Libero

Con­tror­di­ne com­pa­gni, la ri­vo­lu­zio­ne è di de­stra

Due li­bri ri­sco­pro­no il fa­sci­no e l’eti­ca del «ri­bel­le» che fi­ni­sce sem­pre col tra­di­re i suoi so­gni E il pro­gres­si­sta Gio­rel­lo in­tui­sce che «la si­ni­stra è con­ser­va­tri­ce, la ve­ra ever­sio­ne è Jün­ger»

- GIOR­DA­NO TEDOLDI RIPRODUZIO­NE RISERVATA Italy · Pier Paolo Pasolini · Bertrand Russell · Red Brigades · Paolo Sorrentino · Max Stirner

Do­po l'or­gia di ri­vo­lu­zio­ni e ri­vo­lu­zio­na­ri, ca­te­go­rie buo­ne an­che per il mar­ke­ting, tor­na il ri­bel­le.

Il suo re­vi­val è at­te­sta­to dal­la re­cen­te usci­ta di due in­te­res­san­ti li­bri, Ri­bel­li d'Ita­lia. Il so­gno della ri­vo­lu­zio­ne da Maz­zi­ni al­le Bri­ga­te Ros­se, del­lo sto­ri­co Pao­lo Bu­chi­gna­ni, mol­to di­scus­so, an­che su que­ste pa­gi­ne da Ma­rio Ber­nar­di Guar­di, e L'eti­ca del ri­bel­le. In­ter­vi­sta su scien­za e ri­vo­lu­zio­ne, del fi­lo­so­fo della scien­za Giu­lio Gio­rel­lo (a cu­ra di Pi­no Don­ghi, La­ter­za, 155 pp, 13 eu­ro). Rias­su­mia­mo le po­si­zio­ni. Per­ché og­gi tor­na d'at­tua­li­tà la ca­te­go­ria cul­tu­ra­le, politica, eti­ca del ri­bel­le? Se­con­do Bu­chi­gna­ni, co­me no­ta­va Ber­nar­di Guar­di, il ri­bel­le ita­lia­no è ti­pi­ca­men­te un de­ma­go­go. Lo ri­tro­via­mo in que­gli eter­ni e com­pia­ciu­ti ba­stian con­tra­ri, a di­sa­gio in qua­lun­que par­te politica o area cul­tu­ra­le, ma che, in ogni tem­po, so­no af­fra­tel­la­ti dal la­men­to sul­la mi­ti­ca "ri­vo­lu­zio­ne tra­di­ta". Tra­di­to quin­di il Ri­sor­gi­men­to, tra­di­to il fa­sci­smo, tra­di­to il so­cia­li­smo, il co­mu­ni­smo, la ri­vo­lu­zio­ne li­be­ra­le, quel­la cat­to­li­ca, il Ses­san­tot­to, il ber­lu­sco­ni­smo. Tut­to per­ché non si è sta­ti ab­ba­stan­za ri­bel­li, ma trop­po bor­ghe­si, trop­po in­cli­ni ai com­pro­mes­si «al ri­bas­so», trop­po all' ita­lia­na. L'in­tui­zio­ne di Bu­chi­gna­ni è tal­men­te ve­ra, che il gio­chi­no si può pro­por­re in qua­lun­que cam­po, an­che fuo­ri dal­la politica. Il ci­ne­ma ita­lia­no? Mai ve­ra­men­te ra­di­ca­le, sì, ci pro­vò Pa­so­li­ni con Sa­lò o le 120 gior­na­te di So­do­ma, ma la sua ri­vo­lu­zio­ne è

sta­ta tra­di­ta, e og­gi ci te­nia­mo i pa­pi di Pao­lo Sor­ren­ti­no. Il tea­tro? È sta­to un po' ever­si­vo con Pe­tro­li­ni, for­se con Car­me­lo Be­ne, quel­li sì ve­ri ir­re­go­la­ri e ri­bel­li, ma og­gi il tea­tro è mor­to, Ce­chov e Pi­ran­del­lo fi­no a non po­ter­ne più, co­me cin­quant'an­ni fa.

La mu­si­ca? Oh, com'era ri­vo­lu­zio­na­rio il punk, il rock, il prog, tut­te ri­vo­lu­zio­ni tra­di­te, e og­gi ti becchi quel da­me­ri­no di Gab­ba­ni. In­som­ma, si è ca­pi­to: la pri­ma co­sa che di­ce l'in­tel­let­tua­le ita­lia­no, una vol­ta che si è ac­cor­to di es­se­re ta­le, è una bel­la va­ria­zio­ne sul te­ma della «ri­vo­lu­zio­ne tra­di­ta». Ora, quan­do nel li­bro di Gio­rel­lo leg­gia­mo la fra­se, di per sé sa­cro­san­ta: «la si­ni­stra, nella fat­ti­spe­cie "il mo­vi­men­to ope­ra­io or­ga­niz­za­to”, è sta­ta una del­le for­ze più con­ser­va­tri­ci di que­sto Pae­se», ci chie­dia­mo qua­li sia­no sta­te, e sia­no, per Gio­rel­lo, le for­ze pro­gres­si­ste e, stan­do al­la sua de­fi­ni­zio­ne, ri­bel­li. So­no sem­pre all' in­ter­no della si­ni­stra? Sup­po­nia­mo di sì, vi­sto che Gio­rel­lo è un ri­co­no­scen­te al­lie­vo di Lu­do­vi­co Gey­mo­nat, di cui nel li­bro trac­cia un vi­vi­do ri­cor­do, spin­gen­do­si an­che a con­si­de­ra­re con in­dul­gen­za il suo «neo­ma­te­ria­li­smo dia­let­ti­co», in vir­tù di quel «neo» che lo ri­scat­te­reb­be dal nau­fra­gio del vec­chio ma­te­ria­li­smo dia­let­ti­co. (A noi pa­re che il ma­te­ria­li­smo dia­let­ti­co stia be­ne al mu­seo del­le pseu­do­scien­ze e non c'è «neo» che pos­sa to­glier­lo di lì). E in­ve­ce, quan­do Gio­rel­lo in­di­ca la sua de­fi­ni­zio­ne di ri­bel­le, an­che se non ci aspet­tia­mo che, co­me il suo mae­stro, ri­sol­va la que­stio­ne con un lif­ting a qual­che idea di Marx o En­gels, sor­pren­de che - un po' da ri­bel­le nel sen­so in­di­ca­to da Bu­chi­gna­ni sal­ti pro­prio dall'al­tra par­te, e ri­cor­ra al­le pa­ro­le di un gran­de scrit­to­re, Ern­st Jün­ger, con­te­nu­te nel Trat­ta­to del ri­bel­le (co­sì è in­ti­to­la­to nella tra­du­zio­ne ita­lia­na della Adel­phi), che non fu nazista so­lo per­ché, un po' co­me Ju- lius Evo­la col fa­sci­smo, era an­co- ra più a de­stra di quel­lo, an­co­ra più in­tran­si­gen­te, an­co­ra più «ri­bel­le».

È ab­ba­stan­za stu­pe­fa­cen­te tro­va­re nel te­sto di Gio­rel­lo, ci­ta­ti qua­si po­tes­se­ro es­se­re te­nu­ti in­sie­me, Jün­ger e Ber­trand Rus­sell; l'ir­ra­zio­na­li­smo del pri­mo e l'elo­gio della li­ber­tà co­me con­di­zio­ne del­lo svi­lup­po della co­no­scen­za ra­zio­na­le. Gio­rel­lo ci­ta tra i suoi au­to­ri pre­di­let­ti an­che Max Stir­ner, ma lo stir­ne­ria­no «ho fon­da­to la mia cau­sa sul nul­la» non ha un va­lo­re, co­me cre­de, li­ber­ta­rio o ri­bel­le, ma ra­di­cal­men­te ni­chi­li­sti­co. La con­di­zio­ne ge­nui­na dell' uo­mo, se­con­do Stir­ner, non è quel­la del ri­bel­le, ma dell'egoi­sta che sciu­pa un mon­do sen­za sen­so. Sa­reb­be scor­ret­to ri­dur­re le te­si di Gio­rel­lo a que­sti pas­si, es­sen­do il li­bro ric­co di que­stio­ni di estre­mo in­te­res­se, so­prat­tut­to nel cam­po della sto­ria del­le sco­per­te scien­ti­fi­che. Il fat­to è che in es­si sta lo sno­do cen­tra­le del ra­gio­na­men­to di Gio­rel­lo, che di­ce, ci­tan­do Jün­ger, che il ri­bel­le «può tro­va­re il di­rit­to so­la­men­te in se stes­so, giac­ché og­gi non c'è do­cen­te di di­rit­to ci­vi­le né di di­rit­to pub­bli­co che pos­sa of­frir­gli il ne­ces­sa­rio ba­ga­glio teo­ri­co. Sa­rà più fa­ci­le per noi im­pa­ra­re dai poe­ti e dai fi­lo­so­fi qua­le po­si­zio­ne è giu­sto di­fen­de­re». Que­sto, e Gio­rel­lo lo sa­prà, è Nie­tzsche for dum­mies, Nie­tzsche per prin­ci­pian­ti, au­to­re che da tem­po or­mai è en­tra­to nel pantheon della si­ni­stra, do­po l'ini­zia­le cen­su­ra. For­se que­sta nuo­va eti­ca del ri­bel­le ha un no­me vec­chio: vo­lon­tà di po­ten­za.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy