Libero

L’auto che si guida da sola fa il primo morto

- MIRKO MOLTENI RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Divulgata solo ieri, dopo due mesi, la notizia del primo incidente mortale accaduto a un automobili­sta scarrozzat­o da una macchina a guida automatica. È successo negli Usa, dove l’autorità federale per la sicurezza stradale, National Highway Traffic Safety Administra­tion, ha aperto un’inchiesta per capire se sia colpa del computer di bordo della berlina Tesla S con cui, il 7 maggio scorso, il quarantenn­e Joshua Brown, dello stato dell’Ohio, viaggiava su una superstrad­a della Florida. L’auto, già all’avanguardi­a avendo motore elettrico, vanta doppio sistema di guida, tradiziona­le e automatico. Quel giorno Brown aveva scelto la guida automatica, quando la Tesla S è andata a schiantars­i contro il rimorchio di un autotreno a 18 ruote che traversava la strada allo svincolo di Williston, tagliando a 90 gradi la rotta dell’auto. La macchina futuristic­a si è fracassata sotto il pianale del mezzo. L’uomo è morto sul colpo e i tecnici confermano che all’impatto era in funzione il pilota automatico.

Le indagini sono all’inizio, ma già si ipotizza che il computer sia stato ingannato dal colore bianco della fiancata del Tir, in quel momento uguale al colore del cielo. Insomma, l’auto-robot ha creduto di vedere davanti un orizzonte libero. Mentre il povero Brown veniva dilaniato, l’autista dell’autotreno, Frank Baressi, 62 anni, della Florida, ne è uscito illeso. Per ironia, Brown era un fan della Tesla, entusiasta della sua macchina, e su Youtube postava filmati in cui mostrava come l’auto fosse "brava" a evitare ostacoli. Era uno dei 107.000 automobili­sti nel mondo, di cui 63.000 nei soli Usa e una manciata in Italia (180), ad averla comprato l’auto il cui autopilota «vede» l’ambiente circo- stante con un radar e sensori acustici. La casa aveva però già raccomanda­to agli utenti di «stare attenti, senza mettersi a leggere o a dormire».

Tesla sostiene che «è il primo incidente mortale dopo 130 milioni di miglia percorse finora da auto in regime di autopilota». La statistica pare sfalsata dal basso numero di simili macchine in circolazio­ne. La disgrazia è successa nei giorni in cui Tesla vedeva sorgere un polo concorrenz­iale con l’accordo tra Fca di Marchionne e Google per un’auto senza pilota.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy