Una pio­vra in di­fe­sa Co­sì ca­pi­tan Chiel­lo ag­guan­ta ogni pal­la

●Im­pec­ca­bi­le: stac­co di te­sta, tac­kle, an­ti­ci­po Quan­do c’è l’In­ter, il Brie­gel di Li­vor­no s’il­lu­mi­na

La Gazzetta dello Sport - - Serie A Anticipo 15a Giornata > Il Personaggio - Ales­san­dra Boc­ci IN­VIA­TA A TO­RI­NO

ALi­vor­no lo chia­ma­va­no Brie­gel, vai a sa­pe­re per­ché pro­prio Brie­gel. Per­ché all’epo­ca cor­re­va sul­la fa­scia for­se, per­ché era es­sen­zia­le, per­ché non mol­la­va nien­te e ba­da­va al ri­sul­ta­to pro­prio co­me fa­ce­va Brie­gel. Ma Gior­gio Chiel­li­ni or­mai è mol­to più di Brie­gel, e chi lo avreb­be det­to nei bar dell’Ar­den­za. Su­pe­ra­ti i trent’an­ni, Chiel­li­ni è or­mai la quin­tes­sen­za del­la ju­ven­ti­ni­tà. Pio­vo­no so­lo com­pli­men­ti sul­la sua te­sta, quel­la te­sta che con­tro l’In­ter ha sfio­ra­to an­che il gol, una te­sta da lea­der. «Un pro­fes­so­re, po­treb­be in­se­gna­re ad Har­vard», ha det­to Mou­ri­n­ho a Old Traf­ford. «Non han­no sol­tan­to CR7, han­no an­che GC3», ha av­ver­ti­to Luciano Spal­let­ti al­la vi­gi­lia di que­sta Juve-In­ter. Elo­gi era­no per­ve­nu­ti an­che da Pio­li la set­ti­ma­na scor­sa. L’al­le­na­to­re Al­le­gri è an­da­to ol­tre. «È il di­fen­so­re più for­te del mon­do con Ser­gio Ra­mos». E non si trat­ta di or­go­glio li­vor­ne­se.

IL PRO­FES­SO­RE Cer­to, i due par­la­no la stes­sa lin­gua e so­no cre­sciu­ti a qua­si vent’an­ni di di­stan­za sul­le stes­se spiag­ge. So­no par­ti­ti da Li­vor­no al­lo stes­so mo­do, poi la car­rie­ra di Gior­gio ha pre­so il vo­lo e pro­prio sot­to la di­re­zio­ne d’or­che­stra di Al­le­gri ha rag­giun­to l’api­ce. Per­ché non è sta­to sem­pre co­sì elo­gia­to, Chiel­li­ni. Per an­ni ha vis­su­to in sim­bio­si e in un cer­to sen­so nell’om­bra di Bo­nuc­ci e dei suoi lan­ci ele­gan­ti, per an­ni è sta­to ac­cu­sa­to di fa­re la chiel­li­na­ta nel mo­men­to me­no op­por­tu­no. Ma Gior­gio è un ti­po che stu­dia e non ha mai smes­so di far­lo: si è lau­rea­to in Eco­no­mia e an­che in eco­no­mia del­la par­ti­ta, è il ti­po che non si ri­spar­mia mai ed è sta­to na­tu­ra­le che rac­co­glies­se la fa­scia di ca­pi­ta­no da Buf­fon, an­che in Na­zio­na­le. Pen­sa­re che da ra­gaz­zo è sta­to vi­ci­no all’In­ter, pen­sa­re che un pa­io di vol­te ha ri­schia­to di la­scia­re la Juve. «Per for­tu­na non è suc­ces­so», di­ce lui. Chiel­li­ni ha il bianconero sot­to­pel­le, tan­to quan­to Ser­gio Ra­mos ha il bian­co me­rin­ga del Real Ma­drid nel san­gue. Al­le­gri li ha ac­co­mu­na­ti per la bra­vu­ra, ma non è l’uni­ca co­sa che han­no in co­mu­ne.

LA RIVALITÀ L’ul­ti­ma vol­ta che la Juve ha in­con­tra­to l’In­ter, nel­la sta­gio­ne pas­sa­ta, Gior­gio l’ave­va se­gui­ta dal­la pan­chi­na, per­ché era in­for­tu­na­to. Stu­dia­va da ca­pi­ta­no, co­me si vi­de nel caos fi­na­le. C’è qua­si sem­pre un caos fi­na­le, quan­do Juve e In­ter si in­cro­cia­no. Sta­vol­ta è sta­to un caos cal­mo e Chiel­li­ni lo ha go­ver­na­to be­ne fi­no all’ul­ti­mo mi­nu­to. Ha sfio­ra­to il gol, ha te­nu­to a ba­da Icar­di, ha aiu­ta­to i com­pa­gni a si­gil­la­re il ri­sul­ta­to e pro­ba­bil­men­te il cam­pio­na­to, an­che se non lo di­rà mai. «Fi­no al­la fi­ne» è un mot­to che gli sta al­la per­fe­zio­ne. Fi­no al­la fi­ne re­ste­rà con­cen­tra­to sul cam­pio­na­to, sen­za con­ta­re i pun­ti, no­no­stan­te sap­pia con­ta­re be­ne. Vin­ce­re più cam­pio­na­ti pos­si­bi­le è la sua ma­nia, la Cham­pions Lea­gue gli pia­ce, ma il cam­pio­na­to è il suo giar­di­no. Mol­to ju­ven­ti­no, an­che in que­sto. Quan­do ve­de ne­raz­zur­ro si il­lu­mi­na e se n’è ac­cor­to Icar­di, una vol­ta di più. Cer­to, la Juve ha avu­to ter­zi­ni più bel­li e di­fen­so­ri più ele­gan­ti. Cer­to, Ro­nal­do è fi­si­ca­men­te per­fet­to, ma Chiel­li­ni è il mo­del­lo Juve al 100% e nes­su­no osa più far bat­tu­te sui suoi pie­di po­co de­li­ca­ti. Ades­so si par­la dell’ar­te del tac­kle e dell’an­ti­ci­po, per non par­la­re del­lo stac­co di te­sta. Al­tro che pie­di ru­vi­di.

ANSA/LAPRESSE

● 1 Un col­po di te­sta di Gior­gio Chiel­li­ni, 34 an­ni, ca­pi­ta­no del­la Juve ● 2-3 Al­tre due im­ma­gi­ni del guer­rie­ro bianconero con­tro l’In­ter: pri­ma pro­va a con­tra­sta­re Mau­ro Icar­di, poi sal­ta in mez­zo al­la di­fe­sa dei ne­raz­zur­ri ma vie­ne an­ti­ci­pa­to da Mi­lan Skri­niar 1

3

2

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.