Coa­ch Z Qui è su­bi­to Zen­ga Un al­tro leo­ne rug­gi­sce a Ve­ne­zia

●Il nuovo al­le­na­to­re: «Non ba­do al­la ca­te­go­ria, chi non dà tutto sta fuo­ri. Ora ser­ve tan­ta fe­ro­cia»

La Gazzetta dello Sport - - Serie B Il Personaggio - Mi­che­le Con­tes­sa VE­NE­ZIA

Pri­mo obiet­ti­vo già cen­tra­to per Wal­ter Zen­ga: scuo­te­re dal tor­po­re una piaz­za che si era clo­ro­for­miz­za­ta per la se­rie di ri­sul­ta­ti ne­ga­ti­vi con­se­gui­ti. Per­so­nag­gio me­dia­ti­co co­me Pip­po In­za­ghi, Wal­ter Zen­ga è sta­to ac­col­to trion­fal­men­te dai ti­fo­si aran­cio­ne­ro­ver­di, che lo han­no at­te­so fuo­ri dal Tem­po­ra­ry Sto­re del Ve­ne­zia, all’in­ter­no dell’M9 a Me­stre. Giac­ca del­la so­cie­tà e ca­mi­cia bian­ca per Joe Tacopina, ma­glia gial­la del­la squa­dra per Wal­ter Zen­ga, che si è im­me­dia­ta­men­te ca­la­to nel­la par­te. «Zen­ga ha un ca­rat­te­re mol­to si­mi­le al mio», ha spie­ga­to il nu­me­ro uno aran­cio­ne­ro­ver­de, «sen­tir­lo par­la­re den­tro lo spo­glia­to­io è sta­to mol­to bel­lo e non c’era un gio­ca­to­re che non fos­se cat­tu­ra­to dal­le sue pa­ro­le e dal­la sua per­so­na­li­tà. Quan­do è sbu­ca­to fuo­ri dal tun­nel de­gli spo­glia­toi, inol­tre, è co­me se aves­si vi­sto un leo­ne usci­re fuo­ri dal­la gab­bia e lo stes­so at­teg­gia­men­to l’ho vi­sto nel pri­mo al­le­na­men­to».

SIN­TO­NIA Do­ve­va es­se­re un in­con­tro per co­no­scer­si con Tacopina, Wal­ter Zen­ga non si è più mos­so dal­la la­gu­na. «So­no ar­ri­va­to in una so­cie­tà am­bi­zio­sa, in una del­le cit­tà più bel­le al mon­do e ho co­no­sciu­to un pre­si­den­te che mi ha da­to im­me­dia­ta­men­te fi­du­cia e con il qua­le mi so­no tro­va­to in sin­to­nia su­bi­to, co­me se ci co­no­sces­si­mo da tan­ti an­ni». In po­che ore la trat­ta­ti­va ha por­ta­to all’esi­to au­spi­ca­to da Joe Tacopina. «Quan­do so­no sta­to con­tat­ta­to», ha ag­giun­to Wal­ter Zen­ga, «ho pre­so il pri­mo ae­reo da Du­bai per Ve­ne­zia e so­no ve­nu­to so­lo per co­no­scer­lo per­ché per me il ri­spet­to del­le per­so­ne vie­ne pri­ma di tutto. Se un pre­si­den­te mi chia­ma, ar­ri­vo e ci par­lo. Tra di noi è na­to su­bi­to un fee­ling, ades­so spe­ro che at­tra­ver­so il la­vo­ro, la pas­sio­ne e l’en­tu­sia­smo ar­ri­vi­no quei ri­sul­ta­ti con­so­ni al pro­get­to del Ve­ne­zia».

AZ­ZE­RA­RE Zen­ga non guar­da al re­cen­te pas­sa­to del Ve­ne­zia, ma so­lo all’im­me­dia­to fu­tu­ro. «Non giu­di­co mai quel­lo che è sta­to fat­to in pre­ce­den­za, an­che per­ché ho il mas­si­mo ri­spet­to per Ste­fa­no Vec­chi. Io mi fi­do so­lo di quel­lo che ve­do, non di quan­to mi di­co­no. Pre­fe­ri­sco guar­da­re i gio­ca­to­ri fac­cia a fac­cia, du­ran­te l’al­le­na­men­to. I no­mi si co­no­sco­no, ma bi­so­gna co­no­sce­re le per­so­ne. De­vo ca­pi­re se han­no an­co­ra quel­la pas­sio­ne e quel­la fe­ro­cia per lot­ta­re per qual­sia­si obiet­ti­vo. Il pas­sa­to non con­ta nien­te, il der­by con il Ve­ro­na è la “no­stra” pri­ma partita di cam­pio­na­to».

FE­RO­CIA Zen­ga pun­ta a far ri­ve­de­re la squa­dra che ave­va stu­pi­to nel­la pas­sa­ta sta­gio­ne. «Pri­ma di tutto, il Ve­ne­zia de­ve ri­tor­na­re a es­se­re una squa­dra che si fa ri­spet­ta­re. Lo scor­so an­no, quan­do la ve­de­vo gio­ca­re, mi da­va l’idea di non te­me­re nes­su­no. Que­sto spi­ri­to e que­sta fe­ro­cia ma­ga­ri si so­no al­len­ta­ti, bi­so­gna ri­tro­var­li ra­pi­da­men­te».

CRO­TO­NE La de­lu­sio­ne di Cro­to­ne è at­te­nua­ta, ma an­co­ra vi­va in Zen­ga. «Non so­no ri­par­ti­to da Cro­to­ne per­ché ero sca­ri­co: so­cie­tà, cit­tà e ti­fo­si mi han­no da­to tan­tis­si­mo, ma in quel mo­men­to non ero in gra­do di da­re a lo­ro quan­to mi chie­de­va­no. Mi so­no ri­pu­li­to l’ani­ma, la re­tro­ces­sio­ne mi ha fat­to ma­lis­si­mo. Ades­so so­no pron­to a ri­par­ti­re, non ba­do al­la ca­te­go­ria. Non è im­por­tan­te il mo­du­lo, so­no fon­da­men­ta­li i prin­ci­pi di gio­co che un al­le­na­to­re dà al­la pro­pria squa­dra. Esi­ste il rap­por­to AN­SA che si crea tra gio­ca­to­ri e al­le­na­to­re: io de­vo coin­vol­ger­li, co­no­scen­do di lo­ro ogni più pic­co­lo se­gre­to. Vo­glio il mas­si­mo da tut­ti e chi non me lo dà, re­sta fuo­ri, chiun­que sia. Un ri­sul­ta­to può es­se­re frut­to del ca­so, le pre­sta­zio­ni so­no frut­to del la­vo­ro».

TEM­PO Zen­ga è già im­mer­so nel nuovo in­ca­ri­co. «Non ho vo­lu­to per­de­re nem­me­no un mi­nu­to, ho su­bi­to strac­cia­to il bi­gliet­to di ritorno per Du­bai. Tacopina mi ha chie­sto di ri­ve­de­re una squa­dra che gio­ca, lot­ta, con un’ani­ma». Il leo­ne è usci­to dal­la gab­bia, ades­so toc­ca an­che ai gio­ca­to­ri rug­gi­re.

8

GLO­BA­LE pae­si in cui Zen­ga ha al­le­na­to: Usa, Italia, Ser­bia, Ro­ma­nia, Tur­chia, Emi­ra­ti, Ara­bia e In­ghil­ter­ra

Da si­ni­stra Joe Tacopina, 52 an­ni, e Wal­ter Zen­ga al­la pre­sen­ta­zio­ne dell’al­le­na­to­re ie­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.