Fla­ia­no e Buz­za­ti mae­stri nell’ar­te del de­lit­to

Su­spen­ce, col­pi di sce­na, don­ne de­ca­pi­ta­te: ri­ve­la­to il la­to oscu­ro di gial­li­sti «In­so­spet­ta­bi­li» Quan­do i gran­di del­la let­te­ra­tu­ra si di­ver­ti­va­no, di na­sco­sto, a scri­ve­re di noir e fat­ti di san­gue

Libero - - Pensiero - AL­BER­TO PEZZINI GRAN­DI PENNE RI­PRO­DU­ZIO­NE RISERVATA

Al­ber­to Mit­to­ne e Ful­vio Gia­na­ria (av­vo­ca­ti pe­na­li­sti) cu­ra­no da un cer­to tem­po un ver­san­te Ei­nau­di de­di­ca­to ad una gial­li­sti­ca di nic­chia, quel­la che vi­ra ver­so i co­lo­ri gri­gi e sor­di dei tri­bu­na­li.

Han­no co­sì rac­col­to un'an­to­lo­gia in­ti­to­la­ta In­so­spet­ta­bi­li Rac­con­ti Gial­li (Di­no Buz­za­ti, En­nio Fla­ia­no, Er­ne­st He­ming­way etc, Ei­nau­di, pp. 266, eu­ro 14,50) scrit­ta da chi mai e poi mai si sa­reb­be po­tu­to de­fi­ni­re «gial­li­sta».

An­che se se­con­do al­cu­ni il gial­lo può uc­ci­de­re il ro­man­zo (Scal­fa­ri Eu­ge­nio di­xit già nel 1999), in real­tà si sco­pro­no dei dia­man­ti nell'er­ba ca­pa­ci di sal­ta­re fuo­ri co­me igua­no­don­ti mi­no­ri, o mag­gio­ri.

Per esem­pio, una per­la au­ten­ti­ca è Stric­ni­na nel­la mi­ne­stra do­ve Pe­lham Gren­vil­le Wo­de­hou­se,l'umo­ri­sta in­gle­se le­ga­to al mag­gior­do­mo più di­ver­ten­te di tut­ti i tem­pi, Mr. Jeee­ves, non ab­ban­do­na il suo sti­le, an­zi i suoi ama­ti sti­le­mi per cac­cia­re il let­to­re den­tro una sto­ria d'amo­re e li­bri. La let­tu­ra di cer­ti vo­lu­mi è tal­men­te coin­vol­gen­te da far pas­sa­re la real­tà del­le co­se in se­con­do pia­no e far as­su­me­re ad un li­bro un va­lo­re ri­so­lu­to­re di cer­te vi­cen­de che le per­so­ne non sa­reb­be­ro in gra­do di ri­sol­ve­re da so­le. Era un aman­te del­la lin­gua in­gle­se non a ca­so.

Di­no Buz­za­ti si con­fer­ma il gran­de ce­sel­la­to­re di at­mo­sfe­re mi­la­ne­si che il Cor­rie­re del­la Se­ra di Via Sol­fe­ri­no è riu­sci­to ad in­cu­ba­re pro­teg­gen­do­lo.

Gli alias di Via Se­so­stri è un rac­con­to ad oro­lo­ge­ria in cui l'in­quie­tu­di­ne sa­le gra­dual­men­te du­ran­te la let­tu­ra co­me la tem­pe­ra­tu­ra cor­po­rea, fi­no a di­ven­ta­re feb­bre. Il col­po di sce­na fi­na­le è ti­pi­co di chi si di­ver­ti­va ad ag­gi­ra­re il let­to­re per pren­der­lo al­le spal­le all'ultimo, con una stoc­ca­ta che nean­che il te­nen­te Dro­go avreb­be po­tu­to evi­ta­re. Bel­lis­si­mo e da scac­co mat­to.

Chi in­ve­ce loc­cia nel ma­ni­coè Er­ne­st He­ming­way, abi­tua­to ai gran­di spa­zi, al­le are­ne in­san­gui­na­te dai to­ri in­fil­za­ti dal­le pic­che luc­ci­can­ti al so­le, ma in estre­ma dif­fi­col­tà a scen­de­re den­tro i gan­gli ne­vro­ti­ci del gial­lo. I si­ca­ri (trat­to da I qua­ran­ta­no­ve rac­con­ti nel­la tra­du­zio­ne stel­lan­te di Vin­cen­zo Man­to­va­ni) era in­ti­to­la­to So­pra, En­nio Fla­ia­no. A si­ni­stra dall’al­to: Er­ne­st He­ming­way; Di­no Buz­za­ti; Scott Fi­z­ge­rald. Tut­ti gial­li­sti di stra­fo­ro

in ori­gi­na­le The Kil­lers ma più che un gial­lo pos­sie­de il phi­si­que du ro­le di cer­ti per­so­nag­gi al­la Lan­sda­le. Me­no bri­vi­di e più pu­gni in fac­cia, in­som­ma. Nul­la da di­re sul­lo sti­le tut­to mu­sco­li e ner­vi di Er­ne­st, do­ve l'es­sen­zia­le suo­na co­me una mu­si­ca per le orec­chie, ma la sto­ria gial­la si sen­te po­co ri­du­cen­do­si al­la at­te­sa di un re­go­la­men­to di con­ti da par­te di chi è già una vit­ti­ma.

Il suo eter­no ri­va­le di sem­pre, con ( ti­to­lo ori­gi­na­le The Dan­ce:tra­du­zio­ne raf­fi­na­ta di San­dra Pe­tri­gna­ni), è sta­to più in te­ma. Scri­ve una sto­ria am­bien­ta­ta in una pic­co­la cit­tà de­gli Sta­tes in cui si con­su­ma un de­lit­to il cui au­to­re non lo avre­sti mai sco­per­to. La chiu­sa è epi­ca, da on­da ocea­ni­ca.

Un al­tro ame­ri­ca­no che in­ve­ce cen­tra il ca­ne­stro ma­gna cum lau­de è Jack Lon­don ne Gli ese­cu­to­ri di Mi­da (tra­du­zio­ne di Lu­ca Lam­ber­ti), in cui il padre di Mar­tin Eden si con­fer­ma un ar­ti­sta in­fi­ni­to co­me il de­ser­to, do­ve non scor­gi mai la li­nea ve­ra dell'oriz­zon­te. Lon­don ha sa­pu­to ti­ra­re su una sto­ria che è co­me un cir­co:elet­triz­zan­te. Al­la sua età e con le sue ru­ghe d'espres­sio­ne val mol­to più di cer­ti gial­li­sti di pro­fes­sio­ne vol­teg­gian­ti nel­le clas­si­fi­che at­tua­li.

Un po' sot­to­to­no En­nio Fla­ia­no e qui la scel­ta va im­pu­ta­ta ai due bra­vis­si­mi cu­ra­to­ri.

La de­ca­pi­ta­ta (trat­to da Dia­rio Not­tur­no) più che un rac­con­to gial­lo - di cui con­ser­va una in­fa­ri­na­tu­ra sen­za aver­ne l'in­ti­ma es­sen­za - è una ri­fles­sio­ne su ciò che cer­ti am­maz­za­men­ti so­no de­sti­na­ti a di­ven­ta­re. Da una sci­vo­la­ta, da un in­ci­den­te in­som­ma, la via per tra­sfor­mar­si in un ca­so lo spa­zio è bre­ve. Un Fla­ia­no in do mi­no­re. Non ce l'avrei mes­so ma va det­to che il suo intervento è un po' co­me quel­lo di cer­ti gio­ca­to­ri spi­ri­tua­li: stan­no in pan­chi­na per da­re con­si­gli fu­man­do una pi­pa in ace­ro.

In­fi­ne, la­st but not lea­st ,da se­gna­la­re un rac­con­to con gli at­tri­bu­ti dell'in­quie­tu­di­ne ed in per­fet­to sti­le Ste­phen King: Nor­man e l'as­sas­si­no, scrit­to da Joy­ce Ca­rol Oa­tes, la più pro­li­fi­ca scrit­tri­ce ame­ri­ca­na (100 li­bri) con la fac­cia di Ed­gar Al­lan Poe: il suo rac­con­to è bri­vi­do da not­te di fol­lia ame­ri­ca­na e sem­bra scrit­to ap­pe­na ie­ri.

Se fos­si Jef­frey Dea­ver, ci pen­se­rei su un mo­men­to.

Fran­cis Scott Fi­tz­ge­rald Fe­sta da bal­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.