Do­nald vuo­le un Ram­bo per l’ar­te

Of­fer­ta a Stal­lo­ne l’agen­zia che di­stri­bui­sce fon­di fe­de­ra­li per in­cen­ti­va­re la creatività

Libero - - Esteri - MAU­RI­ZIO STEFANINI RIPRODUZIONE RISERVATA

E an­che Syl­ve­ster Stal­lo­ne ver­reb­be ar­ruo­la­to da Do­nald Trump nel­la sua squa­dra. In par­ti­co­la­re, in­for­ma Me­tro.co.uk, co­me pre­si­den­te del Na­tio­nal En­do­w­ment for the Arts (Nea): un’agen­zia che ge­sti­sce fon­di ar­ti­sti­co-crea­ti­vi. Per­ché, hai voglia a di­re che gli Sta­ti Uni­ti so­no il Pae­se della li­be­ra ini­zia­ti­va. In real­tà, dal­le com­mes­se che han­no fat­to de­col­la­re la Si­li­con Val­ley al più re­cen­te sal­va­tag­gio dell’in­du­stria au­to­mo­bi­li­sti­ca di De­troit il go­ver­no fe­de­ra­le e spes­so an­che quel­li lo­ca­li han­no spes­so in­ve­sti­to in ab­bon­dan­za per pro­muo­ve­re la creatività ame­ri­ca­na. Il mon­do della cul­tu­ra non fa ec­ce­zio­ne, se si pen­sa al­le 128.000 sov­ven­zio­ni che il Nea ha di­stri­bui­to dal 1965, an­no della sua crea­zio­ne, fi­no al 2008. Ol­tre 5 mi­liar­di di dol­la­ri ero­ga­ti per pro­get­ti ar­ti­sti­ci, ini­zia­ti­ve na­zio­na­li, ac­cor­di di part­ner­ship, e nel ca­so an­che per scrit­to­ri nel­la fa­se di re­da­zio­ne di un lo­ro li­bro.

In­dub­bia­men­te, la scel­ta di Stal­lo­ne da par­te di Trump ha aspet­ti cu­rio­si. Stal­lo­ne, in­fat­ti, fu il gran­de can­to­re dell’epo­pea rea­ga­nia­na contro l’Im­pe­ro del Male dei rus­si, riem­pi­ti di caz­zot­ti da Roc­ky e di pal­lot­to­le da Ram­bo. Trump si pre­sen­ta in­ve­ce co­me l’uo­mo della gran­de ri­con­ci­lia­zio­ne con l’ex-agen­te del Kgb Pu­tin, ac­cu­sa­to per di più di aver­lo aiu­ta­to a vin­ce­re sot­to ban­co. Ma i tem­pi, si sa, cam­bia­no. Per di più Rea­gan il Nea nel 1981 ave­va pen­sa­to ad­di­rit­tu­ra di chiu­der­lo, so­sti­tuen­do­lo con una ta­sk for­ce in­for­ma­le di cui fa­ce­va­no par­te Charl­ton He­ston e Jo­se­ph Coors. Pro­prio He­ston e Coors, pe­rò, do­po es­ser­si messi a stu­dia­re il pro­ble­ma gli spie­ga­ro­no che in ef­fet­ti il Nea era uti­le, e co­sì fu la­scia­to. Ciò non im­pe­dì a am­bien­ti con­ser­va­to­ri di con­ti­nua­re ad at­tac­car­lo, in par­ti­co­la­re co­me vei­co­lo di va­lo­ri an­ti-fa­mi­glia, e nel 1996 la mag­gio­ran­za re­pub­bli­ca­na in Con­gres­so ta­gliè i fon­di in mo­do dra­sti­co. Ma con Oba­ma so­no sta­ti di nuo­vo au­men­ta­ti.

Piut­to­sto che ri­pren­de­re questa guer­ra, Trump pre­fe­ri­reb­be dun­que af­fi­da­re il Nea a qual­cu­no più in sin­to­nia con i va­lo­ri dell’Ame­ri­ca pro­fon­da. E Stal­lo­ne, secondo quan­to ri­fe­ri­sce il Dai­ly Mail, sa­reb­be in­ten­zio­na­to a ri­spon­de­re in mo­di af­fer­ma­ti­vo. A par­te l’aver già ester­na­to la sua am­mi­ra­zio­ne per Trump, Stal­lo­ne ac­can­to al­la sua at­ti­vi­tà di at­to­re ne svol­ge an­che una di ar­ti­sta vi­si­vo, an­te­ce­den­te all’al­tra. Pro­ba­bil­men­te il gran­de pub­bli­co fan del­lo Stal­lo­ne ci­ne­ma­to­gra­fi­co igno­ra l’esi­sten­za del­lo Stal­lo­ne pit­to­re, ma in com­pen­so men­tre i cri­ti­ci ci­ne­ma­to­gra­fi­ci lo con­si­de­ra­no spes­so con suf­fi­cien­za i cri­ti­ci d’ar­te ne so­no en­tu­sia­sti, tant’è che tan­to che a rap­pre­sen­ta­re il Ram­bo ar­ti­sta è una gal­le­ria di pri­mis­si­mo pia­no co­me la sviz­ze­ra Gmur­zyn­ska. Ma ol­tre a di­pin­ge­re in prima per­so­na Stal­lo­ne è an­che un col­le­zio­ni­sta ap­pas­sio­na­to, che ha in ca­sa ope­re di Clau­de Mo­net e Fran­cis Ba­con. In­som­ma, di Ar­te se ne in­ten­de sul se­rio.

Syl­ve­ster Stal­lo­ne [Oly]

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.