At­ten­to Scal­fa­ri, Pa­pa Ber­go­glio ti pren­de in gi­ro

In una del­le sue sal­mo­lo­gie im­pa­na­te il fon­da­to­re di Re­pub­bli­ca con­fon­de te­sti si­not­ti­ci e apo­cri­fi Ba­sta es­se­re chie­ri­chet­ti per ca­pi­re che co­me teologo non è a suo agio, ma il Pa­pa lo tol­le­ra. Per­ché?

Libero - - Da Prima Pagina - Di VIT­TO­RIO FELTRI

Per­ché, Eu­ge­nio, fai co­sì? Per­ché tu che hai avu­to tut­to dal­la vi­ta, ti vuoi do­ta­re in­fi­ne an­che di orec­chie d’asi­no sia pu­re au­reo­la­te? Sei sta­to fa­sci­sta, poi azio­ni­sta, per­ché ora am­bi­sci a fa­re il sa­cri­sta sen­za nean­che aver fat­to le scuo­le se­ra­li di dot­tri­net­ta all’ora­to­rio?

Pun­ti a un sa­cel­lo in cat­te­dra­le, do­ve de­por­re le os­sa co­me Ser Ciap­pel­let­to, che si bef­fò dei fra­ti per far­si tu­mu­la­re in odo­re di san­ti­tà? La stra­da pro­met­te be­ne: di­squi­si­sci da pa­ri a pa­ri con il Pon­te­fi­ce, il qua­le si ri­vol­ge a te dal bas­so in al­to. Ma ho il dub­bio sot­ti­le che l’astu­to ge­sui­ta ti vo­glia ade­sca­re alla fe­de cat­to­li­ca abu­san­do del­la tua va­ni­tà, di cui sei ric­co for­se ad­di­rit­tu­ra co­me di eu­ro e dol­la­ri.

Mi sto ri­vol­gen­do, co­me avre­te ca­pi­to, a Eu­ge­nio Scal­fa­ri, il qua­le alla vi­gi­lia di Na­ta­le ha vo­lu­to an­ti­ci­pa­re la pre­di­ca del suo ami­co Fran­ce­sco, ma­ga­ri per ve­de­re se la co­pia tut­ta (...)

(...) o so­lo qua e là. In fon­do, c’è una cer­ta coe­ren­za ascen­sio­na­le. Mi­ca ma­le pas­sa­re da sug­ge­ri­to­re di De Mi­ta e Ru­tel­li a pa­ro­lie­re del Pa­pa, sen­za spo­star­si se non im­per­cet­ti­bil­men­te dal suo tro­no di ateo. Non ces­sa ogni vol­ta di di­chia­ra­re che non cre­de in Dio. Lo ca­pi­sco: da­to che c’è già lui, non si ca­pi­sce la ne­ces­si­tà di guar­da­re più in su. Ma al­lo­ra per­ché la fa co­sì lun­ga? Ama far­si se­dur­re, la­sciar­si ten­ta­re. E per al­za­re il prez­zo, sdot­to­reg­gia.

Co­me pe­rò, an­co­ra po­chi gior­no fa, ha no­ta­to su Li­be­ro il no­stro An­to­nio Soc­ci, il fon­da­to­re di Re­pub­bli­ca fal­la di fre­quen­te. Sta­vol­ta è sci­vo­la­to sull’abc del ca­te­chi­smo, co­me scri­ve­re «squo­la» e pre­ten­de­re di fa­re l’Al­ber­to Man­zi; di­scu­te­re con Ein­stein, e ca­sca­re sul­le ta­bel­li­ne.

Il com­pian­to car­di­na­le Gia­co­mo Bif­fi, che - sic­co­me mi co­no­sce­va po­co - mi vo­le­va be­ne, si ar­rab­bia­va mol­to con i teo­lo­gi del­la do­me­ni­ca che scri­ve­va­no sui gior­na­li. Di­ce­va: «Nes­su­no la­scia scri­ve­re di cal­cio chi non di­stin­gue tra un cor­ner e un ri­go­re. In­ve­ce sul­la Chie­sa pon­ti­fi­ca­no tut­ti e so­no asi­ni». Ec­co, sia­mo al ca­so Scal­fa­ri. Non mi er­go a stu­dio­so, uti­liz­zo le mie qua­li­fi­che di chie­ri­chet­to di­smes­so. Non lo fac­cio per ga­reg­gia­re con lui in sa­pien­za

bi­bli­ca, con quel­la bar­ba può di­re ciò che vuo­le, ma per pro­por­mi co­me cor­ret­to­re di boz­ze, per­ché ho qual­che ora li­be­ra e vor­rei ar­ro­ton­da­re.

