«Re­tro­ces­sio­ne? Non cam­bie­reb­be il nostro pro­get­to»

●Il c.t. Man­ci­ni: «Si può fa­re gol an­che sen­za un 9 Per me an­drà be­ne, co­mun­que non sa­rà la fi­ne»

La Gazzetta dello Sport - - Nazionale Nations League > - An­drea Ele­fan­te INVIATO A CHOR­ZOW (PO­LO­NIA)

«Quan­to vi pia­ce que­sta pa­ro­la, eh?». Ro­ber­to Man­ci­ni na­scon­de die­tro un sor­ri­so di quel­li che gli fan­no striz­za­re gli oc­chi l’im­per­cet­ti­bi­le fa­sti­dio per il ci­cli­co ri­pro­por­si di do­man­de che ac­cen­na­no a quel­la even­tua­li­tà. Quel­la pa­ro­la si pro­nun­cia re­tro­ces­sio­ne (nel­la B del­la Na­tions), con­cet­to igno­to al­la sua car­rie­ra di gio­ca­to­re e al­le­na­to­re, ma lui la leg­ge co­me ne­mi­ca del­la sua fi­lo­so­fia di ri­co­stru­zio­ne.

NES­SUN DRAM­MA Numeri e re­go­la­men­ti spie­ga­no che ar­ri­va­re al ter­zo po­sto nel grup­po può in­tral­cia­re il cam­mi­no fu­tu­ro del­le Na­zio­na­le, il c.t. si sfor­za di ri­ba­di­re: in­ciam­pa­re an­che stasera è da evi­ta­re, cer­to, ma non sa­reb­be un dram­ma. «A ini­zio per­cor­so i no­stri obiet­ti­vi era­no chia­ri: fa­re una buo­na fi­gu­ra in Na­tions Lea­gue, ma pri­ma an­co­ra ri­co­strui­re una Na­zio­na­le - co­sa che non si fa in cin­que par­ti­te - e an­da­re all’Eu­ro­peo, che è lon­ta­no. A que­sto pun­to il nostro obiet­ti­vo più lo­gi­co è il se­con­do po­sto: con la Po­lo­nia cer­che­re­mo di vin­ce­re, ma se do­ves­si­mo per­de­re co­sa cam­bie­reb­be? As­so­lu­ta­men­te nul­la. Co­sa fac­cia­mo, se per­dia­mo non gio­chia­mo più? Non an­dia­mo all’Eu­ro­peo? Io pen­so che al­la fi­ne an­drà be­ne, al­tri­men­ti non sa­rà la fi­ne».

QUA­DRO PIU’ NI­TI­DO Non sa­rà so­lo per ren­de­re più pro­ba­bi­le un ri­sul­ta­to po­si­ti­vo, dun­que, che Man­ci­ni cam­bie­rà po­co se non po­chis­si­mo, o for­se ad­di­rit­tu­ra nul­la («E’ una pos­si­bi­li­tà. E Ver­rat­ti può gio­ca­re due ga­re rav­vi­ci­na­te»), ri­spet­to a Italia-Ucrai­na. Fi­lo­so­fia op­po­sta ri­spet­to al­le due ga­re di un me­se fa, «ma al­lo­ra i ra­gaz­zi non era­no an­co­ra al mas­si­mo del­la con­di­zio­ne, e c’era il pe­ri­co­lo di infortuni con par­ti­te co­sì rav­vi­ci­na­te. E poi do­ve­vo ve­de­re la ri­spo­sta dei ra­gaz­zi più gio­va­ni in sfi­de più dif­fi­ci­li». Man­ci­ni cam­bie­rà po­co an­che per­ché cer­ti ri­scon­tri li ha avu­ti e il qua­dro del­le sue va­lu­ta­zio­ni si sta fa­cen­do più ni­ti­do: «Sta­vol­ta ho avu­to gio­ca­to­ri che l’al­tra vol­ta non c’era­no (Ver­rat­ti, Ba­rel­la, Flo­ren­zi): li ho pro­va­ti, si so­no tro­va­ti be­ne in­sie­me. Non so se ab­bia­mo tro­va­to la stra­da, ma ha sen­so pro­se­gui­re su que­sta».

SEN­ZA CEN­TRA­VAN­TI Che poi è so­prat­tut­to la stra­da del «tri­den­te ro­tan­te», sen­za un ve­ro cen­tra­van­ti. An­che se Im­mo­bi­le lo è, e su In­sta­gram ha po­sta­to una fac­ci­na che zit­ti­sce ac­can­to al nu­me­ro dei suoi gol se­gna­ti nel 2018 e al­la me­dia partita: «Guar­da­te che quel­lo era per voi, non per me...», sor­ri­de il c.t.. Fat­to sta che an­che stasera il la­zia­le po­treb­be ac­co­mo­dar­si in pan­chi­na: «Per vin­ce­re bi­so­gna fa­re gol e in una squa­dra un cen­tra­van­ti che fa gol ci de­ve es­se­re, è im­por­tan­te. Pe­rò può an­che ca­pi­ta­re di tro­va­re una so­lu­zio­ne che fun­zio­na sen­za: Sar­ri lo ha fat­to nel Na­po­li e ha fun­zio­na­to, an­che se non è che con Hi­guain le co­se non an­das­se­ro be­ne. A noi a Ge­no­va so­no an­da­te be­ne per 60’: è cam­bia­to qual­co­sa so­lo do­po i cam­bi, che por­ta­no sem­pre un po’ di caos». E pa­zien­za se con quel­la so­lu­zio­ne of­fen­si­va si per­de qual­co­sa in fi­si­ci­tà, in cen­ti­me­tri: «Se si vuo­le gio­ca­re a cal­cio, da qual­che par­te bi­so­gna pur sof­fri­re».

SUL TRI­DEN­TE

«Il Na­po­li di Sar­ri ha fat­to be­ne sen­za il cen­tra­van­ti. Non so se ab­bia­mo tro­va­to la stra­da, ma è giu­sto pro­se­gui­re»

LA­PRES­SE

Ro­ber­to Man­ci­ni è na­to a Je­si (An­co­na) il 27 no­vem­bre 1964. E’ il commissario tec­ni­co dell’Italia dal­lo scor­so mag­gio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.