«Pron­to a Le Mans con ore di fil­ma­ti da­van­ti al­la tv»

● Il pu­glie­se al via del­la 24 Ore sul­la Fer­ra­ri 488 «Mi ispi­ro a Ca­pel­lo. Pun­to al po­dio, ma se poi...»

La Gazzetta dello Sport - - Motori - Lui­gi Per­na

Pen­sa­te a un bam­bi­no nel pae­se dei ba­loc­chi e ca­pi­re­te co­me si sen­te An­to­nio Giovinazzi al­la vi­gi­lia del­la sua pri­ma 24 Ore di Le Mans. La corsa che ha ispi­ra­to per­fi­no un film di Ste­ve McQueen è una «si­gno­ra» qua­si cen­te­na­ria dal fa­sci­no uni­co. Fi­gu­rar­si per un gio­va­ne che de­but­ta con la Fer­ra­ri, la na­zio­na­le ita­lia­na dei mo­to­ri, e che ne­gli an­ni scor­si non si è per­so un’edi­zio­ne, in­col­la­to da­van­ti al­la tv. «Que­st’an­no ave­vo de­ci­so di an­dar­ci da tu­ri­sta e spet­ta­to­re. In­ve­ce ec­co­mi a cor­rer­la — rac­con­ta il pu­glie­se, ter­zo pi­lo­ta del­la ros­sa in For­mu­la 1 —. La pri­ma co­sa che mi ha col­pi­to è sta­ta il pub­bli­co di veri ap­pas­sio­na­ti. Gen­te sul­le tri­bu­ne già da mar­te­dì. Ho pas­sa­to un’ora e mez­za al box a fir­ma­re au­to­gra­fi e c’è per­fi­no qual­cu­no che mi ha por­ta­to foto e car­to­li­ne di quan­do cor­re­vo in kart o in For­mu­la Abar­th».

Emo­zio­na­to?

«Non ve­do l’ora di par­te­ci­pa­re al­la pa­ra­ta di ve­ner­dì (do­ma­ni; n.d.r.), uno spet­ta­co­lo che ho sem­pre guar­da­to da ca­sa. E poi di cor­re­re. Ho già di­spu­ta­to una 6 Ore del Mon­dia­le En­du­ran­ce e mi è sem­bra­ta dav­ve­ro lun­ga. Que­sta sa­rà una ga­ra di­strut­ti­va».

Co­me si è pre­pa­ra­to?

«Tan­to al­le­na­men­to ae­ro­bi­co con la bi­ci, mio se­con­do sport pre­fe­ri­to, e poi ho per­so un po’ di pe­so. In au­to le tem­pe­ra­tu­re so­no cal­dis­si­me, al con­tra­rio del­la mo­no­po­sto, e c’è da adat­tar­si a una gui­da di­ver­sa in fre­na­ta e nel­la ve­lo­ci­tà di per­cor­ren­za in cur­va. Ma ave­re due com­pa­gni esper­ti co­me To­ni Vi­lan­der e “Pi­po” De­ra­ni mi sa­rà d’aiuto».

Te­me qual­co­sa?

«Le due in­co­gni­te so­no il traf­fi­co e la not­te. Cor­ren­do in GTE Pro, ci sa­ran­no al­me­no una tren­ti­na di mac­chi­ne più ve­lo­ci (LMP1 e LMP2; n.d.r.) da te­ne­re d’oc­chio ne­gli spec­chiet­ti, e con­fes­so che nel pri­mo te­st di ini­zio giu­gno è sta­to un ca­si­no — ri­de —. Di not­te, poi, do­vrò abi­tuar­mi al­le lu­ci del­le al­tre vet­tu­re che ab­ba­glia­no e ai pun­ti di ri­fe­ri­men­to che si ve­do­no più tar­di ri­spet­to al gior­no. Non sa­rà fa­ci­le man­te­ne­re il rit­mo e fa­re tem­pi all’al­tez­za».

L’al­le­na­men­to al si­mu­la­to­re di Ma­ra­nel­lo è sta­to uti­le?

«E’ ser­vi­to a im­pa­ra­re i pun­ti chia­ve del cir­cui­to (il trac­cia­to del­la Sar­the è lun­go 13,6 km; n.d.r.). Quin­di un la­vo­ro di­ver­so ri­spet­to a quel­lo dei fi­ne set­ti­ma­na dei GP di F.1, quan­do si la­vo­ra sull’as­set­to del­la vet­tu­ra in tem­po rea­le ri­spet­to al­la pi­sta. Ma la gui­da di not­te non si può al­le­na­re al si­mu­la­to­re. Ser­vi­rà gran­de con­cen­tra­zio­ne».

Un se­gre­to?

«Nel­le ul­ti­me tre set­ti­ma­ne ho guar­da­to e ri­guar­da­to le im­ma­gi­ni di fil­ma­ti “on board” del­le pas­sa­te edi­zio­ni di Le Mans al­me­no due vol­te al gior­no. Per la ve­ri­tà è una mia abi­tu­di­ne: lo fac­cio an­che pri­ma di af­fron­ta­re un te­st o una ses­sio­ne di pro­ve li­be­re con la F.1».

CHE SOR­PRE­SA «Il pub­bli­co è di veri ap­pas­sio­na­ti. So­no ri­ma­sto a fir­ma­re au­to­gra­fi an­che sul­le foto di quan­do cor­re­vo con i kart»

Che co­sa si aspet­ta da que­sta pri­ma vol­ta?

«Vo­glio che sia un’espe­rien­za in­di­men­ti­ca­bi­le. E lo sa­rà cer­ta­men­te. La 488 GTE è una ve­ra mac­chi­na da corsa, bel­la da gui­da­re. Io ho sem­pre so­gna­to di par­te­ci­pa­re al­la 24 Ore e so­no ve­nu­to per fa­re be­ne. Sa­li­re sul po­dio sa­reb­be bel­lis­si­mo, vin­ce­re un so­gno. Nei te­st, Por­sche 911 RSR e Ford GT so­no ap­par­se for­tis­si­me. E mi aspet­to an­che la Aston Mar­tin mol­to com­pe­ti­ti­va. Ma ve­dia­mo co­me si met­te­ran­no le co­se in ga­ra. Non bi­so­gna por­si li­mi­ti».

A qua­le pi­lo­ta si ispi­re­rà?

«Ho sem­pre se­gui­to que­sta ga­ra fa­cen­do il ti­fo per gli ita­lia­ni, a co­min­cia­re da Ema­nue­le Pir­ro. Ma Din­do Ca­pel­lo (tre trion­fi; n.d.r.) era il pi­lo­ta che mi pia­ce­va di più. Ora toc­ca a me». So­no pas­sa­ti quat­tro an­ni dall’ul­ti­mo trion­fo del­la ros­sa, con Gim­mi Bru­ni, Gian­car­lo Fi­si­chel­la e To­ni Vi­lan­der sul­la 458 GTE del­la AF Cor­se (2014). C’è da rin­fre­sca­re il pal­ma­rès.

An­to­nio Giovinazzi, 24 an­ni, di Mar­ti­na Fran­ca: vi­cei­ri­da­to GP2 nel 2016 e ter­zo pi­lo­ta Fer­ra­ri dal 2017

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.