La­zio, c’è se­rial Ci­ro per usci­re dal­la cri­si

●I gol di Im­mo­bi­le per ri­par­ti­re: fi­no­ra han­no già frut­ta­to 57 pun­ti

La Gazzetta dello Sport - - Serie A Anticipi 15a Giornata - Ste­fa­no Cieri IN­VIA­TO A FORMELLO (RO­MA)

Ilea­der si ri­co­no­sco­no nei mo­men­ti dif­fi­ci­li. Quel­lo del­la La­zio in­dub­bia­men­te lo è. E al­lo­ra, per su­pe­rar­lo, l’am­bien­te bian­co­ce­le­ste si ag­grap­pa ai suoi uo­mi­ni più rap­pre­sen­ta­ti­vi. Uno, in par­ti­co­la­re. Quel­lo che, da due an­ni e mez­zo a que­sta par­te, qua­si sem­pre to­glie le ca­sta­gne dal fuo­co. Con i suoi gol in­nan­zi­tut­to. Ma an­che con la ca­ri­ca e il ca­ri­sma che so­lo i lea­der pos­so­no esi­bi­re.

CUO­RE DI CI­RO Im­mo­bi­le non ha mai smes­so di es­ser­lo, un lea­der. Nei pas­sag­gi de­li­ca­ti le sue pa­ro­le so­no sem­pre sta­te fon­da­men­ta­li. Quel­le «pub­bli­che», dif­fu­se via so­cial, e an­cor di più quel­le «pri­va­te», pro­nun­cia­te nel chiu­so del­lo spo­glia­to­io. Le une e le al­tre so­no ri­suo­na­te pu­re in que­sti gior­ni di clau­su­ra. Del­le pri­me c’è trac­cia su In­sta­gram da gio­ve­dì se­ra, quan­do la co­mi­ti­va la­zia­le (gio­ca­to­ri, tec­ni­ci, di­ri­gen­ti) ha mo­men­ta­nea­men­te la­scia­to il cen­tro spor­ti­vo per an­da­re a ce­na­re in un ri­sto­ran­te. Ci­ro ha po­sta­to la fo­to del­la squa­dra al com­ple­to, ag­giun­gen­do una di­da­sca­lia ef­fi­ca­ce nel­la sua sin­te­si: «C’è chi sus­sur­ra che sia­mo spac­ca­ti, ma non ve­do cre­pe». Del­le al­tre pa­ro­le, quel­le pro­nun­cia­te all’in­ter­no del­lo spo­glia­to­io, non c’è ov­via­men­te trac­cia uf­fi­cia­le. Uf­fi­cio­sa sì, pe­rò. E so­no sta­te fra­si pe­san­ti, te­se a pro­muo­ve­re una as­sun­zio­ne di re­spon­sa­bi­li­tà a li­vel­lo col­let­ti­vo. Ci­ro, del re­sto, lo ave­va an­ti­ci­pa­to nel do­po­par­ti­ta del Ben­te­go­di: «Ora è ne­ces­sa­rio che fac­cia­mo tut­ti un bell’esa­me di co­scien­za». Co­sa pun­tual­men­te av­ve­nu­ta in que­sti gior­ni. Du­ran­te i qua­li Im­mo­bi­le è sta­to an­che vit­ti­ma di uno scher­zo al te­le­fo­no dell’emit­ten­te ra­dio­fo­ni­ca RDS (gli con­te­sta­va­no la pa­ten­te sca­du­ta).

NUO­VI RE­CORD La sfi­da con la Samp, sta­se­ra all’Olim­pi­co, sa­rà il ter­mo­me­tro che mi­su­re­rà se e in che mo­do la feb­bre la­zia­le è pas­sa­ta. Do­po tan­te pa­ro­le, Im­mo­bi­le vuo­le ora par­la­re con i fat­ti. Che, nel suo ca­so, so­no es­sen­zial­men­te i gol. In­za­ghi e la La­zio ne han­no tan­to bi­so­gno per ar­chi­via­re be­ne la set­ti­ma­na più de­li­ca­ta dell’ul­ti­mo pe­rio­do. Ci­ro, co­me sem­pre, è pron­to a fa­re la sua par­te. Al­la Samp­do­ria ha già se­gna­to 7 gol, è una del­le sue vit­ti­me pre­fe­ri­te. Ne ha rea­liz­za­ti di più (8) sol­tan­to al Ge­noa e al Ve­ro­na. Pre­ce­den­ti in­co­rag­gian­ti an­che per ab­bat­te­re un al­tro mu­ro a li­vel­lo per­so­na­le. Con la re­te se­gna­ta do­me­ni­ca al Ben­te­go­di, Im­mo­bi­le è sa­li­to a quo­ta 77 re­ti in ma­glia bian­co­ce­le­ste, una so­la in me­no di Al­do Puc­ci­nel­li che – a 78 gol – oc­cu­pa il se­sto po­sto nel­la clas­si­fi­ca all ti­me dei mar­ca­to­ri la­zia­li. Po­si­zio­ne più che mai nel mi­ri­no di Ci­ro che sta sca­lan­do que­sta gra­dua­to­ria con una co­stan­za di­sar­man­te. Re­ti, le sue, se­ria­li e pe­san­ti. Nei qua­si due an­ni e mez­zo in bian­co­ce­le­ste le 61 mar­ca­tu­re di Im­mo­bi­le in cam­pio­na­to han­no frut­ta­to al­la La­zio ben 57 pun­ti (25 il pri­mo an­no, 22 il se­con­do, 10 que­st’an­no). Nu­me­ri che spie­ga­no me­glio di ogni al­tra co­sa per­ché, nel mo­men­to del bi­so­gno, al­la La­zio tut­ti si gi­ra­no cer­can­do Ci­ro.

LEA­DER L’at­tac­can­te è sta­to tra i più at­ti­vi a ri­por­ta­re il se­re­no du­ran­te il ri­ti­ro: «Nes­su­na cre­pa tra noi, rial­zia­mo­ci»

LAPRESSE

Ci­ro Im­mo­bi­le, 28 an­ni, è al­la sua ter­za sta­gio­ne nel­la La­zio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.