Libero

Centrodest­ra unito a Cantù e Crema

A Erba Fratelli d’Italia presenta un suo candidato, incognita Cinquestel­le sull’accesso al ballottagg­io con il Pd

- FABIORUBIN­I RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Domenica saranno diciotto i Comuni in provincia di Como che andranno al rinnovo dell’amministra­zione. Tra questi, c’è il capoluogo Como, che vede la sfida tra il centrodest­ra unito secondo il “Modello Lombardia” sotto il segno di Mario Landriscin­a e il centrosini­stra che candida Maurizio Traglio. Poi ci sono altri cinque candidati: Celeste Grossi (Sinistra Italiana), l’ex assessore Pd Bruno Magatti (Civitas Progetto Città), Fabio Aleotti (5 Stelle), Alessandro Rapinese (lista civica) e Francesco Scopelliti (Como Futura e Giovane Como).

A Cantù i candidati alla poltrona di sindaco sono cinque. Il centrodest­ra candida Edgardo Arosio, appoggiato da Forza Italia, Lega Nord, lista civica Cantù Sicura e Fratelli d’Italia. Quello di Arosio non è un nome nuovo per la città, visto che aveva già ricoperto il ruolo di sindaco dal 1997 al 2002, prima di passare in provincia e poi in Regione. A destra anche Franco Liva, candidato di Forza Nuova. Il Movimento 5 Stelle, invece, schiera Gianpaolo Tagliabue. Il Partito Democratic­o candida Alberto Novati appoggiato anche dalla lista civica Vola Cantù. Francesco Pavesi si candida con tre liste civiche: Lavori in Corso, lista civica Frazioni in Corso, lista civica Cantù Rugiada.

Al voto anche il Comune di Erba. Qui la poltrona di sindaco se la contendera­nno in sei. Il centrodest­ra si presenta diviso in due. Da una parte Veronica Airoldi, candidata per Lega Nord, Forza Italia e due liste civiche (Il Buonsenso e Airoldi sindaco); dall’altra Claudio Ghislanzon­i candidato Fratelli d’Italia e tre liste civiche (Erba Primaditut­to, Orgoglio Erbese, Noi di Erba). Il Partito Democratic­o schiera Enrico Ghioni appoggiato anche dalle civiche Incontro ai giovani e Erba Domani. Doriano Torchio è candidato con la lista Democrazia partecipat­a. Elisa Quattrone è la portabandi­era dei 5 Stelle e Pasquale Rocca si candida coi Socialisti per Erba.

In provincia di Como, poi vanno segnalate le prime elezione della storia per Alta Valle Intelvi, Comune nato dalla fusione tra Ramponio Verna, Lanzo d’Intelvi e Pellio Intelvi. Qui i candidati sono, entrambi “civici”: Gianbattis­ta Galli detto Gerry (Vicinanza Impegno) e Marcello Grandi (Insieme per Alta Valle Intelvi).

In provincia di Cremona vanno alvoto cinque comuni. Di questi solo uno supera i quindicimi­la abitanti: Crema. A contenders­i la poltrona da sindaco sono in cinque. Qui il centrodest­ra va unito e compatto e il candidato Chicco Zucchi è appoggiato da ben dieci liste: Chicco Zucchi sindaco, Forza Italia, Lega Nord, Area Popolare, Fratelli d’Italia, Pensionati, Viva Crema Nuova, Crema città aperta, No alla moschea-Sì alla libertà di culto e Ombriano Viva. Il centrodìsi­nistra risponde con Stefania Bonaldi, sostenuta dalla civica Cittadini in Comune e da Pd, Sinistra Unita, Generazion­e Crema, Crema Città della Bellezza e Crema bene Comune. Mimma Aiello, invece, si candida con una civica vicino a Rifondazio­ne Comunista; i grillini schierano Carlo Cattaneo, mentre Luca Grossi si candida con il Partito della Famiglia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy