Su As­sad e Pu­tin cam­bia idea pu­re Fran­ce­sco

«I cri­stia­ni so­no odia­ti», di­ce Fran­ce­sco che non ca­sca nel­le fal­si­tà di chi di­sin­for­ma sul­la guer­ra di Pu­tin

Libero - - Da Prima Pagina - Di RE­NA­TO FA­RI­NA

Un po’ di ve­ri­tà, per fa­vo­re.

Ie­ri all’An­ge­lus Fran­ce­sco è usci­to dai bi­na­ri del po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to, e l’ha det­ta. È in cor­so ora, ades­so, men­tre man­gia­mo la mi­ne­stra e ascol­tia­mo le no­stre al­le­gre cam­pa­ne, una strage di cri­stia­ni sen­za precedenti nel­la sto­ria. Il Pa­pa «ve­nu­to dal­la fi­ne del mon­do» di­ce che la ter­za guer­ra mon­dia­le a pez­zi sta fa­cen­do a pez­zi i cri­stia­ni «in odio a Cri­sto» co­me mai pri­ma. Al­tro che «Quo va­dis?» e Co­los­seo. (...)

(...) Ha da­to que­sta no­ti­zia con un do­lo­re e una forza sen­za precedenti nel suo Pon­ti­fi­ca­to, col­le­gan­do­si alla de­nun­cia di Gio­van­ni Pao­lo II. Ma il Pa­pa po­lac­co ave­va par­la­to del No­ve­cen­to co­me se­co­lo il cui ca­ta­lo­go de­gli or­ro­ri su­pe­ra­va ogni al­tro pe­rio­do del­la sto­ria. Lo sap­pia­mo, ma si evi­ta di dir­lo, si tol­le­ra che ac­ca­da.

In pas­sa­to si è rin­fac­cia­to al suc­ces­so­re di Ra­tzin­ger di tra­scu­ra­re il san­gue dei fra­tel­li, e di ave­re dub­bi sul­la na­tu­ra di mar­ti­rio del­le uc­ci­sio­ni di gen­te bat­tez­za­ta, per­ché non pa­re­va que­sto il mo­ven­te dell’as­sas­si­nio. Lui co­sì du­ro con i car­di­na­li me­no adu­la­to­ri, poi pe­rò ap­pa­ri­va blan­do nel­la di­fe­sa dei suoi fi­gli dai lu­pi del­la ji­had. C’è sta­ta una svol­ta in­te­rio­re evi­den­te in lui. Già dal­lo sgoz­za­men­to di pa­dre Jac­ques Ha­mel, il 26 lu­glio scor­so, nel­la chie­sa vi­ci­no a Rouen, Fran­ce­sco ave­va chia­ma­to quel sa­cri­fi­cio «mar­ti­rio». Ora fa va­le­re que­sta de­fi­ni­zio­ne, che ha una po­ten­za teo­lo­gi­ca enor­me se af­fer­ma­ta dal Ve­sco­vo di Ro­ma, per mi­glia­ia e mi­glia­ia di sco­no­sciu­ti san­ti.

Ec­co le pa­ro­le di Pa­pa Ber­go­glio: «Quan­ti no­stri fra­tel­li e so­rel­le nel­la fe­de su­bi­sco­no so­pru­si, vio­len­ze e so­no odia­ti a cau­sa di Ge­sù! Io vi di­co una co­sa, i mar­ti­ri di og­gi so­no in nu­me­ro mag­gio­re ri­spet­to a quel­li dei pri­mi se­co­li. Quan­do noi leg­gia­mo la sto­ria dei pri­mi se­co­li, qui, a Ro­ma, leg­gia­mo tan­ta cru­del­tà con i cri­stia­ni; io vi di­co: la stes­sa cru­del­tà c’è og­gi, e in nu­me­ro mag­gio­re, con i cri­stia­ni».

Nei gior­ni scor­si, nel rap­pre­sen­ta­re lo sce­na­rio del­la guer­ra in Me­dio Orien­te, ave­va­no pre­val­so le di­chia­ra­zio­ni dei gran­di in­tel­lel­let­tua­li dell’uma­ni­ta­ri­smo, i qua­li han­no iden­ti­fi­ca­to il ma­le e la cru­del­tà in As­sad e in Pu­tin, col­pe­vo­li di com­bat­te­re Isis e Al Nu­sra (cioè il Ca­lif­fa­to e Al Qae­da), che te­ne­va­no sot­to il lo­ro tal­lo­ne la po­po­la­zio­ne del­la cit­tà, co­me i rus­si con­tro il bun­ker di Hi­tler a Ber­li­no. So­no gli An­dré Gluk­smann, i Ber­nard Hen­ri Le­vy, i qua­li han­no sul­la co­scien­za la giu­sti­fi­ca­zio­ne ideo­lo­gi­ca e mo­ra­le de­gli in­ter­ven­ti oc­ci­den­ta­li in Li­bia e in Si­ria, che han­no da­to la stu­ra all’or­ro­re odier­no. Fran­ce­sco, va det­to con one­stà, non ha mai fat­to sua que­sta po­si­zio­ne «uma­ni­ta­ri­sta» an­ti-Pu­tin e con­tro il suo al­lea­to As­sad. An­zi ha scrit­to di re­cen­te una let­te­ra a que­st’ul­ti­mo che nes­su­no ha ri­fe­ri­to, per­ché di que­sto Pa­pa so­no ri­lan­cia­te so­lo le po­si­zio­ni più di­ge­ri­bi­li, evi­ra­te da tut­to quel­lo che tur­ba i cri­te­ri eu­ro­new­yor­che­si di buo­no e cat­ti­vo. Cer­to, il Pa­pa non di­ce che gran par­te de­gli ec­ci­di so­no di ma­tri­ce isla­mi­ca. Ce n’è bi­so­gno? Lo sap­pia­mo tut­ti. Il suo si­len­zio equi­va­le a quel­lo di

Pio XII sul ge­no­ci­dio de­gli ebrei. Pe­rò ope­ra. Co­sì egli è per­fet­ta­men­te a co­no­scen­za del­la real­tà ira­che­na e si­ria­na.

Da Aleppo è giun­ta co­stan­te­men­te al Pa­pa la vo­ce dei ve­sco­vi e dei par­ro­ci, i qua­li han­no fat­to udi­re il suo­no del­le cam­pa­ne per la scon­fit­ta dei «fon­da­men­ta­li­sti» (Fran­ce­sco ha usa­to que­sta pa­ro­la). Que­sta cit­tà si­ria­na era gre­mi­ta da 250mi­la cri­stia­ni, ora so­no 50mi­la. Gli al­tri? Co­stret­ti alla fu­ga o uc­ci­si. Fos­se co­mu­ni so­no sta­te sco­per­te.

E in Iraq? Nel­la pia­na di Ni­ni­ve, che era una gran­de en­cla­ve cri­stia­na, do­po che ora l’Isis è sta­to scon­fit­to, ec­co

che le po­ten­ze oc­ci­den­ta­li (ame­ri­ca­ni e fran­ce­si) con­cor­da­no nel­lo spar­ti­re il ter­ri­to­rio tra scii­ti e sun­ni­ti. E i cri­stia­ni? In ba­lia de­gli isla­mi­ci mo­de­ra­ti: cioè op­pres­si. Li cac­cia­no via an­che i mu­sul­ma­ni «buo­ni», im­pian­ta­ti al po­te­re dall’idio­zia dell’in­va­sio­ne dell’Iraq.

Con­ti­nua Fran­ce­sco: «...vo­glia­mo pen­sa­re a lo­ro (ai cri­stia­ni) che sof­fro­no per­se­cu­zio­ne, ed es­se­re vi­ci­ni a lo­ro con il no­stro af­fet­to, la no­stra pre­ghie­ra e an­che il no­stro pian­to. Ie­ri, gior­no di Na­ta­le, i cri­stia­ni per­se­gui­ta­ti nell’Iraq han­no ce­le­bra­to il Na­ta­le nel­la lo­ro cat­te­dra­le di­strut­ta: è

un esem­pio di fe­del­tà al Van­ge­lo. No­no­stan­te le pro­ve e i pe­ri­co­li, es­si te­sti­mo­nia­no con co­rag­gio la lo­ro ap­par­te­nen­za a Cri­sto e vi­vo­no il Van­ge­lo im­pe­gnan­do­si a fa­vo­re de­gli ul­ti­mi, dei più tra­scu­ra­ti, fa­cen­do del be­ne a tut­ti sen­za di­stin­zio­ne; te­sti­mo­nia­no co­sì la ca­ri­tà nel­la ve­ri­tà». Non è pia pro­pa­gan­da: ad Aleppo i fran­ce­sca­ni so­no di­ven­ta­ti ri­fu­gio e spe­ran­za an­che di tan­ti che cri­stia­ni non so­no. Co­sì a Mo­sul, a Da­ma­sco. Un po’ di ve­ri­tà si fa lar­go, qual­che bran­del­lo di be­ne emer­ge dal fan­go di que­sto tem­po di ie­ne.

La mes­sa di Na­ta­le fra le ma­ce­rie del­la Cat­te­dra­le di Sant’Elia ad Aleppo. I cri­stia­ni tor­na­no a vi­ve­re li­be­ra­men­te [LaPresse]

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.