Libero

A Berlino anche gli ebrei temono l’islam

- VITO PUNZI RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Le elezioni tedesche si avvicinano e il dibattito su identità culturale e integrazio­ne è pieno di contrasti. Il tema centrale, già individuat­o dalla sociologa turcotedes­ca Nekla Kelek, è il riconoscim­ento o meno dei valori della Repubblica Federale. Già dieci anni fa con l’istituzion­e di una Conferenza sull’Islam promossa dal ministero dell’Interno, Kelek auspicava che si aprisse un dibattito nella comunità islamica più grande, quella turca, su diritti delle donne, educazioni laica dei figli e indipenden­za economica dalla Turchia. Da allora, come documenta il libro Inside Islam di Constantin­e Schreiber, la volontà d’integrazio­ne non è cresciuta. Appelli quotidiani al non riconoscim­ento del sistema di valori occidental­i, da un lato, dall’altro occupazion­e di posizioni di potere.

Recente la decisione del governo tra Cdu merkeliana e Verdi dell’Assia (il Land di Francofort­e) di ammettere l’Unione TurcoIslam­ica per la promozione della religione nel Comitato di controllo della tv pubblica del Land con altre associazio­ni e chiese. Solo che in contempora­nea, l’Unione, assai legata alla Turchia, è stata “premiata” con il Big brother award per l’attività di spionaggio che compirebbe attraverso gli imam da lei controllat­i (in Germania le realtà che gestisce, tra moschee e centri culturali, sono circa 900).

Niente scontro di civiltà, dunque? Si è alzato un grido d’allarme anche dalla comunità ebraica. Sostenuto da rabbini e personalit­à di spicco, Elio Adler, fondatore in occasione delle elezioni di WerteIniti­ative, ha stilato un manifesto dove ricorda la «cultura egemone» tedesca «liberale e democratic­a», i cui valori che «hanno determinat­o la Costituzio­ne, le tradizioni e le consuetudi­ni» sono «ebraico-cristiani» e corrono il pericolo del «crescente influsso di quelle associazio­ni e unioni islamiche che vogliono dare una dimensione politica alla religione, o le cui posizioni non sono conciliabi­li con la Costituzio­ne».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy