in par­ti­co­la­re quel­la dell’en­te del tu­ri­smo del Qa­tar, il che fa man­ca­re il ter­re­no sot­to i pie­di al Psg. Il se­con­do so­no le nuo­ve re­go­le sul fair play che han­no cam­bia­to gli sce­na­ri: se un club sgar­ra, dal 1° giu­gno può es­se­re pu­ni­to su­bi­to e non tra un an­no. La con­se­guen­za è che, pur non san­zio­na­to og­gi, il Psg ha 16 gior­ni per sal­var­si: en­tro la chiu­su­ra del bi­lan­cio, il 30 giu­gno. Per­ché dal 1° lu­glio co­min­ce­rà il nuo­vo an­no e si ri­tro­ve­rà il pas­si­vo dei 220 mi­lio­ni di Ney­mar, dei 180 di Mbap­pé (am­mor­tiz­za­ti na­tu­ral­men­te ne­gli an­ni) più i lo­ro sti­pen­di lor­di. Il che do­vreb­be por­ta­re il de­fi­cit ol­tre i 90 mi­lio­ni. Ri­sul­ta­to: se il Psg non rien­tra di 60 mi­lio­ni en­tro giu­gno, ven­den­do gio­ca­to­ri op­pu­re strap­pan­do un au­men­to dei con­trat­ti da­gli spon­sor «veri», si apri­rà un’in­da­gi­ne che por­te­rà, con tut­ta pro­ba­bi­li­tà, al­la ca­me­ra giu­di­can­te. Tem­pi? Tra ago­sto e settembre. Le san­zio­ni so­no ap­pli­ca­te su­bi­to, nel­la Champions 2018-19: ma­ga­ri ta­glian­do la ro­sa, im­pe­den­do di schie­ra­re al­cu­ni gio­ca­to­ri, ad­di­rit­tu­ra ri­schian­do la pe­na­liz­za­zio­ne di pun­ti.

E BUFFON? Di tut­te le spe­se esa­ge­ra­te del Psg, si­cu­ra­men­te quel­la even­tua­le per Gi­gi Buffon è la me­no… esa­ge­ra­ta. Il por­tie­ro­ne ex Juve co­sta so­lo l’in­gag­gio e sta­va aspet­tan­do la de­ci­sio­ne del­la com­mis­sio­ne fair play per de­fi­ni­re il tra­sfe­ri­men­to. Nel­la si­tua­zio­ne at­tua­le dei pa­ri­gi­ni, pe­rò, ogni mo­vi­men­to può crea­re pro­ble­mi. E quin­di an­che l’ar­ri­vo di Buffon ob­bli­ghe­rà a ven­de­re: da Ca­va­ni a Pa­sto­re, da Dra­x­ler a Di Ma­ria, la li­sta di chi pia­ce è lun­ga. Co­no­scen­do la si­tua­zio­ne al li­mi­te del Psg le of­fer­te, c’è da scom­met­ter­ci, sa­ran­no al ri­bas­so.

Zhang Jin­dong, 55 an­ni, ad Ap­pia­no Gen­ti­le: nel giu­gno 2016 è di­ven­ta­to il pro­prie­ta­rio dell’Inter GET­TY

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.