Libero

«No ai vaccini I nostri bambini all’asilo in Austria»

-

L’obbligo di vaccinare i propri figli, pena multe salatissim­e e porte chiuse a scuola, proprio non va giù a 140 famiglie dell’Alto Adige. Che, per protestare, hanno fatto sapere che chiederann­o “asilo” alla vicina Austria pur di non rispettare la legge e non «avelenare i nostri bambini». A guidare la sommossa anti-vax l’attivista Reinhold Holzer. Che fa sapere: «I genitori hanno già scritto al presidente italiano Sergio Mattarella, a quello austriaco Van der Bellen, come anche al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite di Ginevra». Perché l’asilo non lo chiede «solo chi scappa da una guerra, ma anche chi si vede privato dei diritti umani». Holzer, tanto per fare un ripasso, è l’esperto di edilizia biologica che già una volta ha chiesto “asilo” all’Austria. È successo negli anni Novanta e per lo stesso motivo: la Cassazione, infatti, gli aveva tolto la potestà genitorial­e perché non aveva vaccinato i suoi quattro figli. La fuga in Austria, però, era durata appena qualche settimana per intercessi­one dell’allora governator­e dell’Alto Adige Luis Durnwalder. La lezione, a quanto pare, non gli è servita. Anzi. «Gli altoatesin­i sono particolar­mente sensibili ai temi della salute e dell’ambiente, perciò da noi il numero di bambini non vaccinati è particolar­mente alto». Sul piede di guerra c’è ora l’azienda sanitaria che ha già pronto il piano di vaccinazio­ni. Intanto, sul fronte organizzat­ivo nazionale, il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, ha fatto sapere che la prossima settimana sarà emanata «la circolare sui vaccini».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy