Sr­na-Ko­la­rov, la sfi­da dei ri­cor­di

●Il croa­to del Ca­glia­ri og­gi con­tro il ser­bo del­la Ro­ma tra guer­ra, fa­mi­glia e na­zio­na­li

La Gazzetta dello Sport - - Serie A Anticipi 15a Giornata - An­drea Pu­glie­se RO­MA

In mez­zo ci so­no po­co più di tre an­ni di dif­fe­ren­za, an­che se in real­tà a se­pa­rar­li c’è un mon­do in­te­ro. Quel­lo che pas­sa tra ser­bi e croa­ti, an­co­ra og­gi al­le pre­se con le sco­rie di una guer­ra (quel­la de­gli An­ni No­van­ta) che ha la­scia­to i se­gni nel pas­sa­to e nel fu­tu­ro. E se i rap­por­ti at­tua­li tra Ser­bia e Croa­zia so­no an­co­ra fred­di­ni, quel­li tra Sr­na e Ko­la­rov van­no ol­tre. O al­me­no ci pro­va­no, po­te­re di un mez­zo tra­sci­nan­te co­me lo sport, an­che se poi pro­prio una par­ti­ta di cal­cio (Di­na­mo Za­ga­bria-Stel­la Ros­sa) die­de il via sim­bo­li­co al­lo scon­tro tra i due pae­si. Og­gi al­la Sar­de­gna Are­na Sr­na e Ko­la­rov si tro­ve­ran­no fac­cia a fac­cia, duel­lan­do sul­la stes­sa fa­scia: quel­la si­ni­stra per il ter­zi­no ser­bo del­la Ro­ma, quel­la de­stra per il croa­to del Ca­glia­ri. Ma sa­rà so­lo un duel­lo ago­ni­sti­co e nien­te di più. Ed al­la fi­ne ma­ga­ri si strin­ge­ran­no an­che la ma­no. Per­ché lo­ro due, Darijo e Aleksandar, so­no due de­gli ere­di di quel­la che era la zlat­na ge­ne­ra­ci­ja, la ge­ne­ra­zio­ne d’oro, fat­ta dai va­ri Su­ker, Mi­ha­j­lo­vic, Pro­si­nec­ki, Bo­ban e Mi­ja­to­vic. In buo­na so­stan­za, quel­li che con la ex Ju­go­sla­via di­ven­ne­ro campioni del mon­do Un­der 20 in Ci­le, nel 1987.

IL SER­BO Poi qual­che an­no do­po sa­reb­be ini­zia­ta pro­prio la guer­ra che ha di­la­nia­to per an­ni i Bal­ca­ni in lun­go e lar­go. E quel­la guer­ra lì Ko­la­rov e Sr­na l’han­no vis­su­ta sul­la pro­pria pel­le, se non al­tro per­ché era­no bam­bi­ni e cer­te co­se da bam­bi­no re­sta­no nel­la men­te per sem­pre. «C’è un ru­mo­re che con­ti­nua a ri­suo­na­re nel­le mie orecchie. Se chiu­do gli oc­chi rie­sco an­co­ra sen­tir­lo ni­ti­da­men­te. È qual­co­sa di ter­ri­fi­can­te – ha det­to tem­po fa Ko­la­rov ri­cor­dan­do la sua ado­le­scen­za a Bel­gra­do – Io e i miei ami­ci sen­ti­va­mo le esplo­sio­ni, ab­ban­do­na­va­mo le bi­ci e ini­zia­va­mo a cor­re­re ver­so ca­sa con il cuo­re che sem­bra­va esplo­de­re co­me le bombe che ca­de­va­no at­tor­no a noi». Ko­la­rov ave­va ap­pe­na sei an­ni e so­gna­va so­lo di gio­ca­re con i suoi coe­ta­nei, pos­si­bil­men­te a pal­lo­ne. «Pen­sa­re che quan­do scop­piò il con­flit­to ero fe­li­ce, per­ché non ca­pi­vo co­sa stes­se ac­ca­den­do. Per me vo­le­va so­lo di­re che non si an­da­va a scuo­la e po­te­vo pas­sa­re il tem­po a gio­ca­re a pal­lo­ne con i miei ami­ci. In real­tà ci vol­le il ru­mo­re del­la pri­ma bom­ba per far­mi ca­pi­re in qua­le in­fer­no era­va­mo piom­ba­ti. Ri­cor­do che non uscim­mo di ca­sa per gior­ni, cer­can­do inu­til­men­te di pren­de­re son­no tra il fra­go­ro­so ru­mo­re del­le esplo­sio­ni. Non po­tei più an­da­re per stra­da a gio­ca­re con gli ami­ci. Gio­ca­vo con mio fra­tel­lo in ca­sa men­tre le bombe esplo­de­va­no fa­cen­do tre­ma­re i mu­ri. Ep­pu­re con­ti­nua­vo a so­gna­re di di­ven­ta­re co­me Mi­ha­j­lo­vic».

