Szc­ze­sny sa tutto di noi «Ber­na, che pro­gres­si»

●Il por­tie­re elo­gia il com­pa­gno di Ju­ve. «Ma oc­chio a Pia­tek, ogni pal­la che toc­ca è gol»

La Gazzetta dello Sport - - Nazionale Nations League > - INVIATO A CHOR­ZOW (PO­LO­NIA)

Noi non ab­bia­mo un cen­tra­van­ti da schie­ra­re (for­se), la Po­lo­nia è co­stret­ta a se­le­zio­na­re. Il c.t. Br­zec­zek par­la co­me se il mu­ro non fos­se an­co­ra ca­du­to e quin­di non si ca­pi­sce chi fa­rà cop­pia con Lewan­do­w­ski: po­treb­be toc­ca­re a Mi­lik, ma di si­cu­ro Pia­tek, un gol an­che al Por­to­gal­lo, non è fuo­ri dai gio­chi. E ci sa­reb­be la ter­za op­zio­ne, co­me all’an­da­ta a Bo­lo­gna, con Zielinski se­con­da pun­ta. «Dob­bia­mo vin­ce­re», ri­pe­te Br­zec­zek. Sia­mo in buo­na com­pa­gnia al­lo­ra. Al suo fian­co un al­tro ita­lia­no, Wo­j­cie­ch Szc­ze­sny, che si ri­pren­de la por­ta do­po aver da­to spa­zio a Fa­bian­ski, e si al­li­nea al ca­po: «Mo­ti­va­zio­ni ne ab­bia­mo tan­te, noi gio­chia­mo so­la­men­te per i tre pun­ti».

CHE BER­NAR­DE­SCHI Nel­la clas­si­fi­ca del­la Na­tions Lea­gue con­ta lo scon­tro di­ret­to: chi per­de stasera ar­ri­va ul­ti­mo e pre­ci­pi­ta in Se­rie B. Szc­ze­sny ci ti­ra un po’ su: «Ne­gli ul­ti­mi me­si non s’è vi­sta la mi­glior Italia, ma que­sta squa­dra ha sem­pre un gran po­ten­zia­le». Il por­tie­re la co­no­sce be­ne gio­can­do da tem­po da noi, tra Ro­ma e Ju­ve: «In ef­fet­ti so ab­ba­stan­za dei vo­stri gio­ca­to­ri», sor­ri­de. Da uno in par­ti­co­la­re è sem­pre più con­qui­sta­to: «Ber­nar­de­schi. Ri- spet­to all’an­no scor­so l’ho vi­sto in­cre­di­bil­men­te mi­glio­ra­to. Può fa­re dav­ve­ro ogni ruo­lo, com­pre­so il cen­tra­van­ti». Ruo­lo in cui la Po­lo­nia è messa me­glio: e Pia­tek, do­po que­sta sfi­da, gio­chi o no, di­ven­te­rà un ri­va­le in Ju­ve-Ge­noa. «Per ora ogni pal­la che toc­ca è un gol. Spe­ro con­ti­nui co­sì fi­no a ve­ner­dì…».

SZC­ZE­SNY E PE­RIN

Im­pos­si­bi­le sot­trar­si al­le que­stio­ni ita­lia­ne e al­la ri­va­li­tà con Pe­rin in bian­co­ne­ro. Qual­cu­no ac­cen­na a pos­si­bi­li pres­sio­ni per un con­cor­ren­te co­sì for­te, Szc­ze­sny ta­glia cor­to, cor­tis­si­mo: «Non pre­sto at­ten­zio­ne a que­ste sto­rie e non sen­to pres­sio­ni, spes­so so­no in­ven­zio­ni dei me­dia». Men­tre non è un’in­ven­zio­ne il fat­to che an­che la Po­lo­nia sia in una fa­se di tran­si­zio­ne, co­me ri­co­no­sce il c.t.: «Sì, pur­trop­po non sia­mo riu­sci­ti a com­pie­re il sal­to di qua­li­tà, il Mon­dia­le è sta­ta una de­lu­sio­ne e an­che noi dob­bia­mo ri­co­strui­re la fi­du­cia at­tor­no al­la squa­dra. Con­tro gli az­zur­ri non è il ca­so di fa­re espe­ri­men­ti: Man­ci­ni non ha il cen­tra­van­ti ma quei tre da­van­ti so­no ot­ti­mi gio­ca­to­ri».

SOR­PAS­SO?

L’Italia og­gi è 20° nel ran­king Fi­fa, la Po­lo­nia sta po­co me­glio, 18° ma re­du­ce dal­la scon­fit­ta con il Por­to­gal­lo che, co­sì, si ri­tro­va a un nien­te dal pri­mo po­sto. Un ri­sul­ta­to fa­vo­re­vo­le agli az­zur­ri stasera si­gni­fi­che­reb­be sor­pas­so nel ran­king e, di que­sti tem­pi, an­che una po­si­zio­ne in più ma­le non fa in pro­spet­ti­va sor­teg­gi mon­dia­li.

Wo­j­cie­ch Szc­ze­sny, por­tie­re del­la Po­lo­nia e del­la Ju­ve Epa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.