La so­cie­tà ibri­da

Corriere della Sera - La Lettura - - Tempo Di Libri - Di VIVIANA MAZ­ZA

Mo­h­sin Ha­mid: in Eu­ro­pa c’è un «si­ste­ma se­gre­ga­to» che non è per nul­la mul­ti­cul­tu­ra­le: po­ne i bian­chi e i cri­stia­ni più in al­to. Oc­cor­re in­ve­ce fis­sa­re re­go­le ri­spet­to­se del­la li­ber­tà di vi­ve­re in mo­di di­ver­si

«Il mul­ti­cul­tu­ra­li­smo ha fal­li­to», dis­se nel 2011 Da­vid Ca­me­ron, al­lo­ra pre­mier bri­tan­ni­co, av­ver­ten­do che, an­zi­ché pro­dur­re in­te­gra­zio­ne, sta­va ali­men­tan­do l’estre­mi­smo, spe­cie il ter­ro­ri­smo isla­mi­co. «Il mul­ti­cul­tu­ra­li­smo con­du­ce a so­cie­tà pa­ral­le­le e, dun­que, ri­ma­ne una men­zo­gna», ha ri­pe­tu­to di re­cen­te la can­cel­lie­ra te­de­sca An­ge­la Mer­kel, che pu­re ave­va aper­to le por­te ai ri­fu­gia­ti si­ria­ni. Og­gi mul­ti­cul­tu­ra­li­smo non è una pa­ro­la po­po­la­re. Ma pur ri­co­no­scen­do­ne fal­li­men­ti e li­mi­ti, due in­tel­let­tua­li in vi­si­ta in Ita­lia am­mo­ni­sco­no sui ri­schi di in­tra­pren­de­re la stra­da di una po­li­ti­ca di esclu­sio­ne iden­ti­ta­ria e xe­no­fo­ba. Il primo è lo scrit­to­re pa­chi­sta­no Mo­h­sin Ha­mid: sa­rà a Mi­la­no il 20 apri­le per Tem­po di Li­bri con il suo nuo­vo ro­man­zo Exit We­st (Ei­nau­di), che rac­con­ta le vi­cen­de di una cop­pia in fu­ga da una guer­ra ci­vi­le in un mon­do di mi­gra­zio­ni di mas­sa e di «por­ta­li» che con­sen­to­no di te­le­tra­spor­tar­si da luo­ghi co­me Aleppo fi­no a Lon­dra. Il se­con­do è il fi­lo­so­fo in­gle­se e do­cen­te del­la New York Uni­ver­si­ty Kwa­me An­tho­ny Ap­piah, fi­glio di un leader po­li­ti­co gha­ne­se, fa­mo­so per il sag­gio Co­smo­po­li­ti­smo (La­ter­za): è sta­to ap­pe­na ospi­te del cam­pus fio­ren­ti­no del­la New York Uni­ver­si­ty, do­ve ha par­la­to di Mi­sta­ken Iden­ti­ties («Iden­ti­tà fal­la­ci»), ti­to­lo di una sua se­rie ra­dio­fo­ni­ca per la Bbc e di un pros­si­mo li­bro. Al ter­mi­ne mul­ti­cul­tu­ra­li­smo, «sfug­gen­te e am­bi­guo» e che «spes­so in­di­ca la ma­lat­tia che pre­ten­de di cu­ra­re», Ap­piah pre­fe­ri­sce co­smo­po­li­ti­smo, l’idea che sia­mo cit­ta­di­ni del mon­do, «con dif­fe­ren­ze cul­tu­ra­li tem­pe­ra­te dall’ap­prez­za­men­to at­ti­vo del­la no­stra uma­ni­tà con­di­vi­sa». lun­ga sto­ria an­ti­cle­ri­ca­le, ma c’è an­che il sen­so di es­se­re cul­tu­ral­men­te cri­stia­ni, che pe­rò non è uf­fi­cial­men­te ri­co­no­sciu­to e dun­que non si af­fron­ta il pro­ble­ma che i musulmani non ven­go­no in­te­gra­ti al­lo stes­so mo­do. In Gran Bre­ta­gna la si­tua­zio­ne è di­ver­sa: la dif­fi­col­tà di in­te­gra­zio­ne è le­ga­ta al fat­to che mol­ti immigrati pro­ve­ni­va­no da zo­ne dell’Asia me­ri­dio­na­le, non ur­ba­ne, ma ru­ra­li e cul­tu­ral­men­te re­mo­te. So­no ar­ri­va­ti in cit­tà co­me Leeds e nes­su­no ha pen­sa­to a co­me as­si­cu­rar­si che com­pren­des­se­ro il si­ste­ma po­li­ti­co e la cul­tu­ra pub­bli­ca. Gli in­gle­si han­no il di­rit­to di di­re: se ven­go­no da noi, de­vo­no es­se­re par­te di un “noi”. Leeds non è l’Asia me­ri­dio­na­le. In­te­gra­zio­ne si­gni­fi­ca ac­cet­ta­re una cul­tu­ra pub­bli­ca. La sfi­da è tro­va­re for­me di in­te­gra­zio­ne più at­ti­va che sia­no ri­spet­to­se del co­smo­po­li­ti­smo e del­la li­ber­tà di vi­ve­re in mo­di di­ver­si. Io pen­so che gli Sta­ti Uni­ti ab­bia­no un ap­proc­cio in teo­ria mi­glio­re: in pas­sa­to, in pe­rio­di di for­te im­mi­gra­zio­ne, si crea­va­no pro­gram­mi di so­cia­liz­za­zio­ne per pre­sen­ta­re al­la gen­te i va­lo­ri di quel Pae­se, il che era re­so più fa­ci­le dal ri­pu­dio dell’idea che per es­se­re ame­ri­ca­no tu do­ves­si ade­ri­re a una de­ter­mi­na­ta re­li­gio­ne. Quel che è nuo­vo ne­gli Sta­ti Uni­ti è l’an­ti-co­smo­po­li­ti­smo le­ga­to all’emer­ge­re di un na­zio­na­li­smo con con­no­ta­zio­ni raz­zia­li, cre­sciu­to nel­le co­mu­ni­tà di bian­chi de­lu­si, spes­so di­soc­cu­pa­ti o sot­toc­cu­pa­ti, ri­ma­sti emar­gi­na­ti nel­la nuo­va eco­no­mia. Men­tre la sfi­da aper­ta è di ri­ve­de­re le eco­no­mie na­zio­na­li per crea­re oc­cu­pa­zio­ne nell’era dei ro­bot, c’è la ten­ta­zio­ne di sce­glie­re una po­li­ti­ca iden­ti­ta­ria xe­no­fo­ba: è ciò che la gen­te fa quan­do ha pau­ra».

«C’è un ri­schio an­che nel concetto di co­smo­po­li­ti­smo — di­ce Ha­mid — ed è il so­spet­to che chi sta più in al­to nel­la ge­rar­chia so­cia­le im­pon­ga i propri va­lo­ri co­smo­po­li­ti sugli al­tri. Io im­ma­gi­no cul­tu­re e so­cie­tà mi­ste, in cui non si deb­ba adottare la vi­sio­ne dei più co­smo­po­li­ti, ma in­te­ra­gi­re, pen­so a un pro­ces­so di ibri­da­zio­ne. Non si­gni­fi­ca che tut­ti cam­bia­no al­lo stes­so mo­do, ma tut­ti cam­bia­no. Nel ro­man­zo rac­con­to un’era di mi­gra­zio­ni apo­ca­lit­ti­che, ma non è la fi­ne: il futuro è un’iden­ti­tà ibri­da. È im­por­tan­te re­spin­ge­re l’idea che sia una co­sa nuo­va: è così che fun­zio­na la na­tu­ra, è la no­stra sto­ria co­me es­se­ri uma­ni».

«Ste­ve Ban­non, il con­si­glie­re di Do­nald Trump, pen­sa che per es­se­re un buon ame­ri­ca­no si deb­ba far par­te di una pre­ci­sa for­ma di ci­vil­tà e cul­tu­ra oc­ci­den­ta­le — ag­giun­ge Ap­piah —. Non di­ce espli­ci­ta­men­te che si deb­ba es­se­re bian­chi, ma mol­ti di co­lo­ro che con­di­vi­do­no le sue idee lo so­no. Ed è una teo­ria as­sur­da, per­ché mol­ti dei se­gua­ci di Ban­non non san­no nul­la del­le tra­di­zio­ni dell’Oc­ci­den- te, non co­no­sco­no Pla­to­ne né Ari­sto­te­le. Io so­no un am­mi­ra­to­re di tan­ti aspet­ti di que­sta tra­di­zio­ne, ma cre­do che le per­so­ne ne di­ven­ti­no par­te­ci­pi at­tra­ver­so lo stu­dio e non per ere­di­tà ge­ne­ti­ca».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.