Za­net­ti: «Der­by con tan­ti gol Icar­di-Higuain gran­dis­si­mi»

●«La no­stra In­ter era al cul­mi­ne, og­gi la Cham­pions è la ripartenza. Cre­do in Lau­ta­ro»

La Gazzetta dello Sport - - Calcio > Festival Di Trento - Va­le­rio Cla­ri IN­VIA­TO A TREN­TO

Per­si­no per uno che non ha mai avu­to pro­ble­mi a cor­re­re, e col­le­ga­re i re­par­ti, te­ne­re in­sie­me l’In­ter del Tri­ple­te e la squa­dra del 2018-19 può es­se­re un com­pi­to im­pro­bo. In mez­zo c’è sta­to un mon­do, cam­bi di pro­prie­tà e (a ri­pe­ti­zio­ne) di al­le­na­to­ri. Le de­lu­sio­ni si so­no suc­ce­du­te: non è an­co­ra tem­po di ri­met­ter­si la cop­pa in te­sta, co­me a Ma­drid, pe­rò il vi­ce pre­si­den­te Ja­vier Za­net­ti può mo­stra­re, in­sie­me a fi­si­co e ta­glio di ca­pel­li ri­ma­sti pres­so­ché ugua­li, il sor­ri­so dei mo­men­ti mi­glio­ri: «Ri­tro­var­ci è sem­pre un pia­ce­re. An­che se sia­mo in­vec­chia­ti...».

Za­net­ti, lei le ha vis­su­te in pri­ma li­nea en­tram­be. Pun­ti di con­tat­to fra que­ste due In­ter?

«So­no due si­tua­zio­ni mol­to di­ver­se: noi era­va­mo al cul­mi­ne di un ci­clo. Og­gi es­se­re tor­na­ti in Cham­pions è un pun­to di par­ten­za: ma ci so­no i mez­zi per po­ter fa­re be­ne».

In arrivo ci so­no Mi­lan e Barça. Può es­ser­ci un’al­tra svol­ta del­la sta­gio­ne?

«So­no sfi­de im­por­tan­tis­si­me: il der­by per Mi­la­no è “la Par­ti­ta”. Le due squa­dre ar­ri­va­no in un buon mo­men­to. Pec­ca­to che al­cu­ni gio­ca­to­ri rien­tre­ran­no tar­di dal­le na­zio­na­li e ci sa­rà po­co tem­po per pre­pa­rar­la».

Icar­di è uno di que­sti: ci sa­rà la gran­de sfi­da con Higuain.

«Mau­ro e Gon­za­lo so­no gran- dis­si­mi: fer­mar­li è dif­fi­ci­le, sa­rà un der­by ric­co di gol».

An­che se la di­fe­sa in­te­ri­sta sem­bra es­se­re il re­par­to che si è «re­gi­stra­to» per pri­mo.

«So­no sta­ti fat­ti ac­qui­sti fun­zio­na­li: ognu­no, non so­lo i di­fen­so­ri, ha al­za­to la qua­li­tà».

Il pri­mo ad ar­ri­va­re è sta­to Lau­ta­ro. Lo ve­dre­mo con Icar­di?

«È gio­va­ne, ma fa spe­ra­re in un gran­dis­si­mo fu­tu­ro. Spal­let­ti sta fa­cen­do un ot­ti­mo la­vo­ro: sta a lui de­ci­de­re. Ma quan­do sa­rà pos­si­bi­le gio­che­ran­no in­sie­me. So­no con­vin­to che i gran­di gio­ca­to­ri pos­sa­no sem­pre coe­si­ste­re».

Tor­nia­mo al der­by: ce n’è uno a cui è ri­ma­sto le­ga­to?

«In pull­man con i ra­gaz­zi ri­cor­da­va­mo il der­by d’an­da­ta del 2010, che vin­cem­mo 4-0».

Il pros­si­mo co­me an­drà?

«L’In­ter può fa­re una gran­dis­si­ma par­ti­ta e vin­ce­re».

Co­me si tro­va da di­ri­gen­te?

«Be­ne, per­ché sto co­no­scen­do dei nuo­vi aspet­ti del la­vo­ro nel cal­cio. So­no spes­so in gi­ro per il mon­do per cer­ca­re di por­ta­re in al­to il no­me dell’In­ter, do­ve me­ri­ta di sta­re».

Pre­sto po­treb­be ave­re un nuo­vo pre­si­den­te. Zhang Jr è pron­to?

«Con Ste­ven il rap­por­to è ot­ti­mo. È un ra­gaz­zo gio­va­ne e in­tel­li­gen­te, da tem­po la­vo­ra per il club ed è un ri­fe­ri­men­to».

RI­COR­DO BE­NE IL DER­BY DI AN­DA­TA DEL 2010: LO VIN­CEM­MO 4-0...

FA­RE IL DI­RI­GEN­TE MI PIA­CE: POR­TO IL NO­ME IN­TER IN AL­TO NEL MON­DO JA­VIER ZA­NET­TI VI­CE­PRE­SI­DEN­TE IN­TER

BOZZANI

Ja­vier Za­net­ti, 45, ha gio­ca­to nell’In­ter dal 1995 al 2014

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.