Rosa chia­ma Boc­cia, il let­tia­no “doc” esper­to di emer­gen­ze

Libero - - Primo Piano - PEP­PE RI­NAL­DI

Stu­dia le car­te del bi­lan­cio da gior­ni e rap­pre­sen­ta l’uni­ca no­ti­zia buo­na che il sin­da­co ab­bia ri­ce­vu­to ne­gli ul­ti­mi tem­pi: Francesco Boc­cia en­tre­rà a far par­te del­la giun­ta. Pren­de­rà il po­sto del di­mis­sio­na­rio En­ri­co Car­dil­lo, ora ai do­mi­ci­lia­ri. Per le al­tre ca­sel­le vuo­te c’è da at­ten­de­re che pas­si il Na­ta­le. Sem­pre che non pre­ci­pi­ti tut­to pri­ma.

Il de­pu­ta­to Pd, “ap­pe­na” 40 an­ni, pu­glie­se, è ad un pas­so dal­la for­ma­liz­za­zio­ne. È sta­to lui stes­so a ri­pe­ter­lo: «Na­po­li è la ca­pi­ta­le del Mez­zo­gior­no, è una cit­tà che amo ed è per que­sto che de­di­che­rò le va­can­ze na­ta­li­zie al­lo stu­dio del­le car­te». C’è pe­rò un “pic­co­lo” sco­glio, at­ti­nen­te al­le li­tur­gie del Pd. Di­ce Boc­cia che «la va­lu­ta­zio­ne spet­ta ai di­ri­gen­ti del par­ti­to, a par­ti­re da Vel­tro­ni». Sa­ra poi il sin­da­co ad ac­ce­le­ra­re, so­ste­nen­do che l’im­pri­ma­tur del par­ti­to non tar­de­rà. Boc­cia, cur­ri­cu­lum boc­co­nia­no, vol­to spen­di­bi­le an­che per l’età lar­ga­men­te al di sot­to del­la me­dia del ce­to po­li­ti­co, non è la pri­ma vol­ta che ot­tie­ne un in­ca­ri­co ad hoc su Na­po­li. Pro­di lo mi­se a ca­po del Ta­vo­lo per Na­po­li nei gior­ni del pic­co massimo del­la cri­si dei ri­fiu­ti.

Co­sa sia sta­to rea­liz­za­to non è da­to sa­per­lo, an­che per­ché a di­stan­za di qual­che me­se al­tri giu­di­ci fe­ce­ro sal­ta­re in aria il go­ver­no del prof. Le sue com­pe­ten­ze tec­ni­che han­no spes­so rap­pre­sen­ta­to una spe­cie di te­ra­pia d’ur­gen­za per ca­si gra­vi. È sta­to as­ses­so­re all’Eco­no­mia a Ba­ri dal 2004 al 2006; nel 2005 si can­di­da al­le pri­ma­rie dell’Unio­ne per la pre­si­den­za del­la Pu­glia ma vie­ne scon­fit­to di mi­su­ra da Ven­do­la. Da lu­glio 2006 ad apri­le 2008 è sta­to Ca­po Di­par­ti­men­to per lo svi­lup­po del­le Eco­no­mie ter­ri­to­ria­li a Pa­laz­zo Chi­gi e sem­pre dal 2006 al 2008 ha pre­sie­du­to l’Or­ga­no straor­di­na­rio di li­qui­da­zio­ne del dis­se­sto a Ta­ran­to. Le­ga­to ad En­ri­co Let­ta ed al­la sua cor­ren­te, og­gi fa il par­la­men­ta­re. Per un sì in via di pro­nun­cia­men­to c’è un no che gra­vi­ta nell’aria e ren­de pe­san­te il ri­lan­cio. È quel­lo dell’ex mi­ni­stro Ti­zia­no Treu, cor­teg­gia­to da gior­ni («Fos­se Dio che ac­cet­tas­se» ha ri­fe­ri­to Ier­vo­li­no in spe­ran­zo­so slang par­te­no­peo), an­che se in un’in­ter­vi­sta ha det­to di non es­ser sta­to chia­ma­to da nes­su­no. «Non è il mio me­stie­re fa­re l’as­ses­so­re, da­rò una ma­no dal Se­na­to» con­clu­de Treu. Per il re­sto il to­to as­ses­so­ri con­ti­nua a te­ner ban­co. Pos­si­bi­le una ri­du­zio­ne dei po­sti che po­treb­be­ro pas­sa­re da 16 a 12: ma que­sta è ma­te­ria di trat­ta­ti­va con la mag­gio­ran­za e mol­to di­pen­de­rà dal­le ri­spo­ste che Ier­vo­li­no ot­ter­rà.

È sem­pre bol­len­te, poi, la “pa­ta­ta Di Pie­tro”. L’uo­mo for­te­men­te vo­lu­to dall’ex pm in giun­ta so­lo 6 me­si fa, l’as­ses­so­re Im­per­li­no, ie­ri si è di­mes­so, an­ti­ci­pan­do quel che sa­reb­be suc­ces­so tra po­co più di una set­ti­ma­na: in­fat­ti Di Pie­tro ha an­nun­cia­to che i suoi sa­ran­no fuo­ri dal­le giun­te cam­pa­ne en­tro la fi­ne dell’an­no. Un dif­fe­ri­men­to ri­spet­to a quel che ave­va an­nun­cia­to il 17 di­cem­bre, in esor­dio di ter­re­mo­to giu­di­zia­rio: «Lu­ne­dì (l’al­tro ie­ri, ndr) sa­re­mo fuo­ri» dis­se. Ora pren­de al­tro tem­po. Le han­no già ri­bat­tez­za­te «di­mis­sio­ni po­st da­ta­te».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.