La Gazzetta dello Sport

«Una reazione da Champions Ce la giochiamo punto a punto»

Sarri sereno: «Vedo segnali incoraggia­nti, ma ci sono momenti di blackout inspiegabi­li»

- di Nicola Berardino

Ci voleva un gol del Sergente per tirar fuori la Lazio dall’incubo della sconfitta. Con il 2-2 al Lecce Sergej Milinkovic ha firmato la sua sesta rete in campionato, portandosi a 55 in A con la Lazio (superato Klose) e toccando quota 100 per numero di gol a cui dal 2015 ha partecipat­o (45 assist). «Un gol segnato con la rabbia. Eravamo sotto, ma abbiamo creato occasioni - ha detto il centrocamp­ista serbo -. Volevamo assolutame­nte il pari. Mi sarebbe piaciuto di più segnare il gol del 3-2. Ci teniamo questo punto ma non si molla. Dopo questa gara dobbiamo rimanere con la testa alta e lottare nelle ultime partite per vincerle. Abbiamo preso due gol da stupidi: il secondo da un errore nostro, come altre volte». Milinkovic e le critiche subite negli ultimi tempi. «Ero un po’ giù, è normale. Non ho dato quello che la gente si aspetta da me. Il messaggio della Nord (uno striscione di incoraggia­mento prima della gara, ndr) non me l’aspettavo, mi darà una mano in più: è una cosa enorme che ricorderò per tutta la vita. Posso dire solo grazie». Immobile e gli affanni della Lazio: «Nelle ultime gare siamo stati ansiosi e poco lucidi. Prendo questo punto in ottica positiva, anche perché troppa negatività non fa mai bene». Duro Luca Pellegrini: «I gol presi non sono da squadra che vuol entrare in Champions…».

Tecnici Maurizio Sarri va sul concreto. «Ci teniamo il pareggio preso al 93’, questo punto in più potrebbe fare la differenza a fine stagione – ha dichiarato l’allenatore della Lazio -. Rispetto all’ultimo periodo siamo riusciti a reagire una volta andati sotto, ma siamo stati ingenui sui loro gol. Stiamo ritrovando Immobile e Milinkovic. A livello di gestione pecchiamo ancora, non riusciamo a tenere il controllo della gara quando siamo in vantaggio. La reazione è stata da Champions, ce la giochiamo punto a punto. Vedo segnali incoraggia­nti, ma ci sono momenti di blackout inspiegabi­li». Marco Baroni applaude il suo Lecce. «Posso fare i compliment­i ai ragazzi – le parole del tecnico gialloross­o -. Abbiamo giocato senza pressione e con determinaz­ione. Peccato per la vittoria sfuggita, ma la prestazion­e è stata convincent­e».

 ?? LAPRESSE ?? La guida Maurizio Sarri, 64 anni, seconda stagione alla Lazio
LAPRESSE La guida Maurizio Sarri, 64 anni, seconda stagione alla Lazio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy