Pel­lis­sier

«Tor­ne­rà lo spi­ri­to del ve­ro Chie­vo Ven­tu­ra in­se­gne­rà an­co­ra cal­cio» ●L’uo­mo sim­bo­lo dei ve­ne­ti, 40 an­ni ad apri­le «La ge­stio­ne D’An­na? Tut­ti ab­bia­mo col­pe»

La Gazzetta dello Sport - - Serie A L’intervista - Mat­teo Bre­ga MILANO

Ser­gio Pel­lis­sier ha bal­la­to per me­tà del­la sua vi­ta con la ma­glia del Chie­vo. Ar­ri­va­to in Se­rie B a 21 an­ni dal Va­re­se nel 2000, se ne an­dò sei me­si do­po per una pa­ren­te­si di un an­no e mez­zo al­la Spal. Al ritorno, si ri­tro­vò la squa­dra in A e sen­za sa­per­lo ini­ziò un le­ga­me uma­no e pro­fes­sio­na­le con il pre­si­den­te Lu­ca Cam­pe­del­li che lo por­te­rà a su­pe­ra­re i 40 an­ni il pros­si­mo 12 apri­le.

Ri­cor­di pia­ce­vo­li e al­tri me­no: que­sto Chie­vo è la ver­sio­ne più sof­fer­ta da quan­do lo vi­ve?

«Si­cu­ra­men­te non è una si­tua­zio­ne sem­pli­ce. Ci sia­mo pre­pa­ra­ti tut­ta l’esta­te con il pen­sie­ro del­la pe­na­liz­za­zio­ne. Sa­pe­va­mo che do­ve­va­mo par­ti­re for­te per an­nul­la­re quel me­no in clas­si­fi­ca nel mi­nor tem­po pos­si­bi­le. In­ve­ce ci sia­mo ri­tro­va­ti a sba­glia­re l’ap­proc­cio in qual­che partita e co­sì ti ri­tro­vi a ge­sti­re IN­CRO­CIO ESTI­VO Gian Pie­ro Ven­tu­ra e Ser­gio Pel­lis­sier nell’ago­sto del 2009 pri­ma di una partita amichevole tra il Ba­ri al­le­na­to dal nuovo tec­ni­co dei ve­ne­ti e il Chie­vo a Bol­za­no

la pau­ra di non vin­ce­re e di non far­ce­la».

Par di ca­pi­re che ci sia­no sta­ti pas­sag­gi più de­li­ca­ti...

«Sta­gio­ne 2008-09, quel­la del ritorno in Se­rie A. Il 21 di­cem­bre, ul­ti­ma gior­na­ta pri­ma del­la pau­sa na­ta­li­zia, per­dia­mo in ca­sa con­tro il Ge­noa e sia­mo ul­ti­mi, a 4 pun­ti dal­la Reg­gi­na pe­nul­ti­ma e a 6 da Bo­lo­gna e Torino, le pri­me in zo­na sal­vez­za.

Quel­lo è sta­to il mo­men­to più de­li­ca­to per­ché era­no già pas­sa­te 17 gior­na­te di cam­pio­na­to. E al­la fi­ne ci salvammo».

La sca­la­ta del­la mon­ta­gna di cui ha par­la­to Gian Pie­ro Ven­tu­ra è quin­di pos­si­bi­le?

«Bi­so­gna re­sta­re tran­quil­li, il cam­pio­na­to è lun­go. In quel­la sta­gio­ne era­va­mo una squa­dra più esper­ta di ades­so, ma c’era­no me­no mar­gi­ni per­ché qua­si un gi­ro­ne se n’era an­da­to».

La scel­ta di Ven­tu­ra co­me la ca­ta­lo­ghia­mo?

«Un al­le­na­to­re che in­se­gna cal­cio e che lo ha sem­pre in­se­gna­to ovun­que è an­da­to».

Con Lo­ren­zo D’An­na co­sa è suc­ces­so?

«Non ave­va­mo la cat­ti­ve­ria giu­sta per af­fron­ta­re le par­ti­te. Bi­so­gna­va gio­ca­re al­la mor­te, in­ve­ce scen­de­va­mo in cam­po con la pau­ra di per­de­re. Qual­che er­ro­re lo ha com­mes­so lui, qual­che er­ro­re lo ab­bia­mo com­mes­so noi. Il cal­cio ha bi­so­gno del­la men­ta­li­tà giu­sta. So­lo co­sì emer­ge la qua­li­tà di una squa­dra. Se ti ac­con­ten­ti, non por­ti a ca­sa tutto quel­lo che me­ri­ti. De­vi lot­ta­re e poi ti­ra­re le som­me».