IL CROA­TO An­che Sr­na i ri­cor­di del­la guer­ra se li por­ta sul­la pel­le, esat­ta­men­te co­me se li era por­ta­ti pa­pà Uzir, uno che pri­ma del con­flit­to dei Bal­ca­ni era giù fug­gi­to da al­tri mil­le con­flit­ti. La zia e la non­na di Darijo, al tem­po in­cin­ta, fu­ro­no bru­cia­te vi­ve da un grup­po di pa­ra­mi­li­ta­ri na­zio­na­li­sti ser­bi du­ran­te la Se­con­da Guer­ra Mon­dia­le. Suo non­no si sal­vò e sal­vò il pic­co­lo Uzir, ma poi non so­prav­vis­se a una pal­lot­to­la va­gan­te nel lo­ca­le do­ve la­vo­ra­va co­me ca­me­rie­re. Uzir, bo­snia­co di or­gi­ni mu­sul­ma­na, spo­sò poi la croa­ta Mil­ka ed a Me­t­ko­vic nac­que­ro Darijo e Igor, il fra­tel­lo af­fet­to da sin­dro­me di Do­wn a cui Sr­na de­di­ca spes­so i suoi gol (e di cui ha ta­tua­to il no­me sul­la pel­le). Pec­ca­to so­lo che Me­t­ko­vic fos­se un vil­lag­gio croa­to a ri­dos­so del con­fi­ne con la Bo­snia. In­som­ma, quan­do scop­piò la guer­ra dei Bal­ca­ni il fuo­co era pro­prio lì, den­tro ca­sa. «Ci presero la mac­chi­na, la po­li­zia fe­ce fin­ta di nien­te – ri­cor­da lui – Do­ve­va­mo ac­com­pa­gna­re Igor in una scuo­la spe­cia­le, non po­te­va­mo sta­re sen­za mac­chi­na. Mia ma­dre ha fat­to le pu­li­zie, ha spa­la­to la ne­ve, fa­ce­va­mo il pos­si­bi­le per ra­ci­mo­la­re sol­di e com­prar­ne un’al­tra».

L’OR­GO­GLIO Og­gi Ko­la­rov e Sr­na met­te­ran­no da par­te tut­ti i brut­ti ri­cor­di e pen­se­ran­no so­lo a gio­ca­re per vin­ce­re, per quan­to uno pos­sa di­men­ti­ca­re tan­te e ta­li atro­ci­tà. Di cer­to c’è che il lo­ro amo­re per la pro­pria pa­tria è più for­te di tut­to il re­sto ed è un’amo­re che na­sce pro­prio dal­le sof­fe­ren­ze vis­su­te da pic­co­li­ni. «Il mio so­gno ora è por­ta­re in pa­ra­di­so la na­zio­na­le ser­ba, il pri­mo mo­ti­vo di or­go­glio. Per que­sto con­ti­nue­rò a cor­re­re e a da­re tut­to me stes­so sem­pre», ha ag­giun­to Ko­la­rov. Sr­na, in­ve­ce, il so­gno ce l’ha in cie­lo e si chia­ma pro­prio Uzir. Il pa­pà mo­rì du­ran­te Eu­ro 2016, pri­ma di Croa­zia-Re­pub­bli­ca Ce­ca. Lui vo­lò a sa­lu­tar­lo per l’ul­ti­ma vol­ta e poi tor­nò a gio­ca­re. Per la Croa­zia. Da al­lo­ra suo pa­pà è an­co­ra di più nel suo cuo­re.

CI PRESERO TUT­TO: MIA MA­DRE FE­CE OGNI CO­SA PER AIUTARCI

DARIJO SR­NA TER­ZI­NO CA­GLIA­RI

IL RU­MO­RE DEL­LE BOMBE MI RISUONA AN­CO­RA NEL­LE ORECCHIE

ALEKSANDAR KO­LA­ROV TER­ZI­NO RO­MA

LAPRESSE

Aleksandar Ko­la­rov, 33 an­ni, ha gio­ca­to an­che con La­zio e Man­che­ster Ci­ty

LAPRESSE

Darijo Sr­na, 36 an­ni, pri­ma del Ca­glia­ri ha gio­ca­to so­lo con Ha­j­duk e Sha­kh­tar

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.