Più sei igno­ran­te, più sei ric­co In­fat­ti sia­mo trop­po col­ti

L’Ita­lia è in ci­ma al­la clas­si­fi­ca del­la cul­tu­ra, Sta­ti Uni­ti e Ci­na so­no in fon­do E quan­do cre­sco­no le di­spo­ni­bi­li­tà eco­no­mi­che, non au­men­ta l’istru­zio­ne

Libero - - Da Prima Pagina - Di GIAN­LU­CA VENEZIANI

Se fos­se un cam­pio­na­to di cal­cio, ve­dre­sti le squa­dre più po­ve­re fi­ni­re in Cham­pions Lea­gue, men­tre i team con mag­gio­re di­spo­ni­bi­li­tà eco­no­mi­ca ri­schia­re la zo­na re­tro­ces­sio­ne. E d’al­tron­de lo ave­va ca­pi­to già Dan­te, che fa­ce­va spro­fon­da­re i ric­chi (nel­la dop­pia ver­sio­ne di «ava­ri» e «pro­di­ghi») nel quar­to (...)

(...) cer­chio dell’In­fer­no per­ché pri­vi di ra­gio­ne e cul­tu­ra («fuor guer­ci sì de la men­te in la vi­ta pri­ma­ia»).

Da un son­dag­gio rea­liz­za­to in 40 Pae­si da Ip­sos Mo­ri, su un cam­pio­ne di ben 27.250 per­so­ne di età com­pre­sa tra i 16 e i 64 an­ni, ri­sul­ta che la cul­tu­ra di un po­po­lo non cre­sce in mo­do di­ret­ta­men­te pro­por­zio­na­le al­la sua ric­chez­za. An­zi, av­vie­ne esat­ta­men­te il con­tra­rio: più sei ric­co più sei in­col­to. Sui te­mi cui so­no sta­ti sot­to­po­sti gli in­ter­vi­sta­ti (do­man­de di cul­tu­ra ge­ne­ra­le, dal nu­me­ro di abi­tan­ti sul ter­ri­to­rio na­zio­na­le al­la spe­sa sa­ni­ta­ria, dal­la di­stri­bu­zio­ne di be­ni im­mo­bi­li al­la per­cen­tua­le di mu­sul­ma­ni pre­sen­ti nel pro­prio Pae­se), i po­po­li me­no «per­for­man­ti» so­no sta­ti quel­li che van­ta­no eco­no­mie tra le più pro­gre­di­te nel mon­do. Per dir­la in bre­ve: tan­ti sol­di, ma po­co col­ti.

ECO­NO­MIE RAMPANTI

A gio­car­si la ma­glia ne­ra di Pae­se più igno­ran­te del pia­ne­ta, ci so­no in­fat­ti i co­sid­det­ti Brics, cioè gli Sta­ti più rampanti a li­vel­lo eco­no­mi­co. Se l’In­dia si gua­da­gna il gra­di­no più al­to del po­dio, la Ci­na si piaz­za se­con­da, il Su­da­fri­ca quar­to, il Bra­si­le se­sto e la Rus­sia quat­tor­di­ce­si­ma. Co­me ul­te­rio­re ri­pro­va, c’è la buo­na po­si­zio­ne in clas­si­fi­ca di Pae­si me­dia­men­te po­ve­ri, co­me la Ma­le­sia, che si at­te­sta tra gli Sta­ti me­no igno­ran­ti (è 36ma), no­no­stan­te il suo Pil sia cir­ca 33 vol­te in­fe­rio­re a quel­lo del­la Ci­na; la Co­lom­bia, 30ma, ma con un Pil 28 vol­te più bas­so di quel­lo ci­ne­se; o il Viet­nam, 22mo, seb­be­ne ab­bia un Pil ad­di­rit­tu­ra 66 vol­te in­fe­rio­re a quel­lo del con­fi­nan­te Sta­to ci­ne­se.