In que­sto Ven­tu­ra sa­rà de­ter­mi­nan­te?

«Ci da­rà le istru­zio­ni per ot­te­ne­re il me­glio. Noi non dob­bia­mo pen­sa­re al­le vi­cis­si­tu­di­ni che ha pas­sa­to con la Na­zio­na­le. Dob­bia­mo pen­sa­re che pri­ma, ovun­que ha al­le­na­to, ha fat­to be­ne. Se hai la si­cu­rez­za di fa­re be­ne, lo fa­rai. E la men­ta­li­tà de­ve es­se­re quel­la di vo­ler vin­ce­re ogni partita».

La clas­si­fi­ca del­la Se­rie A ap­pa­re già spac­ca­ta in due tron­co­ni: sa­rà co­sì per tutto l’an­no?

«È trop­po pre­sto per fa­re i bi­lan­ci, il cam­pio­na­to è com­ples­so e dif­fi­ci­le. Non guar­do il ca­len­da­rio per­ché non ha im­por­tan­za. Non è il mo­men­to di pen­sa­re di es­se­re già re­tro­ces­si, bi­so­gna es­se­re po­si­ti­vi».

Lei pen­sa sem­pre al pre­sen­te an­che per sé? Il pros­si­mo com­plean­no è quel­lo dei 40…

«Pen­so di fa­re il me­glio nel pre­sen­te, poi a pri­ma­ve­ra ve­dre­mo co­me sta­rò».

An­che per­ché con il gol se­gna­to pri­ma del­la pau­sa al Mi­lan ha in­fi­la­to la 17^ sta­gio­ne con­se­cu­ti­va con il Chie­vo con al­me­no una re­te in cam­pio­na­to e in Se­rie A sia­mo a quo­ta 109…

«Mi pia­ce pen­sa­re che fi­no a quan­do mi sen­ti­rò be­ne e in gra­do di reg­ge­re il con­fron­to con i com­pa­gni e gli av­ver­sa­ri, ci pro­ve­rò».

Non si ve­de sul­la pan­chi­na del Chie­vo in fu­tu­ro?

(ri­de, ndr) «Ho un ca­rat­te­re for­te e in un mon­do do­ve spes­so de­vi adat­tar­ti non cre­do che sa­rei ade­gua­to».

Co­me ha fat­to al­lo­ra ad an­da­re d’ac­cor­do per tutto que­sto tem­po con un so­lo da­to­re di la­vo­ro?

«Con Cam­pe­del­li ci sia­mo ca­pi­ti su­bi­to e con il tem­po è na­to un rap­por­to che va ol­tre quel­lo pro­fes­sio­na­le. E poi sia­mo si­mi­li su una co­sa: sof­fria­mo tre­men­da­men­te per il Chie­vo».

Nell’an­no dei 40 lei si emo­zio­na an­co­ra con il cal­cio?

«Sen­za dub­bio, e guai se at­tac­ca­no il Chie­vo. So­no un ti­po or­go­glio­so, mi met­to da­van­ti a di­fen­der­lo».

Cal­cia­to­re, ma­ri­to e pa­dre di tre fi­gli di cui uno gio­ca nel set­to­re gio­va­ni­le del Chie­vo: gior­na­te im­pe­gna­te?

«Mi pia­ce ve­der cre­sce­re i pic­co­li, an­che se ser­vi­reb­be più tem­po. Per que­sto li por­to a scuo­la e il me­dio lo ri­por­to an­che a ca­sa da­gli al­le­na­men­ti. Mi sa­reb­be pia­ciu­to che mi aves­se­ro vi­sto di più gio­ca­re, ma va be­ne co­sì».

Un fi­glio «adot­ti­vo» nel­lo spo­glia­to­io è Ma­riusz Ste­pin­ski: c’è un mo­ti­vo par­ti­co­la­re per que­sto le­ga­me?

«Ave­va bi­so­gno di qual­cu­no che lo aiu­tas­se a ca­pi­re il cal­cio ita­lia­no tat­ti­ca­men­te. Lo com­pren­de­vo, per­ché da gio­va­ne mi pia­ce­va ascol­ta­re i più esper­ti, as­sor­bi­re i lo­ro con­si­gli. So­lo co­sì cre­sci».

La men­ta­li­tà del Chie­vo è cam­bia­ta?

«Non de­ve cam­bia­re, per­ché quel­la re­sta la no­stra for­za. Rim­boc­car­si le ma­ni­che e la­vo­ra­re per man­te­ne­re la A. Con que­sto spi­ri­to, lo stes­so del pre­si­den­te, si può fa­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.