La Ro­ma cer­ca il 10 DiF­ra, una sfi­da to­ta­le «L’obiet­ti­vo è la Cop­pa»

●I gial­lo­ros­si han­no 9 tro­fei in ba­che­ca. Il tec­ni­co: «Ri­spet­to l’En­tel­la ma noi pun­tia­mo al mas­si­mo. Il mer­ca­to di­pen­de­rà da De Ros­si»

La Gazzetta dello Sport - - Coppa Italia Ottavi Di Finale - Mas­si­mo Cec­chi­ni RO­MA

Se vo­les­si­mo met­te­re un po’ di pe­pe ad un ot­ta­vo di fi­na­le di Cop­pa Ita­lia dall’esi­to ap­pa­ren­te­men­te scon­ta­to (ma oc­chio all’av­ver­bio), po­trem­mo ri­cor­da­re che l’En­tel­la ha co­me pri­ma ma­glia quel­la bian­co­ce­le­ste, in sti­le La­zio. Ba­ste­rà al­la Ro­ma per cer­ca­re di ana­bo­liz­za­re un ot­ta­vo di Cop­pa Ita­lia dall’in­te­res­se ab­ba­stan­za ane­mi­co evo­can­do il der­by? Chi lo vor­reb­be senz’al­tro è Eu­se­bio Di Fran­ce­sco, che spie­ga co­me que­sto tro­feo sia un chia­ro obiet­ti­vo sta­gio­na­le per il club gial­lo­ros­so. STOP FAL­LI­MEN­TI «Do­po la so­sta, stia­mo fa­cen­do al­le­na­men­ti di gran­de in­ten­si­tà – di­ce l’al­le­na­to­re a Ro­ma Tv – e cer­chia­mo di far ca­pi­re ai ra­gaz­zi che la Cop­pa Ita­lia è sem­pre un obiet­ti­vo mol­to im­por­tan­te. L’an­no scor­so l’ab­bia­mo fal­li­ta per tan­ti mo­ti­vi. In­ve­ce bi­so­gna am­bi­re a fa­re il me­glio in ogni com­pe­ti­zio­ne». Con tut­to il ri­spet­to pos­si­bi­le, nor­ma­le che l’En­tel­la non sia at­te­sa all’Olim­pi­co col pa­thos del Real Ma­drid. «Cer­to, gio­ca in Se­rie C, ma con le sue ca­rat­te­ri­sti­che sta­reb­be be­ne an­che in B – af­fer­ma Di Fran­ce­sco –. Bo­sca­glia è un al­le­na­to­re mol­to esper­to e so­no av­ver­sa­ri da pren­de­re con le mol­le. Bi­so­gna sta­re at­ten­ti e non bi­so­gna as­so­lu­ta­men­te sot­to­va­lu­tar­li». Inu­ti­le di­re che il «pe­ri­co­lo» più gran­de per la Ro­ma, sa­rà so­lo nel­la con­cen­tra­zio­ne. «Ma io ho ri­tro­va­to la squa­dra con gran­de vo­glia. Ho vi­sto de­gli ot­ti­mi al­le­na­men­ti, an­che se non ho avu­to an­co­ra tut­ti a di­spo­si­zio­ne. So­no con­ten­to dell’ap­proc­cio di que­sti gior­ni». Cer­to, non sa­ran­no con­vo­ca­ti Ma­no­las ed El Shaa­rawy. Flo­ren­zi, in­sie­me a qual­che al­tro gio­ca­to­re è da va­lu­ta­re, pe­rò ho tut­ti gli al­tri a di­spo­si­zio­ne, an­che se de­vo de­ci­de­re chi gio­che­rà tra Dze­ko e Schick». Ciò che con­ta, pe­rò, è ono­ra­re il pro­no­sti­co, an­che per­ché – no­no­stan­te il fred­do e la di­ret­ta tv – si at­ten­do­no ol­tre 15.000 spet­ta­to­ri-eroi. «I ti­fo­si so­no sem­pre im­por­tan­ti, per­ché so­no di gran­de aiu­to e so­ste­gno, ma dob­bia­mo es­se­re bra­vi noi a tra­sci­nar­li con le no­stre pre­sta­zio­ni e il no­stro mo­do di fa­re».

