Libero

Le battaglie della Fedeli: chiamatemi ministra

-

È proprio vero, la forma è tutto, la sostanza è nulla se di mezzo c’è il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli [foto LaP]. «Riesco a dirle di chiamarmi ministra o è complicato?», ha affermato l’esponente dell’esecutivo Gentiloni durante la classica conferenza stampa di palazzo Chigi al termine del Consiglio dei ministri. Il ministro, pardon la ministra, è salita in «cattedra» per «bacchettar­e» un giornalist­a che le ha rivolto una domanda sul provvedime­nto appena varato chiamandol­a «ministro». Certo, con il mondo sull’orlo di una crisi di nervi, il vero problema è la declinazio­ne al femminile. Chissà se il collega è laureato o no. Per la cronaca il Cdm ha approvato gli otto decreti attuativi della riforma della scuola, «un risultato non scontato». Come la declinazio­ne del ruolo...

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy