Te­le­thon, ci fac­cia la ca­ri­tà Do­ve fi­ni­sco­no quei mi­lio­ni?

L’an­no scor­so il “car­roz­zo­ne” è co­sta­to 8 mi­lio­ni di eu­ro. Sui 31,5 rac­col­ti sol­tan­to 5 so­no an­da­ti al­la ri­cer­ca ester­na. È ora di por­si qual­che do­man­da

Libero - - Da Prima Pagina - Di RENATO FARINA

Per­ché la Rai de­di­ca tan­to spa­zio a uno de­gli spet­ta­co­li più de­va­stan­ti che esi­sto­no? Chi ha ac­ce­so la ti­vù in que­ste ore ha già ca­pi­to: par­lo di Te­le­thon, del­la ma­ra­to­na Te­le­thon. Una bel­la idea, quan­do era in boc­cio­lo, e la col­ti­va­va Su­san­na Agnel­li, con la sua se­rie­tà e la sua iro­nia. Con il tem­po è di­ven­ta­ta (...)

(...) una mac­chi­na che spar­ge do­lo­re, la­cri­me, bol­le di sa­po­ne e im­pa­sta il tut­to con il mie­le dei sen­ti­men­ti me­sco­la­ti a lu­stri­ni e pail­let­tes. E poi c’è quel cal­co­la­to­re che re­gi­stra in­troi­ti ruo­tan­do nu­me­ri, co­me una slot ma­chi­ne che vel­li­ca le pen­ne e le gon­fia di com­pia­ci­men­to per il se­re­no ri­po­so del­le ani­me buo­ne.

Que­sto non è un in­vi­to a es­se­re me­no buo­ni e me­no ge­ne­ro­si. De­te­sto chi usa i di­fet­ti del­le ope­re di solidarietà co­me ali­bi per il pro­prio egoi­smo. An­che tra i do­di­ci c’era uno che «era la­dro» (Van­ge­lo di Gio­van­ni) e ru­ba­va dal­la bor­sa dei po­ve­ri: non a ca­so il te­so­rie­re, e si chia­ma­va Giu­da. Qui non sto de­nun­cian­do il fur­to di de­na­ro, ma la ra­pi­na del­la buo­na fe­de e del­la san­ta pa­zien­za. C’è una pub­bli­ci­tà bel­lis­si­ma, con gli oc­chio­ni az­zur­ri di una mam­ma, e la vo­ce rot­ta dal­la pe­na per il pro­prio fi­glio di un’al­tra don­na. Strap­pa­no il cuo­re. Ma è giu­sto usa­re que­sto stra­zio per li­scia­re il tap­pe­to ros­so di un’or­ga­niz­za­zio­ne fa­rao­ni­ca, il cui ri­ca­va­to non si ca­pi­sce in qua­le quan­ti­tà fi­ni­sca dav­ve­ro per la ri­cer­ca pu­ra e sem­pli­ce con­tro le ma­lat­tie ge­ne­ti­che ra­re e quan­to gon­fi la va­na­glo­ria di chi esi­bi­sce lo stem­ma del­la pro­pria bon­tà di­sin­te­res­sa­ta.

L’an­no scor­so sa­pe­te quan­to

è co­sta­to que­sta fie­ra del­la bon­tà va­ni­to­sa? € 8.083.267. Ot­to mi­lio­ni di eu­ro.

Bon­tà di­sin­te­res­sa­ta? Quan­ti cam­pa­no gra­zie a que­sti 8 mi­lio­ni, che a me pa­io­no una tan­gen­te sul­la in­ge­nui­tà e sul­la com­mo­zio­ne? Sap­pia­mo be­ne che non c'è mul­ti­na­zio­na­le che og­gi non si van­ti di es­se­re eti­ca, e di for­ni­re fior di quat­tri­ni ai po­ve­ri. Lun­gi da noi spu­ta­re sul piat­to for­ni­to a

ma­la­ti e bi­so­gno­si dai mar­chi di mag­gior pre­sti­gio, o dal­le fon­da­zio­ni in­naf­fia­te dai fa­vo­lo­si gua­da­gni dei ric­co­ni. Ci va be­ne an­che che co­sto­ro lo fac­cia­no sa­pe­re, ma­ga­ri ser­ve a for­ni­re il buon esem­pio. Ma che i bei no­mi dei ca­pi e dei mem­bri del Con­si­glio di am­mi­ni­stra­zio­ne di en­ti be­ne­fi­ci in­ve­ce di met­ter­ci il lo­ro de­na­ro, si fac­cia­no ban­di­to­ri e idro­vo­re del­la be­ne­fi­cen­za dei te­le­spet­ta­to­ri,

sen­za chia­ri­re fi­no all’ul­ti­mo cen­te­si­mo quan­to ar­ri­va dav­ve­ro a far del be­ne e quan­to si di­sper­de per te­ner su que­sto ba­rac­co­ne do­ra­to, è de­plo­re­vo­le.