CON­TI­NUI­TÀ Pro­prio per que­sto, è qua­si inu­ti­le chie­de­re all’al­le­na­to­re del­la Ro­ma che co­sa ab­bia chie­sto a Bab­bo Na­ta­le per la Ro­ma. «Mi aspet­to con­ti­nui­tà di ren­di­men­to, di pre­sta­zio­ne e di ri­sul­ta­ti, che ci so­no un po’ man­ca­ti nel­la pri­ma par­te del­la sta­gio­ne». È man­ca­to an­che tan­to buon sen­so in una fran­gia di ti­fo­si che con­ti­nua ad ac­ca­rez­za­re il pe­lo del raz­zi­smo. Un mo­nu­men­to del­la ca­te­go­ria co­me Car­lo An­ce­lot­ti si è schie­ra­to per lo stop del­le par­ti­te in ca­so di co­ri of­fen­si­vi, ma an­che Di Fran­ce­sco è sul­la sua stes­sa lun­ghez­za d’on­da. «Se so­no fe­li­ci di fer­ma­re le par­ti­te, le fer­me­re­mo – di­ce al­la Rai –. Io di­co di fa­re qual­co­sa di dra­sti­co, di du­ro per cam­bia­re que­sto mo­do di fa­re. A vol­te si di­ce che se ne par­la trop­po e si dà troppa im­por­tan­za. Al­lo­ra non ne par­lia­mo più noi, ma ri­ma­ne il pro­ble­ma. Le co­se van­no af­fron­ta­te ed è giu­sto fa­re qual­co­sa di im­por­tan­te e di for­te. Io so­no con An­ce­lot­ti: stop­pa­re le par­ti­te. Lo Sta­to e la Fe­de­ra­zio­ne de­vo­no fa­re qual­co­sa di for­te».

AN­SIA DDR E qual­co­sa di for­te, pro­ba­bil­men­te, l’al­le­na­to­re lo vor­reb­be an­che nel mer­ca­to di gen­na­io, an­che se fa ca­pi­re che le esi­gen­ze (un cen­tro­cam­pi­sta) ruo­ta­no tut­te in­tor­no al rien­tro di De Ros­si. «Ri­ten­go sia giu­sto fa­re un mer­ca­to nel qua­le non si ope­ra tan­to per fa­re, ma per­ché ne­ces­si­tia­mo di far­le. Per­ciò dob­bia­mo va­lu­ta­re le con­di­zio­ni di De Ros­si, che stia­mo cer­can­do di ri­met­te­re in cam­po, e ve­de­re se rie­sce a su­pe­ra­re que­sto pro­ble­ma al gi­noc­chio». Una fet­ta di sta­gio­ne si gio­ca an­che lì. E il mes­sag­gio per Mon­chi pa­re for­te e chia­ro.

STO CON CAR­LO: IN CA­SO DI CO­RI RAZ­ZI­STI È GIU­STO FER­MAR­SI

DI FRAN­CE­SCO SU AN­CE­LOT­TI AL­LE­NA­TO­RE NA­PO­LI

9

LA CI­FRA

Le coppe Ita­lia del­la Ro­ma. La Ju­ve ne ha di più (13). Poi In­ter (7), Fio­ren­ti­na, La­zio (6) e al­tri 11 club

Eu­se­bio Di Fran­ce­sco, 49 an­ni, al­le­na la Ro­ma dal 2017-18. Nel­la scor­sa sta­gio­ne ha por­ta­to la squa­dra al­la se­mi­fi­na­le di Cham­pions. E’ sta­to gio­ca­to­re del­la Ro­ma dal 1997 al 2001 e team ma­na­ger nel 2005-06 ANSA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.