«Io mi so­no pen­ti­to di quel ge­sto fat­to nel ‘72»

La Gazzetta dello Sport - - L’altra Copertina -

3Char­lie Yel­ver­ton, un mi­to della pal­la­ca­ne­stro ita­lia­na de­gli an­ni Set­tan­ta, va con­tro­cor­ren­te. Quan­do gio­ca­va con Por­tland, nel 1972 è sta­to il pri­mo gio­ca­to­re Nba a pro­te­sta­re con­tro le in­giu­sti­zie so­cia­li non al­zan­do­si all’in­no sta­tu­ni­ten­se e per­ciò è sta­to espul­so dal­la Le­ga ap­pro­dan­do poi in Ita­lia do­ve, con Va­re­se, avreb­be vin­to uno scu­det­to e una cop­pa Cam­pio­ni. Co­sa pen­sa ora della scel­ta di mol­ti gio­ca­to­ri Nba e di al­tri sport Usa di fer­mar­si per i fat­ti di Ke­no­sha?

«I set­te col­pi di pi­sto­la al­la schiena del po­ve­ro Bla­ke hanno ri­sve­glia­to al­cu­ne co­scien­ze, ma dif­fi­do di tut­ti co­lo­ro che, schie­ran­do­si col Black Li­ves Mat­ter, pre­di­ca­no i di­rit­ti ugua­li per tut­ti. C’è mol­ta spe­cu­la­zio­ne e chi par­la be­ne poi non fa nul­la per ri­sol­ve­re con­flit­ti e vio­len­ze co­me mol­ti sin­da­ci ne­ri che non en­tra­no nei ghet­ti del­le lo­ro cit­tà per evi­ta­re pro­ble­mi la­scian­do le co­se co­me stan­no. Ba­rack Oba­ma, per esem­pio, non è mai sta­to nei ghet­ti di Chi­ca­go. Io la ve­do co­me un’enor­me cam­pa­gna di odio con­tro il pre­si­den­te de­gli Sta­ti Uni­ti».

3In

pas­sa­to ha cri­ti­ca­to il “knee­ling” (in­gi­noc­chia­men­to) di mol­te stel­le Nfl e Nba. Non tutte le pro­te­ste so­cia­li hanno un sen­so?

«È co­sì. Quan­do so­no ca­du­te le Tor­ri Ge­mel­le, con tan­ti po­li­ziot­ti e vi­gi­li del fuo­co ca­du­ti, non ho vi­sto ini­zia­ti­ve o pro­te­ste. Lì mi so­no pen­ti­to di quel mio ge­sto fat­to nel 1972».

3LeB­ron

Ja­mes, lea­der in cam­po e vo­ce dei gio­ca­to­ri, oggi sta di­ven­tan­do più for­te di Do­nald Trump? «Cer­ta­men­te è più po­po­la­re, ma do­vreb­be pen­sa­re a gio­ca­re sen­za pian­ge­re o par­la­re trop­po. Si è fat­to stru­men­ta­liz­za­re? For­se gli in­te­res­sa es­se­re den­tro al Black Li­ves Mat­ter per tan­ti mo­ti­vi. Or­mai è una mo­da farne par­te».

An­drea To­si

Al sax Char­lie Yel­ver­ton, oggi 71 an­ni, sas­so­fo­ni­sta per hobby EX GIO­CA­TO­RE NBA, UNO SCU­DET­TO E UNA COP­PA CAM­PIO­NI CON VA­RE­SE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.