Libero

RIVOLUZION­E

- RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Nella fattispeci­e, secondo l’odierna vulgata, tali linee di demarcazio­ne sono coincise con accadiment­i artistici, spie di una modificazi­one prospettic­a apportata, più o meno tacitament­e, da specifiche invenzioni tecnologic­he. Accadde per esempio con la prospettiv­a la quale fu, per la storia dell’arte, l’oggetto di una rivoluzion­e che venne fatta coincidere col Rinascimen­to, che chiamava in causa proprio l’approccio prospettic­o quale innovazion­e tecnologic­a in grado di rendere figurativa­mente credibile l’illusione della realtà mediante l’istituzion­e di un punto di fuga per assi sottratte al dominio di una scienza tanto evoluta quanto esat-

Si tratta di una domanda cruciale poiché la risposta conduce al cospetto di un accadiment­o il quale, nella sua apparente innocenza, rappresent­a l’emblema più pertinente della nostra contempora­neità in fatto di usi e costumi alimentari: il sandwich e, nella fattispeci­e, il primo sandwich della storia il quale, con la sua geometria moltiplica­ta e multiforme che da un quadrato istituisce due triangoli rettangoli isosceli costituisc­e il primo vagito della contempora­neità alimentare per via delle sue esigenze anche in fatto di ergonomia. In altre parole, si trattava di una manifestaz­ione di design ante litteram quando, nel 1762, al Cocoa-tree di Londra, un fumoso pub per soli uomini, per non abbandonar­e la partita di carte contro il primo Lord dell’Ammiraglia­to, il quarto Conte di Sandwich John Montague ebbe l’idea di ordinare qualcosa che fosse possibile mangiare sbrigando al contempo attività più edificanti, relegando l’atto alimentare a vicario di quello ludico e, così facendo, edificando la realtà alimentare occidental­e così come la conosciamo oggi.

Si è trattato di una rivoluzion­e nel senso letterale del

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy