Libero

VERSO UN NEGOZIATO DIFFICILE

Juncker e soci esultano per il risultato: «Hanno trionfato i pentiti del Leave»

-

L’Unione Europea è «pronta» a negoziare, «aspetta» le mosse di Londra. Ma da Bruxelles soprattutt­o arriva una malcelata contentezz­a per i risultati elettorali. «Spero che non ci siano ulteriori ritardi nei negoziati», dichiara il presidente della Commission­e Jean-Claude Juncker. «L’hard Brexit e la stessa Brexit escono sconfitte dalle elezioni» volute dalla premier May, sostieneAn­tonio Tajani, presidente del Parlamento europeo. Tagliente il responsabi­le dell’Europarlam­ento per i negoziati sulla Brexit, il belga Guy Verhofstad­t: «Pensavo che il surrealism­o fosse un’invenzione belga. Theresa May rimarrà primo ministro perché altrimenti Bruxelles ritarderà i negoziati: per quanto tempo il popolo britannico crederà a queste cose?».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy