«Se ilC­hie­vo bat­te ilVe­ro­na sa­rà dop­pia li­bi­di­ne. Ca­pi­to?»

Il­mat­ta­to­re del ci­ne­ma An­ni 80 rac­con­ta il «suo» der­by: «So­no un cli­ven­se adot­ti­vo, mio fi­glio gio­ca nel­le gio­va­ni­li. Hel­las ame­tà sen­za To­ni, ma ven­de­rà ca­ra la pel­le»

Libero - - Sport - MATTEOSPAZ­IANTE

Se sei cre­sciu­to a Ve­ro­na edi­ven­ta­to fa­mo­so con il grup­po I gat­ti di Vi­co­lo Mi­ra­co­li (via del­la cit­ta­di­na ve­ne­ta), la cit­tà di Ro­meo e Giu­liet­ta non può che es­ser­ti ri­ma­sta den­tro. Co­sì è sta­to per Jer­ry Ca­là, che, do­po es­se­re sta­to pro­ta­go­ni­sta con i suoi tor­men­to­ni in tv e al ci­ne­ma da­gli An­ni 80 a og­gi, a 64 pri­ma­ve­re suo­na­te con­ti­nua a da­re spet­ta­co­lo nei tea­tri e nei club di tut­ta Ita­lia. Av­vi­ci­nan­do­si an­che al­la Ve­ro­na cal­ci­sti­ca, spon­da Chie­vo, do­po gli an­ni d’oro dell’Hel­las, coin­ci­si con gli an­ni d’oro del ca­ba­ret no­stra­no di cui Jer­ry era mat­ta­to­re. E co­sì sta­se­ra, per il 15˚ der­by del­la Sca­la (20.45), a ca­sa Ca­là si ti­fe­rà per i cli­ven­si. Jer­ry, co­me na­sce que­sta sua pas­sio­ne per il Chie­vo?

«Èdo­vu­ta amio fi­glio John­ny, ha 12 an­ni, quan­do era pic­co­li­no a Ve­ro­na c’era so­lo il Chie­vo in A, co­sì lui ha ini­zia­to a se­guir­lo. Poi ha co­min­cia­to an­che a gio­ca­re nel­le gio­va­ni­li e tut­to­ra ci gio­ca, fa il cen­tro­cam­pi­sta». In cit­tà è sen­ti­to il der­by? «Mah, non tan­to. Sai, aVe­ro­naè­di­ver­so, so­no­tal­men­te­po­chi i ti­fo­si del Chie­vo ri­spet­to all’Hel­las che non è co­sì sen­ti­to. Non è una si­tua­zio­ne co­me aMi­la­nooaRo­ma, c’è spro­por­zio­ne nel ti­fo ver­so l’Hel­las. In cit­tà non c’è que­sta gran­de an­sia, ma è so­lo per que­sto­mo­ti­vo, la ri­va­li­tà è re­la­ti­va».

Quin­di, vi­sto il rap­por­to di forza, vin­cer­lo sa­reb­be an­co­ra più una li­bi­di­ne?

«Una dop­pia li­bi­di­ne! Mi fa pia­ce­re se vin­ce ilC­hie­vo, ame fa pe­rò an­co­ra più pia­ce­re che la cit­tà in cui so­no cre­sciu­to ab­bia due squa­dre in A. Ho una men­ta­li­tà mol­to spor­ti­va, per cui di­cia­mo che go­do fi­no a un cer­to pun­to. Se fos­se per­me la spor­ti­vi­tà e il ti­fo sa­reb­be­ro un po’ di­ver­si». Cioè? «So­no con­tro gli estre­mi, con­tro un ago­ni­smo che non sia sa­no, che non sia fat­to di al­le­gria e sfot­tò. Quin­di vi­vo que­ste co­se con gran­de se­re­ni­tà, con gran­de al­le­gria e gran­de tran­quil­li­tà. Evor­rei che tut­te le ti­fo­se­rie lo vi­ves­se­ro co­sì».

Il Chie­vo non è bel­lo, cioè non ha il gio­co del Ba­rça, pe­rò pia­ce, co­me da suo sto­ri­co tor­men­to­ne non­ché ti­to­lo del suo ultimo spet­ta­co­lo. Per­ché?

«È una squa­dra che vi­ve con lo sti­pen­dio di uno di quel­li di Mi­la­noJu­ve, co­me­faa­non­pia­ce­re? De­ve pia­ce­re per forza, spe­cial­men­te in que­sto mo­men­toi­ta­lia­no. Poi­mi­pia­ce so­prat­tut­to­per­chéo­gnian­no­vin­ce il pre­mio co­me mi­glior ti­fo­se­ria. L’am­bien­te è mol­to sa­no,

Nel qua­dra­ti­no, Jer­ry Ca­là, 64 an­ni. So­pra, la cur­va dei ti­fo­si del Chie­vo al Ben­te­go­di [LaP­res­se]

ed è pro­prio quel­lo che ap­prez­zo di que­sta squa­dra».

Sa­rà al Ben­te­go­di per se­gui­re dal vi­vo il­mat­ch?

«Pur­trop­po la­vo­ro, ma mi

sto or­ga­niz­zan­do. De­vo riu­sci­re a far coin­ci­de­re glio­ra­ri, spe­ro di ve­der­la in tv». Un pro­no­sti­co. «Dif­fi­ci­le. L’Hel­la­shaun­mo­men­to

di cri­si an­che le­ga­to agli in­for­tu­ni, pec­ca­to che man­chi lo­ro uno co­me To­ni, pe­rò ven­de­rà ca­ra la­pel­le. Cre­do che al­la fi­ne ter­mi­ne­rà in pa­reg­gio».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.