1) Scri­ve Eu­ge­nio: «So­no an­da­to a ri­leg­ger­mi i quat­tro Van­ge­li si­not­ti­ci del Nuo­vo Te­sta­men­to, che co­sti­tui­sco­no la so­stan­za del­la vi­ta di Ge­sù Cri­sto». Tut­ti sap­pia­mo che i Van­ge­li so­no quat­tro. Per­ché ag­giun­ge l’ag­get­ti­vo «si­not­ti­ci»? Lo spie­ga più avan­ti. «I Van­ge­li si­not­ti­ci, cioè quel­li ri­co­no­sciu­ti dal­le Au­to­ri­tà suc­ces­si­ve alla pri­ma ge­ne­ra­zio­ne cri­stia­na, so­no quat­tro». Ac­cer­ta­to che so­no quat­tro, pro­prio quat­tro, con tut­to il gre­co che ha stu­dia­to do­vreb­be sa­pe­re che si­not­ti­ci vie­ne dal gre­co sy­nop­ti­kós, «sguar­do d’in­sie­me», da cui si­nos­si. Per­tan­to so­no Van­ge­li si­not­ti­ci i «Van­ge­li di Mat­teo, Mar­co e Lu­ca che ri­ve­la­no un no­te­vo­le pa­ral­le­li­smo e una stret­ta af­fi­ni­tà e con­cor­dan­za tan­to da po­ter es­se­re pub­bli­ca­ti in si­nos­si a co­lon­ne af­fian­ca­te» (Trec­ca­ni: ce l’ho, glie­la pos­so ven­de­re a buon prez­zo).

2) Dal­la fra­se ci­ta­ta, si evin­ce la con­vin­zio­ne di Scal­fa­ri se­con­do cui «si­not­ti­co» vuol di­re «ap­pro­va­to, uf­fi­cia­le», in con­trap­po­si­zio­ne ad apo­cri­fo. In real­tà i Van­ge­li «ca­no­ni­ci» so­no quat­tro, men­tre i si­not­ti­ci so­no tre.

3) Scal­fa­ri ag­giun­ge un da­to nuo­vo. Di­ce che l’apo­sto­lo Gio­van­ni è sta­to «il se­gre­ta­rio di Gio­van­ni Bat­ti­sta». Vi­ve­va nel de­ser­to, av­vol­to di pel­li, man­gia­va lo­cu­ste, ed ora si sco­pre che ave­va un se­gre­ta­rio. Da­va la cac­cia ai gril­li? Il Van­ge­lo - che lui di­ce di aver ri­let­to so­stie­ne che Gio­van­ni e An­drea era­no so­ci in­sie­me ai lo­ro fra­tel­li Gia­co­mo e Si­mo­ne di una coo­pe­ra­ti­va di pe­sca­to­ri a Ca­far­nao (lo rac­con­ta lo stes­so Gio­van­ni nel suo Van­ge­lo, il fa­mo­so quar­to si­not­ti­co scal­fa­ria­no).

Que­sto mi ha fat­to cre­de­re che Fran­ce­sco lo pren­da amo­re­vol­men­te per il sa­cro cu­lo. Io non pre­ten­do di cor­reg­ge­re Eu­ge­nio il Teologo: quan­do di­squi­si­sce so­pra il set­ti­mo cie­lo toc­ca dei ver­ti­ci di sal­mo­lo­gia im­pa­na­ta che non ar­ri­vo a sfio­ra­re nep­pu­re ca­val­can­do l’ip­po­gri­fo, che di cer­to Scal­fa­ri tie­ne al pa­sco­lo in uno dei suoi po­de­ri e vil­lo­ni. Ma su que­stio­ni di bas­sa ma­no­va­lan­za, ti­po leg­ge­re, ci ar­ri­vo.

Cer­to che sal­ta fuo­ri da que­sto Na­ta­le una splen­di­da cop­pia. Fran­ce­sco in­vi­ta a fre­quen­ta­re gli ul­ti­mi, i di­sgra­zia­ti sui bar­co­ni, fa ve­ni­re i sen­za tet­to a man­gia­re al suo de­sco il pa­net­to­ne nel gior­no del suo com­plean­no. Ma poi pas­sa le sue ore mi­glio­ri con il gior­na­li­sta più ric­co del­la sto­ria, che la se­ra an­da­va in Via Ve­ne­to e as­sai me­no do­ve baz­zi­ca­no a Ter­mi­ni i bar­bo­ni; e ai ca­not­ti dei pro­fu­ghi ha sem­pre pre­fe­ri­to i pi­ro­sca­fi del principe Ca­rac­cio­lo. E ai si­not­ti­ci ha sem­pre pre­fe­ri­to gli at­ti­ci.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.