Se i sol­di non fan­no la cul­tu­ra di un po­po­lo, al­lo stes­so mo­do non la fa la de­mo­gra­fia (In­dia e Ci­na, gli Sta­ti più po­po­lo­si del mon­do, ri­sul­ta­no i più igno­ran­ti). E tan­to me­no la fa la for­za geo­po­li­ti­ca. Gli Usa, il Pae­se più po­ten­te del pia­ne­ta, si clas­si­fi­ca­no quin­ti nell’In­di­ce di igno­ran­za (per pre­ve­ni­re fa­ci­li iro­nie, sot­to­li­neia­mo che il son­dag­gio è sta­to rea­liz­za­to tra set­tem­bre e no­vem­bre, quan­do Do­nald Trump non era an­co­ra pre­si­den­te). Una ten­den­za che am­plia quan­to già si sa­pe­va de­gli ame­ri­ca­ni: se lo scrit­to­re ed esplo­ra­to­re sta­tu­ni­ten­se Bar­ry Lo­pez già as­si­cu­ra­va che il po­po­lo a stel­le e stri­sce fos­se il più igno­ran­te per quan­to ri­guar­da la geo­gra­fia mon­dia­le, ora si sco­pre che es­so è pro­fon­da­men­te di­giu­no an­che di co­no­scen­ze sul pro­prio Pae­se.

Chi se la pas­sa be­ne, in­ve­ce, è la Vec­chia Eu­ro­pa, che van­ta i suoi Sta­ti più im­por­tan­ti tut­ti nel­la se­con­da me­tà del­la clas­si­fi­ca (dun­que, tra i Pae­si più col­ti). La Fran­cia, un tem­po cul­la del­la cul­tu­ra eu­ro­pea, va co­sì co­sì (è ven­tu­ne­si­ma), ma Ger­ma­nia (34ma), Re­gno Uni­to (39mo) e Olan­da (40ma, quin­di pri­ma per li­vel­lo cul­tu­ra­le) di­mo­stra­no che ci­vil­tà gre­co­ro­ma­no-cri­stia­na, Ri­na­sci­men­to e Il­lu­mi­ni­smo de­vo­no ave­re la­scia­to qual­che trac­cia po­si­ti­va nel­la no­stra co­no­scen­za del­la real­tà. In que­st’am­bi­to sor­pren­de po­si­ti­va­men­te la per­for­man­ce del no­stro Pae­se che si clas­si­fi­ca 33mo, in­som­ma nel G8 dei Pae­si più col­ti. A ri­pro­va che, seb­be­ne ab­bia un mi­ni­stro dell’Istru­zio­ne non lau­rea­to e pro­ba­bil­men­te sen­za di­plo­ma di ma­tu­ri­tà (e che pu­re mil­lan­ta di ave­re en­tram­bi i ti­to­li), l’Ita­lia è mol­to me­no igno­ran­te di quan­to pen­sia­mo. E il Pae­se rea­le è de­ci­sa­men­te me­glio del­la sua clas­se di­ri­gen­te.

An­che all’in­ter­no del no­stro con­ti­nen­te col­pi­sce poi l’ot­ti­mo piaz­za­men­to di Sta­ti non cer­to tra i più eco­no­mi­ca­men­te avan­za­ti: la Re­pub­bli­ca Ce­ca (con un Pil 89 vol­te in­fe­rio­re ri­spet­to a quel­lo de­gli Usa) si clas­si­fi­ca 4a tra gli Sta­ti più ac­cul­tu­ra­ti, la Po­lo­nia (il cui Pil è 35 vol­te più pic­co­lo a quel­lo sta­tu­ni­ten­se) è 29ma, men­tre il Bel­gio è 28mo, con un Pil 36 vol­te più bas­so di quel­lo Usa.

AFRI­CA ESCLLUSA

Dall’og­get­to di in­da­gi­ne so­no esclu­si pres­so­ché tut­ti i Pae­si afri­ca­ni (a par­te il Su­da­fri­ca) e del mon­do ara­bo, do­ve ve­ro­si­mil­men­te l’gno­ran­za pro­ce­de­reb­be di pa­ri pas­so al­la po­ver­tà (tran­ne che su un pun­to: la do­man­da su qua­le sia la per­cen­tua­le di mu­sul­ma­ni nel lo­ro Pae­se, con una ri­spo­sta - per lo­ro ab­ba­stan­za ov­via. Il 100% o giù di lì…).

Non­di­me­no un son­dag­gio del ge­ne­re è con­for­tan­te per­ché ci in­vi­ta, per una vol­ta, a pen­sa­re che il ve­ro po­te­re stia nel sa­pe­re, co­me di­ce­va Fran­ce­sco Ba­co­ne, e non nell’ave­re. E poi, di­cia­mo­ce­lo chia­ra­men­te: guar­da­re Usa e Ci­na ai pri­mi po­sti nel me­da­glie­re olim­pi­co dell’Igno­ran­za un tan­ti­no ci fa go­de­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.