La­scia­te che sia­no le par­roc­chie, o il mis­sio­na­rio dell’Ugan­da che ha bi­so­gno di un poz­zo per il vil­lag­gio, op­pu­re or­ga­niz­za­zio­ni che non rac­cat­ta­no de­na­ro ma pa­sta, sca­to­la­me o me­di­ci­ne (Ban­co ali­men­ta­re, Ban­co far­ma­ceu­ti­co) e rag­giun­go­no a uno a uno quel­li che gli uf­fi­ci del Co­mu­ne non ve­do­no o non co­no­sco­no. Ma la ri­cer­ca è qual­co­sa che non do­vreb­be es­se­re fi­nan­zia­to at­tin­gen­do al­le ri­sor­se del­la bon­tà, ma dal­le cas­se del­lo Sta­to, at­tra­ver­so le tas­se che non ci pa­re sia­no co­sì lie­vi da non con­sen­ti­re un in­ve­sti­men­to di qual­che cen­ti­na­io di mi­lio­ni a isti­tu­ti cli­ni­ci e uni­ver­si­ta­ri at­tra­ver­so se­le­zio­ni per me­ri­to, pa­gan­do per be­ne chi vi si de­di­ca.

Il fat­to che la ré­cla­me in­fi­ni­ta di Te­le­thon sia col­lo­ca­ta per in­te­re gior­na­te sul­le re­ti dal­la Rai, cioè sia­no of­fer­te dal ser­vi­zio pub­bli­co, pa­ga­to dal ca­no­ne dei cit­ta­di­ni, do­vreb­be co­strin­ge­re i di­ri­gen­ti dell’en­te di pro­prie­tà del Te­so­ro a por­re qual­che do­man­da e a ve­ri­fi­ca­re le ri­spo­ste. E se non lo fa il Cda del­la Rai, si muo­va il Par­la­men­to, tra­mi­te la Com­mis­sio­ne di vi­gi­lan­za, ri­pie­na di de­pu­ta­ti e se­na­to­ri a lo­ro vol­ta ben pa­ga­ti. È il ca­so di non guar­da­re in fac­cia ai bei no­mi del Con­si­glio di am­mi­ni­stra­zio­ne di Te­le­thon, e di su­pe­ra­re il pu­do­re che si pro­va a spul­cia­re i con­ti, il ri­ce­ve­re e il da­re, gli sti­pen­di e i com­pen­si di chi si sen­te su­pe­rio­re a ogni me­schi­ni­tà poi­ché si piaz­za die­tro il pian­to del­le ma­dri.

Ci ri­sul­ta che ci sia­no pa­rec­chie stra­nez­ze che sa­reb­be il ca­so di il­lu­mi­na­re. Ad esem­pio. Il nu­me­ra­to­re ci­ta­to (quel­lo do­ve bal­la­no le ci­fre de­gli eu­ro rac­col­ti du­ran­te la ma­ra­to­na Rai) nel 2015 si era in­nal­za­to al­la fa­vo­lo­sa vet­ta dei 31.514.911 eu­ro. Nel bi­lan­cio ap­pro­va­to nel 2016 i pro­ven­ti del­la ma­ra­to­na ri­sul­ta­no es­se­re € 24.793.507. Co­mun­que sia Te­le­thon ha ero­ga­to gra­zie al­la ri­cer­ca ester­na, tra­mi­te i ban­di so­lo 5 mi­lio­ni di eu­ro (quan­do c’era Su­ni qua­si tut­ti fi­ni­va­no lì). Il re­sto cioè 26 mi­lio­ni e rot­ti, co­me so­no sta­ti spe­si? Nei la­bo­ra­to­ri in­ter­ni? Pa­re di sì, e senz’al­tro fun­zio­ne­ran­no be­ne. In­som­ma pe­rò, al­la fi­ne dei con­ti que­sto be­ne­me­ri­to ap­pa­ra­to ri­scuo­te i sol­di del­la gen­te per nu­tri­re so­prat­tut­to se stes­so ed elo­gia la pro­pria ri­cer­ca au­to­ge­sti­ta. Ma es­sen­do sol­di de­gli ita­lia­ni si pos­so­no co­no­sce­re sti­pen­di e ri­sul­ta­ti del­la at­ti­vi­tà va­lu­ta­ti da fon­ti in­di­pen­den­ti e non da se stes­si? I bre­vet­ti con­se­gui­ti a chi ap­par­ten­go­no?

Cer­to il bi­lan­cio è cer­ti­fi­ca­to. Il pre­si­den­te del col­le­gio dei re­vi­so­ri dei con­ti è il pro­fes­sor Tom­ma­so Di Tan­no. Il me­de­si­mo che, in quo­ta del Par­ti­to de­mo­cra­ti­co e dell’Udc, cer­ti­fi­cò il bi­lan­cio del Mon­te dei Pa­schi di Sie­na al tem­po de­gli spa­ven­to­si am­man­chi. Di­chia­rò a sua di­fe­sa: «Mi na­sco­se­ro le car­te su­gli af­fa­ri a ri­schio» . Sia­mo a ca­val­lo.

Ma­ra Ve­nier e Fa­bri­zio Friz­zi ne­gli stu­di Rai per la ma­ra­to­na be­ne­fi­ca [An­sa]

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.