Max AL­TA FE­DEL­TÀ «Det­to no al Real per ri­spet­to... E per il 5° scu­det­to con la mia Juve»

Al­le­gri tra pas­sa­to e fu­tu­ro: «Mi ha te­le­fo­na­to Flo­ren­ti­no Perez, ma ave­vo da­to la pa­ro­la ad Agnel­li. Non ho rimpianti Spe­ro che Higuain non vo­glia an­da­re via Dybala fac­cia ciò che sa»

La Gazzetta dello Sport - - Serie A - Fa­bia­na Del­la Val­le IN­VIA­TA A LI­VOR­NO

C’è un po­sto do­ve più de­gli al­tri si sen­te a ca­sa sua: ri­sto­ran­te da Oscar, il mare non si ve­de ma se ne sen­te l’ef­fet­to be­ne­fi­co e ri­las­san­te. Or­mai è un ap­pun­ta­men­to fis­so di fi­ne sta­gio­ne: qui Mas­si­mi­lia­no Al­le­gri fa bi­lan­ci e pro­get­ti e, nel gior­no del caos Lopetegui, rac­con­ta che nel cal­cio c’è an­co­ra spa­zio per un toc­co di ro­man­ti­ci­smo. «Ho det­to no al Real Ma­drid – rac­con­ta – per­ché ave­vo già da­to la mia pa­ro­la ad An­drea Agnel­li. Ho rin­gra­zia­to Flo­ren­ti­no Perez, che mi ha te­le­fo­na­to, spie­gan­do­gli che ave­vo già pre­so un im­pe­gno: sa­reb­be sta­to ir­ri­spet­to­so nei con­fron­ti del­la Juve. Non ho rimpianti, pri­ma ave­vo det­to no an­che a un’al­tra squa­dra (Chel­sea,

ndr). Quan­do an­drò via il pre­si­den­te lo sa­prà con il giu­sto an­ti­ci­po, ma cre­do che la Juve sa­rà la mia ul­ti­ma squa­dra ita­lia­na. In un fu­tu­ro, più lon­ta­no, mi ve­do in Na­zio­na­le».

Do­po quat­tro an­ni non te­me un fi­sio­lo­gi­co ca­lo di mo­ti­va­zio­ni?

«Si ri­par­te sem­pre da ze­ro. Lo scu­det­to è il pri­mo obiet­ti­vo, idea con­di­vi­sa con la so­cie­tà, per me ar­ri­va­re a 5 di fi­la sa­reb­be un gran suc­ces­so. La Champions è un so­gno e non un’os­ses­sio­ne, non la puoi pro­gram­ma­re, la de­vi gio­ca­re. Puntiamo a piaz­zar­ci tra le pri­me ot­to. Or­mai qui si pen­sa che se non si ar­ri­va in fi­na­le è un fal­li­men­to: non è tut­to fa­ci­le e scon­ta­to. Ne­gli ul­ti­mi 10 an­ni han­no vin­to 3 vol­te il Bar­cel­lo­na e 4 il Real che han­no Mes­si e Ro­nal­do, bi­so­gna es­se­re bra­vi a in­fi­lar­si co­me han­no fat­to Bayern, Chel­sea e Inter».

Chi lot­te­rà con la Juve per lo scu­det­to?

«Ol­tre al Na­po­li, te­mo la Ro­ma che è for­te fi­si­ca­men­te e con Di Fran­ce­sco ha fat­to be­ne. Poi l’Inter, che è in cre­sci­ta: il mio ami­co “at­to­re” Spal­let­ti que­st’an­no cor­re per il ti­to­lo. L’an­no scor­so s’ar­rab­biò per­ché lo chia­mai co­sì, ma io gli dis­si di non rom­pe­re... Il Mi­lan è an­co­ra in­die­tro, ma di­pen­de­rà an­che dal mer­ca­to che po­trà fa­re. L’ar­ri­vo di Ancelotti è uno sti­mo­lo per il Na­po­li per­ché ha vin­to do­vun­que. Carlo è di­ver­so da Sar­ri e si con­fron­te­rà con un’al­tra real­tà».

Mer­ca­to Juventus: s’aspet­ta un col­po al­la Mi­lin­ko­vic Savic?

«Sa­rà il so­li­to: costruiremo una squa­dra com­pe­ti­ti­va. Non ser­ve mol­to: già no­stri Cal­da­ra, Spi­naz­zo­la e Pe­rin, do­vreb­be ar­ri­va­re Can. Ab­bia­mo gio­va­ni di qua­li­tà. Mi aspet­to gran­di progressi da Ben­tan­cur».

Se Higuain an­drà via, me­glio Martial o Morata?

«Non mi ha det­to nien­te, spe­ria­mo che non vo­glia an­dar via, pe­rò ve­dre­mo do­po il Mon­dia­le. Se par­ti­rà ser­vi­rà un cen­tra­van­ti, an­che se Man­d­zu­kic tor­ne­rà nel vec­chio ruo­lo».

Dybala re­ste­rà?

«Ab­bia­mo par­la­to a lun­go, vuo­le fa­re an­co­ra gran­di sta­gio­ni al­la Juve pri­ma di la­scia­re. Se sei qui per mi­glio­ra­re puoi an­da­re so­lo al Bar­cel­lo­na, Real o Bayern. Pau­lo que­st’an­no è cre­sciu­to nel­le dif­fi­col­tà, è in­tel­li­gen­te e ha ca­pi­to che il pa­ra­go­ne con Mes­si gli ha fat­to ma­le. So­no di­ver­si an­che fi­si­ca­men­te, Dybala ne­gli spa­zi stret­ti fa­ti­ca: de­ve fa­re ciò che sa, non quel­lo che gli met­to­no in te­sta gli al­tri. Gli ho ri­pe­tu­to tal­men­te tan­te vol­te che non è Mes­si che mi avrà odia­to...».

Le fa­reb­be ef­fet­to ve­de­re Buffon con la ma­glia del Psg?

«Sa­rei con­ten­to, per­ché sta be­ne fi­si­ca­men­te e men­tal­men­te e avrà nuo­vi sti­mo­li, ma con la Juve è fi­ni­ta nel mo­do mi­glio­re. Szc­ze­sny sa­rà il no­stro ti­to­la­re, ma so­no mol­to con­ten­to di Pe­rin: al­la Juve il se­con­do fa 10-15 par­ti­te».

Douglas Co­sta la esal­ta?

«Fa passaggi da ma­ni­co­mio ma de­ve se­gna­re di più: da­van­ti al­la por­ta s’ac­con­ten­ta, go­de più a fa­re as­si­st».

Da al­le­na­to­re e ge­ni­to­re che co­sa di­reb­be all’Under 15?

«Pri­ma che a gio­ca­re a cal­cio bi­so­gna in­se­gna­re ri­spet­to ed edu­ca­zio­ne. È sta­ta una caz­za­ta sen­za cat­ti­ve­ria, ma sba­glia­ta. I so­cial van­no di­sin­ne­sca­ti per­ché so­no una bom­ba a oro­lo­ge­ria. La pu­ni­zio­ne è giu­sta».

TE­MO LA RO­MA E MI ASPET­TO PROGRESSI DA BEN­TAN­CUR

MAS­SI­MI­LIA­NO AL­LE­GRI AL­LE­NA­TO­RE JUVE

AFP

JUVE AL MAX Mas­si­mi­lia­no Al­le­gri, 50 an­ni, al­la Juve dal 2014: 4 scu­det­ti, 4 Cop­pe Ita­lia, 1 Su­per­cop­pa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.