Nes­sun boa­to e due stri­scio­ni con­tro i «buu» e la squa­li­fi­ca

●Co­sì i ti­fo­si: «Pu­ni­zio­ni pri­ve di coe­ren­za» Ma­rot­ta: «Pro­ble­ma so­cia­le, non spor­ti­vo»

La Gazzetta dello Sport - - Coppa Italia Ottavi Di Finale - MI­LA­NO stop

Un’ora ora pri­ma di In­te­rBe­ne­ven­to due ra­gaz­zi, evi­den­te­men­te po­co in­for­ma­ti ma so­prat­tut­to as­sai po­co col­pi­ti dal de­ser­to as­so­lu­to in­tor­no al Meaz­za, si av­vi­ci­na­no a uno dei can­cel­li del­lo sta­dio e do­man­da­no: «Do­ve si ac­qui­sta­no i bi­gliet­ti?». No, non si ac­qui­sta­no. Por­te chiu­se san­zio­ne nu­me­ro uno: fat­ta. Il Meaz­za per una se­ra è so­lo nel­le ur­la dei gio­ca­to­ri in cam­po, in quel­le di Lu­cia­no Spal­let­ti e Cri­stian Buc­chi, è nel­lo stri­scio­ne al cen­tro del cam­po «Fra­tel­li del mon­do dal 1908», è in un gol a cui non se­gue il boa­to, è ne­gli ap­plau­si dei 400 ospi­ti dei due club pre­sen­ti. Quel­li del Be­ne­ven­to, ver­so la fi­ne del se­con­do tem­po, pro­va­no pu­re a spin­ge­re la lo­ro squa­dra in at­tac­co: «Stre­ga, stre­ga!».

STRI­SCIO­NI Sur­rea­le ep­pu­re tut­to ve­ro, per la pri­ma del­le due par­ti­te sen­za pub­bli­co a cui è sta­ta co­stret­ta l’In­ter do­po i co­ri raz­zi­sti nei con­fron­ti di Kou­li­ba­ly in oc­ca­sio­ne di In­ter-Na­po­li del­lo scor­so 26 di­cem­bre. La se­con­da - al net­to del pri­mo anel­lo aran­cio ri­ser­va­to ai bam­bi­ni - sa­rà con­tro il Sas­suo­lo, men­tre a que­sto pun­to la ga­ra sen­za i ti­fo­si del se­con­do anel­lo ver­de sa­rà quel­la con­tro la La­zio di Cop­pa Ita­lia. Ti­fo­si che fuo­ri dal­lo sta­dio, pri­ma del­la par­ti­ta, han­no

ap­pe­so un pa­io di stri­scio­ni che co­sì re­ci­ta­va­no: «Con­tro il raz­zi­smo, con­tro la vio­len­za, con­tro pu­ni­zio­ni pri­ve di coe­ren­za» e «La mag­gio­ran­za non ha ulu­la­to... ma un suo di­rit­to è sta­to cal­pe­sta­to». Sen­ti­men­to con­di­vi­so dal­la so­cie­tà ne­raz­zur­ra, che per mo­ti­vi po­li­ti­ci non ha pre­sen­ta­to ri­cor­so, ma an­co­ra una vol­ta per boc­ca dell’a.d. Sport Bep­pe Ma­rot­ta ha te­nu­to a pren­de­re le di­stan­za dal­la squa­li­fi­ca: «Le col­pe del raz­zi­smo ne­gli sta­di non so­no so­lo del­lo sport, ma è un pro­ble­ma del­la so­cie­tà ci­vi­le — ha det­to l’a.d. ne­raz­zur­ro —. Ci vuo­le la col­la­bo­ra­zio­ne del go­ver­no e dei va­ri en­ti per­ché si crei cul­tu­ra. L’Ita­lia non è un Pae­se raz­zi­sta, van­no de­pre­ca­ti que­sti fat­ti ma non è giu­sto squa­li­fi­ca­re uno sta­dio quan­do il 95% dei cit­ta­di­ni ha di­rit­to ad as­si­ste­re a uno spet­ta­co­lo im­por­tan­te». Co­me quei due ra­gaz­zi di cui so­pra.

Le squa­dre schie­ra­te con il Meaz­za de­ser­to GET­TY

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.