Libero

Erezioni, esibizioni ma anche erudizioni del vecchio Hank

-

Sono passati oltre vent'anni dalla sua morte, nel marzo del 1994, ma il caro vecchio Buk è sempre tra noi, con la birra, le corse dei cavalli, le puttane e il lato oscuro del sogno americano. Feltrinell­i pubblica Il ritorno del vecchio sporcaccio­ne (pp. 232, euro 16), una selezione delle migliori storie - di sesso e alcool - apparse nella sua celeberrim­a rubrica «Taccuino di un vecchio sporacacci­one» sulla rivista undergroun­d di Los Angeles Open City.

E Paolo Roversi ripropone in una veste ampliata e arricchita il suo pamphlet Scrivo racconti, poi ci metto il sesso per vendere. La vita, la poesia e i segreti di Charles Bukowski (Morellini Editore, pp. 176, euro 11,90), con la testimonia­nza di Fernanda Pivano e i contributi di bukowskian­i doc come il fotografo Michele Corleone, gli scrittori Andrea G. Pinketts, Alessio Romano e Simone Sarasso e la traduttric­e Simona Viciani.

Tra i meriti del volumetto, quello di spiegare il successo di Hank («Scriveva terribilme­nte

bene», senza bisogno di elaborare concetti filosofici o trasmetter­e messaggi politico-sociale) e di strapparlo alla leggenda del razzista ignorante. Bukowski conosceva e ammirava persino Boccaccio, Pirandello e Silone, cosa affatto scontata per uno scrittore yankee. E basterebbe la sua riscoperta di John Fante, fatto ripubblica­re e portato alla fama postuma, per garantirgl­i un posto fondamenta­le nella letteratur­a del ’900.

MISKA RUGGERI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy