La Gazzetta dello Sport

Che c’è dinuovo?

L’INTER DI CALHA IL MILAN A DUE PUNTE E LA JUVENTUS 2.0 ECCO COME SI CAMBIA

- Di

Tra assenze e mercato, le amichevoli hanno comunque dato indicazion­i per la nuova A Ne abbiamo scelte 10, occhio a Sarri e Gasp

Con un mercato ancora da completare - se mai succederà - e le rose rimaneggia­te dal rientro scaglionat­o dei nazionali dopo Europeo e Coppa America, le amichevoli estive hanno perso quello status da laboratori­o sperimenta­le per cercare di assimilare le idee per la nuova stagione e anche per creare un gruppo omogeneo, forse ancora più di quando, pre-pandemia, le squadre giravano il mondo in tour a caccia di ingaggi (e di tanta stanchezza) ma almeno con formazioni più o meno credibili.

Ora in molti casi le amichevoli si sono trasformat­e in vetrine per giocatori, in senso quasi letterale - questi abbiamo, li cederemmo volentieri, vedete come sono - o come finestre per giovani di belle speranze che (purtroppo) difficilme­nte si vedranno poi negli appuntamen­ti ufficiali. Per questo non si è visto molto, come impronta tecnico-tattica, sui campi dell’estate. Il campionato però incombe, e i punti di agosto - quando si giocano le prime due giornate - valgono esattament­e quanto quelli degli altri mesi. Dunque un certo senso alle proprie formazioni gli allenatori hanno dovuto darlo: in alcuni casi inventando­si soluzioni estemporan­ee più o meno credibili, in altri puntando sulle caratteris­tiche più conosciute. E proprio chi è potuto ripartire da una base solida ha presentato finora la forma più definita: pensiamo all’Atalanta che ha cambiato solo il portiere e il centrale difensivo, ma che ha mantenuto intatti i propri principi di gioco solo meno intensi per l’inevitabil­e ritardo di condizione, ma pensiamo anche al Milan che quando attacca ha sempre movimenti ben coordinati e rapidi. Altrove, dalle panchine che hanno cambiato padrone, non sono arrivate chiare indicazion­i definite. Perché il mercato cambierà tanto - l’Inter, per certi versi il Napoli - e perché in alcuni casi il risultato è sovrano e se quello non conta è difficile trovare indicazion­i credibili. Anche se Lazio e Fiorentina promettono bene.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy