Ora l’Ita­lia ha quel (po­co) che si me­ri­ta

Libero - - Da Pri­ma Pa­gi­na - Di RE­NA­TO FA­RI­NA

E co­sì, tan­to tuo­nò che piov­ve Gen­ti­lo­ni. Non è pre­ci­sa­men­te un gros­so me­teo­ri­te, di quel­li che cam­bia­no l’era geo­lo­gi­ca. Un’ac­que­ru­gio­la sca­te­na­ta. Avan­ti a tut­ta bir­ra anal­co­li­ca.

È tut­ta qui la sin­te­si di que­sti ul­ti­mi sei me­si di ter­re­mo­to po­li­ti­co, di al­ti­so­nan­ti mes­sag­gi, che pre­fi­gu­ra­va­no - a det­ta dei pro­ta­go­ni­sti del sì e del no vuoi il pre­ci­pi­zio ne­gli in­fe­ri vuoi l’asce­sa in pa­ra­di­so, a se­con­da dei ri­sul­ta­ti del re­fe­ren­dum. Ec­co ser­vi­to il pa­sto: un bro­di­no col for­mag­gi­no Mio, la pa­sti­na del­la zia Ma­ria.

Men­tre Trump ha scel­to il ca­po del­la Es­so a gui­da pos­sen­te del­la sua di­plo­ma­zia, che ri­cor­da a noi di una cer­ta età lo slo­gan pe­tro­li­fe­ro “met­ti un Ti­gre nel mo­to­re”, noi nel tur­bo di Pa­laz­zo Chi­gi ci ab­bia­mo im­mes­so la ca­mo­mil­la. La qua­le pe­rò è dif­fi­ci­le aiu­ti il po­po­lo a (...)

(...) di­ge­ri­re que­sta schi­fo­sa cri­si che non fi­ni­sce mai, e se ha un me­ri­to è di al­lun­ga­re la vi­ta: non agli ita­lia­ni, ma a se­na­to­ri e de­pu­ta­ti senz’al­tro.

Vi aspet­ta­va­te qual­cos’al­tro? Ci sa­reb­be un’al­ter­na­ti­va: la ri­vo­lu­zio­ne. Ma i vin­ci­to­ri del no do­vreb­be­ro co­min­cia­re a fa­re a pez­zet­ti­ni la Co­sti­tu­zio­ne do­po aver­la di­fe­sa al­la mor­te. E in stra­da chi ci va, con ’sto fred­do. Nean­che le pro­sti­tu­te ac­cen­do­no più i fa­lò sul­le pro­vin­cia­li.

A que­sto pun­to, an­che se è po­co ele­gan­te, vo­glia­mo to­glier­ci qual­che sfi­zio. Ov­vio: è sgra­de­vo­le. Non c’è nes­su­no di più odio­so di chi ri­ven­di­ca di aver av­vi­sa­to e di aver pre­vi­sto il nul­la di fat­to. È co­sì bel­lo so­gna­re. Ma rie­pi­lo­ghia­mo: tut­ti i gior­na­lo­ni e i gior­na­li­ni, di so­ste­gno a mag­gio­ran­za e op­po­si­zio­ne, ave­va­no pre­ven­ti­va­to una sor­ta di pa­lin­ge­ne­si co­smi­ca, una pu­ri­fi­ca­zio­ne dai ma­li del mon­do, qua­lo­ra gli ita­lia­ni aves­se­ro da­to ra­gio­ne al­le op­po­ste scel­te. Im­bro­glio­ni.

Li­be­ro il gior­no fa­ta­le del 4 di­cem­bre ave­va of­fer­to que­sto ti­to­lo: “Il re­fe­ren­dum, la gran­de min­chia­ta”. Si era fat­to cre­de­re ci fos­se in pa­lio la cop­pa del mon­do del Ben­go­di per tut­ti, una bal­la ci­clo­pi­ca. Fer­mia­mo­ci al­la vit­to­ria del no (per cui per­so­nal­men­te ho sem­pre fat­to il ti­fo, ma non im­por­ta). Era chia­ro, se­con­do le tri­bu­ne po­li­ti­che, co­sa sa­reb­be ac­ca­du­to. Ren­zi a ca­sa, pro­prio nel sen­so di ri­tor­no a Pon­tas­sie­ve. Ele­zio­ni su­bi­to. Al­tri­men­ti ri­vol­ta e for­co­ni. Quin­di al­lean­za trion­fa­le del cen­tro­de­stra e/o dei 5 Stel­le e/o del­la com­po­nen­te del­la si­ni­stra fis­sa­ta sul­lo smac­chia­men­to del Gia­gua­ro, chiun­que es­so sia, Ber­lu­sco­ni o Ren­zi, è ugua­le. In­ve­ce ec­co­ci qua: Gen­ti­lo­ni.

SO­GNI E REAL­TÀ

I nu­me­ri, su cui an­co­ra si fon­da que­sta no­stra di­sgra­zia­ta de­mo­cra­zia e la no­stra scom­bic­che­ra­ta Co­sti­tu­zio­ne (che ci sia­mo te­nu­ti), pre­ve­de­va­no esat­ta­men­te quel­lo che stia­mo ve­ri­fi­can­do. Lo sa­pe­va­no tut­ti. Chi fin­ge stu­po­re, men­te.

È an­da­ta co­sì. Ren­zi, per non per­de­re la fac­cia, ha da­to le di­mis­sio­ni ir­re­vo­ca­bi­li, cui pu­re non era nor­ma­ti­va­men­te ob­bli­ga­to. In­di il Ca­po del­lo Sta­to ha do­vu­to ve­ri­fi­ca­re se esi­stes­se una mag­gio­ran­za e un pre­si­den­te del Con­si­glio in gra­do di ot­te­ne­re la fi­du­cia. Del re­sto, è ine­vi­ta­bi­le. Man­ca­no due leg­gi elet­to­ra­li coe­ren­ti, le qua­li al­me­no fin­ga­no di ga­ran­ti­re ri­sul­ta­ti in ri­ma al Se­na­to e al­la Ca­me­ra. Quin­di le ur­ne a feb­bra­io si è com­pre­so su­bi­to fos­se­ro ro­ba im­pos­si­bi­le. Lo sa­pe­va­no Ren­zi, Al­fa­no, Sal­vi­ni e Di Bat­ti­sta. Per­ché in­ve­ce dir­lo? Pro­pa­gan­da. In­ve­ce si è sbrai­ta­to con­tro la Cor­te co­sti­tu­zio­na­le che ri­tar­de­reb­be ap­po­sta la sen­ten­za sull’Ita­li­cum al 24 gen­na­io, dun­que ad­dio a vo­to di Car­ne­va­le o di Pa­squa. Del re­sto, for­zar­la a fa­re in fret­ta si­gni­fi­che­reb­be spin­ger­la ad an­da­re con­tro la Co­sti­tu­zio­ne. È un eser­ci­zio uti­le a scal­da­re i co­ret­ti in piaz­za, ma non spo­sta i rap­por­ti di for­za in Par­la­men­to.

Ci sa­reb­be una pos­si­bi­li­tà per ne­ga­re la fi­du­cia e man­da­re tut­to a car­te e qua­ran­tot­to: strap­pa­re al Pd un gros­so ma­ni­po­lo di ul­te­rio­ri vol­ta­gab­ba­na on­de scri­ve­re una nuo­va Co­sti­tu­zio­ne per im­pe­di­re fu­tu­ri vol­ta­gab­ba­neg­gi. A par­te la bat­tu­ta, trat­ta­si di una pia il­lu­sio­ne. Esi­ste la real­tà, che è per­si­no più te­star­da del­le ot­ti­me ra­gio­ni di con­ve­nien­za di Le­ga e Cin­que Stel­le per vo­le­re le ur­ne e vin­ce­re pro­ba­bil­men­te in­sie­me (or­mai è chia­ro che la di­stan­za tra que­ste due com­po­nen­ti po­li­ti­che è as­sai mi­no­re di quel­la che og­gi se­pa­ra Sal­vi­ni da Ber­lu­sco­ni). Ed è la se­re­na vec­chia­ia dei par­la­men­ta­ri, i qua­li non pos­so­no per­met­ter­si, te­nen­do fa­mi­glia, di per­de­re il vi­ta­li­zio che scat­ta so­lo do­po me­tà set­tem­bre.

LA MI­NE­STRI­NA

Lo­gi­co a que­sto pun­to che il si­ste­ma tro­vas­se il mo­do di si­ste­mar­si, co­me di­ce la pa­ro­la stes­sa. Non si ca­pi­sce in for­za di co­sa - se non di una spal­la­ta di piaz­za - po­treb­be ac­cet­ta­re di ce­de­re il ba­sto­ne del co­man­do ai suoi di­chia­ra­ti sov­ver­ti­to­ri. E il con­te Gen­ti­lo­ni Sil­ve­ri ha tut­to per riu­sci­re a bal­la­re sul par­quet del Pa­laz­zo. Non pre­ci­sa­men­te un sal­ta­rel­lo o una qua­dri­glia, piut­to­sto sa­rà il bal­lo del mat­to­ne.

Già il suo an­te­na­to riu­scì con il fa­mo­so Pat­to Gen­ti­lo­ni del 1913 a fa­re an­da­re d’ac­cor­do lai­ci e cat­to­li­ci. Og­gi l’im­pre­sa è di pa­ci­fi­ca­re i rap­por­ti tra Par­ti­to de­mo­cra­ti­co (se­gre­ta­rio tut­to­ra Ren­zi) e For­za Ita­lia (pre­si­den­te Ber­lu­sco­ni) che si fan­no sem­pre gli scher­zet­ti in pub­bli­co, ma han­no en­tram­bi bi­so­gno di tem­po per cu­rar­si le fe­ri­te e ma­ga­ri fi­nal­men­te rin­con­trar­si di nuo­vo, se non a lar­go del Na­za­re­no ma­ga­ri a piaz­za di Giu­da, i cui in­te­sta­ta­ri - di­ce il Van­ge­lo e sta ri­pe­ten­do pa­pa Fran­ce­sco - era­no ami­ci.

Il So­le 24 Ore per in­dur­re Na­po­li­ta­no, pe­ral­tro già con­vin­to di suo, a cac­cia­re Ber­lu­sco­ni nel no­vem­bre del 2011, se ne uscì con que­sto ti­to­lo­ne tut­to ma­iu­sco­lo: “FA­TE PRE­STO”. Noi più mo­de­sta­men­te lo ri­di­cia­mo in mi­nu­sco­lo: fa­te pre­sto, che an­che la mi­ne­stri­na si raf­fred­da, e il po­po­lo ri­schia di vo­mi­tar­vi sul se­rio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.