Eli­sir DI LUN­GA VI­TA

Latitudes - - CILENTO - Te­sto e fo­to di Vittorio Stio­sin

Non so­lo ma­re. A sud di Salerno il Ci­len­to è una ter­ra an­ti­chis­si­ma, n si­ti ar­cheo­lo­gi­ci co­no­sciu­ti, te­so­ri na­tu­ra­li­sti­ci pro­tet­ti e un pa­tri­mo­nio ga­stro­no­mi­co in­vi­dia­to nel mon­do. Qui si vi­ve be­ne e si vi­ve a lun­go. Pa­ro­la dell'UNE­SCO.

Cam­pa­nia, Ci­len­to. Pri­ma di tut­to sgom­be­ria­mo il cam­po dagli equi­vo­ci in cui spes­so si in­cor­re per col­pa del­la as­so­nan­za. Il Ci­len­to, in Cam­pa­nia, di cui par­lia­mo qui, è co­sa di­ver­sa dal Sa­len­to, al­tra bel­lis­si­ma ter­ra che in­ve­ce si tro­va in Pu­glia. Tor­nan­do in Cam­pa­nia, in­ve­ce, a sud di Salerno, en­tria­mo nel Cis Alen­tum “al di qua dell’Alen­to” da cui Ci­len­to. Il fiu­me Alen­to non se­gna più il con­fi­ne geo­gra­fi­co del ter­ri­to­rio, ma il no­me è ri­ma­sto. Per de­scri­ve­re il Ci­len­to po­trem­mo co­min­cia­re a par­la­re di sto­ria, a par­ti­re dal­le Si­re­ne che ave­va­no di­mo­ra pro­prio sull’iso­let­ta da­van­ti a Pun­ta Li­co­sa e per cui Ulis­se, per non sen­ti­re il lo­ro can­to am­ma­lia­to­re, si fe­ce legare all’al­be­ro del­la pro­pria na­ve. Oppure po­trem­mo scri­ve­re di cul­tu­ra, con i si­ti ar­cheo­lo­gi­ci di Pae­stum e Ve­lia che ha fat­to si che l’UNE­SCO, nel 1998, iscri­ves­se l’in­te­ro ter­ri­to­rio ci­len­ta­no tra i si­ti Pa­tri­mo­nio dell’Uma­ni­tà. Ma que­ste so­no co­se co­no­sciu­te. In­ve­ce quel­lo che è po­co co­no­sciu­to ri­guar­do al Ci­len­to è la con­nes­sio­ne con un me­di­co, bio­lo­go e fi­sio­lo­go ame­ri­ca­no, An­cel Be­n­ja­min Keys che ha le­ga­to il suo no­me al­la for­mu­la­zio­ne del­le fa­mo­se Ra­zio­ni K du­ran­te la se­con­da guer­ra mon­dia­le, la ba­se per l’ali­men­ta­zio­ne di sus­si­sten­za dell’eser­ci­to ame­ri­ca­no.

E co­sa c’en­tra col Ci­len­to il si­gnor Keys? C’en­tra, c’en­tra. Ne­gli an­ni 60 scel­se Piop­pi, pic­co­la lo­ca­li­tà co­stie­ra tra Ac­cia­ro­li e Ca­sal Ve­li­no, co­me sua re­si­den­za e ci ri­ma­se per 40 an­ni. Du­ran­te quel pe­rio­do stu­diò ac­cu­ra­ta­men­te l’ali­men­ta­zio­ne del­la po­po­la­zio­ne lo­ca­le, col­pi­to dal­la lon­ge­vi­tà e dall’ot­ti­ma sa­lu­te di quel­la gen­te a cui si era me­sco­la­to. Giun­se al­la con­clu­sio­ne che la die­ta lo­ca­le era la chia­ve. Na­sce­va co­sì la “die­ta me­di­ter­ra­nea” co­me mo­del­lo dell’ali­men­ta­zio­ne per­fet­ta. L’olio, la pa­sta, la frut­ta, il pe­sce, la ba­se dell’ali­men­ta­zio­ne “po­ve­ra” ci­len­ta­na era­no i mat­to­ni del­la vi­ta sa­na del­la gen­te del po­sto.

Il Ci­len­to quin­di, po­chi lo san­no, è la cul­la del­la Die­ta Me­di­ter­ra­nea, poi al­lar­ga­ta­si un po’ a tut­to il Sud Ita­lia. La con­sa­cra­zio­ne de­fi­ni­ti­va è ar­ri­va­ta nel 2010 quan­do que­sto ter­ri­to­rio è sta­to in­se­ri­to tra i luo­ghi del­la Die­ta Me­di­ter­ra­nea e iscrit­to nel pa­tri­mo­nio cul­tu­ra­le im­ma­te­ria­le dell’uma­ni­tà. La moz­za­rel­la di bu­fa­la è so­lo una del­le spe­cia­li­tà, for­se la più co­no­sciu­ta che si produce sul po­sto. Ma i fi­chi, fre­schi e sec­chi, le no­ci, il vi­no, l’olio so­no l’oro ci­len­ta­no. Poi ci so­no chi­lo­me­tri e chi­lo­me­tri di spiag­ge lam­bi­te da un ma­re in­con­ta­mi­na­to, più vol­te in­si­gni­to del­la Ban­die­ra Blu.

Da­van­ti a Pae­stum, la cit­ta­di­na che ospi­ta i fa­mo­si tem­pli in per­fet­to sta­to di con­ser­va­zio­ne, si sno­da­no spiag­ge sof­fi­ci di sab­bia do­ra­ta al­le cui spal­le una fit­ta pi­ne­ta of­fre pro­te­zio­ne dal so­le esti­vo e si pre­sta co­me per­cor­so da jog­ging o pro­fu­ma­tis­si­ma area per pic­nic. Ma il Ci­len­to è mol­to al­tro an­co­ra. An­da­te a sco­pri­re, è pro­prio il ca­so di dir­lo, un’area na­tu­ra­li­sti­ca di una bel­lez­za im­pres­sio­nan­te, nei pres­si del pae­si­no di Mo­ri­ge­ra­ti, le go­le del Bus­sen­to, oa­si WWF. Il Bus­sen­to è un fiu­me ner­vo­so, blu in­ten­so, che per un trat­to di 5 km cor­re sot­to­ter­ra per poi riap­pa­ri­re pro­prio nei pres­si di Mo­ri­ge­ra­ti, for­man­do ca­nyon e

ca­sca­ti­ne in mez­zo ad una na­tu­ra esplo­si­va tan­to che sem­bra di es­se­re da qual­che par­te in Ca­na­da. Oppure vale la pe­na di fa­re una de­via­zio­ne per Ca­sa­let­to Spar­ta­no do­ve an­che qui, un al­tro fiu­mi­ciat­to­lo, il Bus­sen­ti­no, un af­fluen­te del Bus­sen­to di cui ab­bia­mo ap­pe­na det­to, for­ma le fa­mo­se ca­sca­te dei Ca­pel­li di Ve­ne­re. Al di là del ro­man­ti­co ri­chia­mo ai ca­pel­li del­la di­vi­ni­tà, in real­tà il no­me si de­ve al­la pre­sen­za del­la Ca­pel­ve­ne­re, una fel­ce ri­go­glio­sa che ha co­lo­niz­za­to l’area. Fin qui ab­bia­mo par­la­to di me­ra­vi­glie del­la na­tu­ra, del ma­re e dei fiu­mi. Le me­ra­vi­glie del Ci­len­to non so­no so­lo spar­pa­glia­te al­la lu­ce del so­le.

Nel co­mu­ne di Ca­stel­ci­vi­ta un com­ples­so di grot­te car­si­che si esten­de per 4800 me­tri all’in­ter­no del sot­to­suo­lo. Ad og­gi so­lo 1700 me­tri so­no co­mo­da­men­te vi­si­ta­bi­li, ma ba­sta­no e avan­za­no per ca­pi­re quan­to la na­tu­ra pos­sa es­se­re ar­ti­sta su­bli­me, se la­scia­ta in pa­ce a la­vo­ra­re. In que­sto ca­so la ma­no ar­te­fi­ce di tanta e ta­le bel­lez­za è l’ac­qua che ha crea­to, nel tem­po, sa­le ri­ca­ma­te da sta­lat­ti­ti e sta­lag­mi­ti dagli in­cre­di­bi­li co­lo­ri e for­me. Le grot­te di Ca­stel­ci­vi­ta, este­se co­me so­no nel­le vi­sce­re dei Mon­ti Al­bur­ni, so­no uno dei più va­sti com­ples­si spe­leo­lo­gi­ci dell’Ita­lia me­ri­dio­na­le. Ma c’è un ca­po­la­vo­ro dell’uo­mo che da so­lo vale il viag­gio in

Ci­len­to. Ai con­fi­ni orien­ta­li del Par­co Na­zio­na­le sor­ge la Cer­to­sa di San Lo­ren­zo o più co­mu­ne­men­te no­ta co­me Cer­to­sa di Pa­du­la. Pa­tri­mo­nio dell’Uma­ni­tà Une­sco dal 1998, la Cer­to­sa, con i suoi 51.000 me­tri qua­dra­ti, è la più gran­de d’Ita­lia e, in Eu­ro­pa, se­con­da so­lo al­la Gran­de Char­treu­se, la ca­sa ma­dre dell’or­di­ne dei Cer­to­si­ni che si tro­va nel­le Al­pi fran­ce­si 30 km a nord di Gre­no­ble. Il chio­stro gran­de, pe­rò, è il più este­so di tut­ti. Trop­po po­co spa­zio per de­scri­ver­la qui. E’ un’ope­ra che la­scia im­pie­tri­ti per le di­men­sio­ni e la ric­chez­za de­gli in­ter­ni, in par­ti­co­la­re la Chiesa, un trion­fo del ba­roc­co. In­som­ma, il Ci­len­to vale la pe­na di es­se­re sco­per­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.