Chiel­li­ni al­la pun­ta­ta nu­me­ro 99: «Non chia­ma­te­la fi­na­le»

●Col Por­to­gal­lo la 100a pre­sen­za con l’Italia ma si de­ve vin­ce­re og­gi per­ché sia una fe­sta «La sfi­da con l’Ucrai­na ci ha da­to fi­du­cia»

La Gazzetta dello Sport - - Nazionale Nations League > - INVIATO A CHOR­ZOW (PO­LO­NIA) a.e.

Ave­re cen­to pre­sen­ze in Na­zio­na­le sa­rà per for­za sen­tir­si un po’ vec­chi: quan­do suc­ce­de­rà, che pos­sa es­se­re una fe­sta, per­lo­me­no. Ar­ri­va­to al­la pun­ta­ta 99 di un pro­gram­ma ini­zia­to po­co me­no di 14 an­ni fa, stasera Gior­gio Chiel­li­ni non fa­rà fa­ti­ca a di­stin­gue­re fra be­ne col­let­ti­vo e per­so­na­le: i due in­te­res­si coin­ci­de­ran­no to­tal­men­te. Sen­za un ri­sul­ta­to po­si­ti­vo (pos­si­bil­men­te una vit­to­ria) in Po­lo­nia, non ci sa­rà chan­ce di ce­le­bra­re fra un me­se a Milano, con una ga­ra «ve­ris­si­ma» con­tro il Por­to­gal­lo, l’in­gres­so nell’as­sai ri­stret­to club di cen­te­na­ri az­zur­ri. Che con lui di­ven­te­ran­no set­te.

SHERPA NON IN­DI­SPEN­SA­BI­LE L’incubo è una sfi­da to­tal­men­te inu­ti­le, con San Si­ro se­mi­vuo­to. E in­ve­ce il Chiel­lo, an­che se non lo di­ce, so­gna una ga­ra com­bat­tu­ta ol­tre che pe­san­te per la clas­si­fi­ca co­me piac­cio­no a lui. Quel­la del 17 no­vem­bre po­trà es­ser­lo, a pat­to di non per­de­re stasera; lo sa­rà qua­si si­cu­ra­men­te quel­la di stasera qui in Po­lo­nia. «Ma non vo­glio chia­mar­la fi­na­le, e nean­che pas­so ver­so l’Eu­ro­peo: qua­li­fi­car­ci o no per l’Eu­ro­peo non di­pen­de­rà da que­sta partita. Che al mas­si­mo, se pro­prio vo­glia­mo, pos­sia­mo chia­ma­re spa­reg­gio per con­ti­nua­re in Se­rie A. Ma è im­por­tan­te so­prat­tut­to per­ché può dar­ci slan­cio nel nostro per­cor­so di cre­sci­ta». Un cam­mi­no lun­go il qua­le Chiel­li­ni non si sen­te, e non si sen­ti­rà, il vec­chio sherpa in­di­spen­sa­bi­le: «Al mas­si­mo im- por­tan­te co­me gli al­tri. Non è cam­bia­to nul­la, il mio ruo­lo qui non sa­rà mai un pro­ble­ma: è un’espe­rien­za che vi­vo al­la gior­na­ta con en­tu­sia­smo». Do­po la partita di Ge­no­va con l’Ucrai­na an­che un po’ di più: «Quei 90’ ci han­no da­to fi­du­cia, an­che per do­ma­ni, per­ché è sta­to pia­ce­vo­le gio­car­li: ab­bia­mo gio­ca­to a cal­cio, e be­ne. Ci è ri­ma­sto so­lo il ram­ma­ri­co per non aver se­gna­to al­me­no un al­tro gol: sa­reb­be sta­to il mi­ni­mo, per quan­to fat­to».

PIA­TEK, IL PRE­QUEL Ma do­ma­ni sa­rà im­por­tan­te an­che non pren­de­re gol, co­sa che all’Italia suc­ce­de or­mai trop­po ra­ra­men­te: mai nel­le ul­ti­me ot­to par­ti­te po­st trau­ma sve­de­se. Un mo­ti­vo in più per ster­za­re: an­che se Chiel­li­ni do­ves­se tro­var­si di fron­te «Cri­sto­fo­ro» Pia­tek, il cen­tra­van­ti po­lac­co del Ge­noa che in A se­gna più di un gol a partita e an­che in na­zio­na­le cer­ca di sta­re in me­dia: sa­reb­be il pos­si­bi­le pre­quel di un duel­lo to­sto che rian­drà in sce­na al­lo Sta­dium già fra sei gior­ni, ma per pen­sa­re a co­me im­por­re al cen­tra­van­ti ri­ve­la­zio­ne del cam­pio­na­to il pri­mo di­giu­no ita­lia­no ci sa­rà tem­po. Mol­to più im­por­tan­te, ades­so, è non far­lo par­la­re an­co­ra con la ma­glia del­la Po­lo­nia. Sem­pre che gio­chi.

Gior­gio Chiel­li­ni, 34 an­ni, 98 ga­re in Na­zio­na­le GET­TY IMA­GES

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.